Nonsolomamma

la storia di sanfranz

"voi la conossete la stolia di sanflanzesco?"

"in questa frittata ci sono i gusci di uovo. mannaggia. io non la mangio!"

"piantala. c'è un briciolino di guscio e basta. mangia e non fare storie"

"la conosciamo ma non tanto bene. hai voglia di raccontarcela?"

"sì, ma plima vollei della licotta con lo zucchelo"

"io vorrei delle carote julienne. le carote le mangio solo così"

"sei proprio un ragazzo raffinato"

"allora, questo san francesco?"

"sanflanz…"

"chi?"

"sanflanz, pel fal plima, no? stavo dizendo che sanflanz sapeva addilittula pallale… pallale… con… con…"

"san franz sapeva parlare con?"

"con gli animaaaaaaali: con il lupo, la zivetta, la folmica e anche altli"

"un po' come harry potter che parlava il serpentese"

"ecco, sanflanz ela un po' come helly pottel ma molto di più"

"e di cosa parlava con gli animali?"

"non lo so mica, folse avevano i segleti. pelò un zolno sanflanz andò nel bosco con salleone, un suo amico"

"con chi?"

"san leone"

"ah. e poi cosa accadde?"

"non me lo licoldo. pelò mi licoldo un'altla cosa: plima sanflanz diventa vecchio, poi lidiventa zovane e da zovane è bellizzimo. ma bello bello bello… bello come… obi wan kenobi di guelle stellali"

"secondo me dopo tutto questo ci meritiamo un po' di cioccolata".

41 risposte a "la storia di sanfranz"

  1. Eh dai.. almeno hai avuto la scusa per la cioccolata! La mia stasera è stata: "uh, ho un po' di mal di testa" e mio marito: "prenditi qualcosa", e io: "no meglio un kit kat.. vedrai che passa in un lampo!"

  2. Sciatteria??!!Lasciamelo stare quel nanerottolo,che lo adoro ancora di più adesso che ho finito di leggere il tuo libro!
    P.S.  Sai che penso a lui ogni volta che vedo uno dei cartoni preferiti di mio figlio:il mitico Kicchiapposchi!!Piccolo,rotondetto ,occhio furbo  e impavido!!!
    Ciao bella Elasti.
    Rita

  3. E' solo un fiore

    e te lo dono con amore

    Amore per l'amore

    senza nessuna pretesa

    Non si sente l'odore

    ma ha un dono raro

    non sfiorisce col tempo

    come le passioni umane 

    E' lo specchio senza vetro

    di un anima arresa

    un bacio come fiore

    per farsi ricordare.

    TonyM 

  4. Ahhahahahah… San Franz bello come Obi Wan!!! Hobbit piccolo sì che se ne intende

    PS: Elasti, forse non è sciatteria, molti bambini insistono a parlare come se fossero più piccoli, anche se sanno perfettamente la pronuncia corretta… lo faceva anche il bimbo di una mia amica. E' un voler prolungare ancora per un po' la sensazione di essere piccini…

  5. mio nipote di 3 anni si ostina a non voler più o meno parlare (se crede di non essere visto parla) e qst estate qnd ha notato che molta gente si inteneriva quando diceva “mamma” ha preso ha chiamare tutti così. Piccoli (e furbetti) Peter Pan in erba in cerca di attenzioni e coccole(queste solo quando vogliono loro però). 🙂 baci Patuono

  6. Bah… La mia piccola mutante ha tre anni e ancora parla in maniera incomprensibile.. Tutto esclusivamente declinato al femminile, tre lingue mischiate insieme e contaminazione linguistica completa .. E credo sia splendida così! Se poi aggiungiamo il fatto che si diverta a comportarsi da bebè e che la sorella 5enne l abbia convinta a rimettersi a gattonare in casa ed a chiamarla “mami” vorrei proprio sapere che ne pensa l anonima di cui sopra..son sicura che ci sarebbe da ridere!

  7. Scusa elastic,se ri-parcheggio nel tuo blog.
    Non riesco a prendere sonno,questo agoaspirato mi tormeta.
    Se fosse,ciò che non voglio nemmeno nominare,i miei bimbi come reagiranno?.
    Ti leggo spesso,Vi leggo spesso.
    Donne,qualsiasi esito sarà,io non mollo.

