Nonsolomamma

note dallo spogliatoio

ci sono giorni inquieti in cui ci si domanda se non sia ora di fare la rivoluzione. ché magari ogni tot anni è sano cambiare, lanciarsi altrove, osare, scuotersi di dosso la polvere dell’abitudine che aliena l’anima e irrita le mucose. ci sono giorni più faticosi di altri in cui si vorrebbe abbandonare la nave e possibilmente vincere alla lotteria. ci sono giorni strani in cui non sai se sei tu o sono gli altri ma qualcuno certo potrebbe fare di meglio. quei giorni sono insidiosi perché oscurano quello che c’è mostrando impietosi quelli che manca.
così stamattina elastigirl ha pensato che era stravolta e troppe cose non funzionavano e quel tacco dieci che aveva messo per vedere il mondo in quota, la rendeva goffa e lenta e incapace di fuggire via da qualsiasi cosa.
e mentre era lì a piangersi addosso le è venuto in colpo di genio e si è detta: bisognerà pure prendersi il buono di questa vita bislacca, no?
così ha scritto un messaggio alla sua mamma, nonna J, e le ha proposto un cinema all’una che è una pratica toccasana che ognuno dovrebbe provare almeno un paio di volte l’anno.
e si sono ritrovate nel loro cinema preferito, in una saletta con dei divanetti biposto invece delle seggioline. e hanno visto l’ufficiale e la spia che è un gran film che racconta una storia che è la storia.
e, dopo, tutto ha riacquistato un senso, persino lo spogliatoio maleodorante in cui sta scrivendo ora mentre aspetta che sneddu finisca la lezione di pallanuoto.

8 risposte a "note dallo spogliatoio"

  1. Ecco una cosa che non ho ricordi di aver fatto, se non in tenerissima età e che non potrò mai più fare: un cinema con mia mamma. Teatro sì, il cinema era più da mio papà

  2. Che bello sentire “stanga” l’ ho imparato da mia mamma e che bello avere una mamma con cui andare al cinema!
    Ho visto lo stesso film con il mio mister i e lo abbiamo apprezzato molto anche noi Un abbraccio!

  3. “Quei giorni sono insidiosi perché oscurano quello che c’è mostrando impietosi quello che manca”.
    Come sempre sei fantastica Elasti, questa frase è per me un’epifania… non ci sono parole migliori per descrivere il senso di inquietudine che aleggia intorno ai miei 40 anni.
    Fuggire dal mio open space per vedermi un film all’una in solitudine ignorando email e telefonate sarà il mio sogno proibito!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.