Nonsolomamma

appunti coronavirali

al supermercato vicino a casa sono finite le cipolle bianche e rosse. e l’aglio. a ben guardare manca anche lo scalogno. anche la nutella scarseggia.
in un video il sindaco di milano ha invitato i cittadini a non affollarsi agli scaffali per accaparrarsi alimenti (pensava anche lui alle cipolle?) ma a occuparsi dei più deboli e degli anziani. così elastigirl è andata da eritreo cazzulati e signora al piano di sopra. i rapporti con eritreo, che somiglia in modo inquietante all’eroe dei vecchietti di lunari, non  sono stati  sempre facilissimi perché lui è territoriale e irascibile. ma  negli anni hanno imparato a conoscersi e ad apprezzarsi. lui ha capito che gli hobbit non sono bestie di satana e lei  ha capito che dietro quella scorza coriacea, eritreo è un uomo sensibile.
“buongiorno. sono la vicina di sotto”
“sì, la vedo”
“ecco, volevo sapere se per caso… lei e sua moglie aveste bisogno di qualcosa. non so, posso andare a fare un po’ di spesa…”
“già fatto, grazie. a posto così”
“ok. però, in questi giorni… se c’è qualcosa che… possiamo fare. insomma siam qui sotto. non esiti a bussare”
“grazie”
lui ha chiuso la porta. lei c’è rimasta male perché poche cose la frustrano come la propria inutilità. ma si è ripromessa che tornerà all’attacco fino a quando, anche solo per togliersela da davanti, eritreo troverà qualcosa da farle fare.
sabato scorso elastigirl  ha accompagnato mister i alla coop dentro un centro commerciale che l’indomani è stato chiuso. la situazione era ancora abbastanza normale. in compenso ha scoperto che lui ha una relazione con la signora foggiana del banco del pane. insieme parlano per ore della superiorità del cibo e delle genti di puglia. finalmente lei ha capito perché, come pina fantozzi dei tempi d’oro, mister i ultimamente tornava a casa con chili e chili di pagnotte, comprese quelle semi-integrali ai semi di lino e girasole che un tempo avrebbe schifato.
gli hobbit sono a casa da scuola. il grande ha trasformato la casa in un ritrovo di adolescenti vigoressici, il medio ha imparato a suonare l’internazionale al clarinetto e la pizzica salentina al pianoforte. sneddu ieri sera ha cenato fuori.

9 risposte a "appunti coronavirali"

  1. Appunti dal villaggio. In Sardegna, isola molto isolata, si vive senza ansie guardando allibiti la guerra dei mondi. Qualche rara occasione in cui l’isolamento ha dei vantaggi. Per l’arrivo dell’estate sarà finita? Mi sa che altrimenti passerò un agosto mitico. Baci

  2. Vantaggi del virus: oggi sono andata in una sede sindacale di solito superaffollata. Ero sola, la funzionaria di solito impegnatissima beveva un caffè dalla macchinetta. Ho avuto l’attenzione tutta per me.

  3. Da giovane portavo una maglietta dell’Eritreo Cazzulati fregata a mio marito. Intorno all’effige di Eritreo, ad altezza tette, c’era scritto “INPS – campione mondiale di sopravvivenza con la pensione minima”. Alcuni, appuntando lo sguardo sulle mie sovrabbondanze, hanno sobbalzato alla lettura. Da pensionata penso mi sarebbe più acconcia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.