  8. ARTU'

    Davvero crescono elastigirl ! Il grande pianta una grana per una molecola di guscio d'uovo, ma poi c'è la zampata del leone per cui "solo alla julienne le carote sono commestibili".
    Hobbit 2 si dimostra abilissimo: in prima battuta riesce a farsi dire di raccontare la storia di san francesco, il chè implica come logica conseguenza che ci vuole la ricotta con lo zucchero. Niente male, vero ?
    Il racconto di san francesco, o meglio sanflanz risulta abbastanza concentrato. Parlava con gli animali, come Harry Potter, e poi era amico di san leone. Non immaginando cosa aggiungere, ora che la ricotta con lo zucchero l'ha avuta e probabilmente se la è pappata, diche che sanflanz era nato vecchio e poi è diventato giovane e bellissimo.
    A questo punto elastigirl hai dimostrato di essere una persona straordinaria, hai detto mangiamo un po' di cioccoilata.
    Tra qualche mese ci sarà un altro addendo, microbbit, e mi sa che anche lui sarà bello tosto.
    Cari saluti

    artù

  9. Mi piace la storia di San Francesco, è un personaggio estremamente positivo!

    @ 12:  non ti angosciare prima del tempo, tanto le cose vanno comunque  come devono andare, tormentandoti prima rischi di passare dei brutti momenti inutilmente o di anticiparli qualora (ma non credo sia così) fossero giustificati. Insomma se c'è rimedio non vale la pena di prendersela, se non c'è rimedio idem. (scusa il pragmatismo, ma spesso stare con i piedi per terra aiuta parecchio). Qua siamo comunque in tante pronte ad abbracciarti.

  10. Ragazzi, l'ho già detto e l'ho ripeto: che lenze!!!
    E la cioccolata finale è il tocco di genio!!!

    P.S. #12: IN BOCCA AL LUPO!

    Floralye

  11. # 12, so come ci si sente aspettando l'esito di un ago aspirato… ma almeno non avevo ancora figli. Coraggio, non pensare al peggio, un abbraccio.

    Elasti san flanz è mitico  e abbi fede, prima o poi lo hobbit piccolo inizierà a parlare normalmente, non ci si può ribellare per sempre all'evoluzione!

    Io sono ancora qui che aspetto una parola un minimo intelleggibile dal mio nano piccolo di 17 mesi oltre a  "mammaaaaaaa!!!" che però elargisce con generosità a chiunque, gatta compresa…

    In compenso se gli chiedo di andarmi a prendere l'aspirapolvere va a colpo sicuro!

    Ale

  12. ciao #12, io ci sono passata ma ero abbastanza sicura che l'esito non sarebbe stato buono.
    quindi, se stai aspettando l'esito con tanta trepidazione credo e spero che dagli altri esami non sia così sicuro il verdetto.
    so anche che l'eventualità più brutta appare ancora più brutta se hai figli ma nel caso malaugurato sappi che ci si può porre rimedio.
    un abbraccio e un in bocca al lupo!

  13. io mio biondino ha detto la sua prima R a 4 anni e mezzo dopo che una supplente della scuola materna gli ha insegnato un irripetibile scioglilingua a base di T e L accoppiate, ripetendo velocemente il digranmma TL alla fine come per magilla diventa R.
    il risultato è stato che per un certo periodo dal dialetto mandarino siamo passati ad un uso smodato ed ingiustificato della lettera R (la luceltola è diventata rucertola e lantelna è diventare ranterna).
    JJ 

  14. Leggo sempre ma non commento mai. Oggi, però, non posso evitarlo. Per la 12: un in bocca al lupo enorme e un abbraccio forte forte. So come ci si sente ad aspettare una risposta/verdetto … mi è capitato con la gravidanza del mio secondo piccoletta per colpa dello stramaledetto citomegalovirus. Per fortuna e ringraziando Dio-Madonnina-Tuttii Santi  è andata benissimo … e così sarà anche per te. MammadiTommieNico

  15. Un abbraccione alla #12, coraggio.
    Però tu reagisci all'angoscia e al nodo allo stomaco, esci e regalati un po' shopping, non stare sola.
    Quanto tempo devi aspettare? Dacci notizie,
    baci e baci

  16. Ciao, leggo da sempre questo fantastico blog ma non sono mai intervenuta per un commento. Lo faccio oggi per la 12, in attesa dell'ago aspirato.
    per la 12
    Sono stata operata 10 anni fa alla tiroide con l'asportazione di un tumore di 6 cm, praticamente era come avere una pallina da golf nel collo. Oggi mi rimane solo una cicatrice, nemmeno troppoe vidente, e l'obbligo di assumere ogni giorno una pasticchetta. Il medico che ti segue ti avrà senz'altro detto quello che hanno detto a me gli specialisti che mi hanno seguito a suo tempo. Se proprio ti deve venire un cancro, milel volte meglio alal tiroide che altrove. la tiroide è un organo "incapsulato", la probabilità di metastasi è infinetisimale, si guarisce completamente nel 99,99% dei casi e senza fare le terapie terribili di altri tipi di cancro. In genere si risolve con una speciale terapia allo jodio, e controlli frequenti, ovviamente, e qualche precauzione nello stile di vita. Quindi stai tranquilla. Vedrai crescere i tuoi bimbi, e magari anche i nipotini! Un grosso in bocca al lupo!

    PS E a Elasti meritatissimi complimenti da una collega romana, giornalista finanziaria con due hobbit femmine di 6 e 2 anni!!!!

    Angela

  17. Anche al nido di mia figlia hanno raccontato la storia di San Francesco e il lupo.
    Alla mia richiesta di raccontare lei ha esordito candida candida:
    C'era il lupo cattivo. C'era San Francesco. Cappuccetto Rosso e i tre porcellini.
    Più o meno ci siamo no?

  18. Eccomi,
    scusa elasti se  parcheggio qui,volevo ringraziare tutte quelle,che per me hanno una parola di conforto.
    Non c'è l'ho fatta,oggi,sono tornata indietro,scappando quasi.
    Non rimproveratemi,vi prego,è stato più forte di me.
    Ho paura,molta.Non dell'esame.Ma dell'esito.
    Mi sento molto infantile,le mie reazioni,mi danno modo di conoscere parte  di me che  non sapevo esistessero.
    Ho perso un fratello,mio padre,mia cuginamiglioreamica,in poco tempo,ho sempre reagito,prendendo con tenacia,tutto ciò che  il destino serbava.
    Ma,ora no,ora non ci riesco.
    Non ho paura di morire,ma paura  di far soffrire il mio bambino,paura che  questo non nasca.
    M'interrogo spesso,ponendomi mille quesiti.
    C'è troppa indifferenza verso i malati di cancro,mi diceva l'amicacugina.Forse sì.Aveva ragione,
    Qui però ho trovato,quelle parole di conforto da parte  di sconosciuti,che  cercheranno di darmi più forza.Grazie.Un semplice  ma  profondo grazie.
    Marianna.

    p.s. Infermiera,lei non leggerà mai  queste  righe che son per lei:
            Capisco che  per voi,tutti i pazienti sono routine.
            Ma ammalarsi non è una  routine.
           

     

  19. Cara Marianna,
    abbracciati stretta alle persone che ti vogliono bene e ti sostengono, anche virtualmente, come possiamo fare noi sconosciuti in un blog. E non disperare, anche se non è facile.
    No, ammalarsi non è una routine e ci si aspetterebbe maggiore sensibilità da parte di coloro, come medici e infermieri, che dovrebbero aiutarci.
    In questi giorni ho imparato che la condivisione, anche di lacrime e paura, porta un calore nuovo nell'anima. Nessuno sceglie di ammalarsi, però succede e il primo impatto è terribile. Non tenerti dentro il dolore.
    Spero che tu non abbia davvero nulla, ma se così non fosse, ci sarà qualche altra via.
    Per la mia malattia non ci sono cure, ma non le permetterò di togliermi ciò che sono nel profondo di me. Nonostante tutto. E te lo dice una giovane donna molto spaventata.
    Ti sono vicina e ti mando un forte abbraccio

  20. Il tuo hobbit piccolo è un genio! Leggere i tuoi racconti risveglia in me un istinto materno che è bene resti latente ancora un po'…. Per ora è decisamente meglio che mi limiti a sorridere come una scema a tutti i bimbi che incontro

    PS Leggerti è un piacere!

  21. Cara Marianna, so cosa significa aspettare l'esito di un ago aspirato, l'angoscia, io poi non avevo figli. Però devi riuscire a farti coraggio, carissima, non è un rimprovero, io stessa sono una che cerca di mettere la testa sotto la sabbia appena può, ma proprio perché sei preoccupata per i tuoi bimbi devi accertare la verità… prima di tutto, può essere un falso allarme (nel mio caso e in quello di altre amiche lo era) e se invece ci fosse qualcosa, prima lo si affronta meglio è. Ti mando un abbraccio forte! Non puoi farti accompagnare da un'amica o un/una parente? Non avere paura di chiedere aiuto 🙂

  22. ma nessuno ha mai pensato che dal tuo blog potrebbe nascere un film? io sì, e spesso anche (sono serissima)! siete una famiglia fantastica e io amo lo hobbit piccolo in particolar modo!

  23. Per Marianna cerca di farti coraggio e affronta l'esito dell'ago aspirato perchè prima si parte e meglio è! Cerca di confortarti con le persone che hai vicino  e sappi che ci siamo anche noi del blog! Se proprio ti rendi conto che non ce la fai da sola sappi che ormai molte asl al loro interno hanno istituito un servizio di psiconcologia dove delle persone bravissime stanno accanto alle persone malate di tumore e le aiutano a superare questo drammatico momento! Un grosso in bocca al lupo e un forte abbraccio
    maria carmine

  24. Marianna, cerca in te il coraggio di affrontare quel maledetto ago, fallo per te stessa e per i tuoi bambini, il male lo puoi vincere solo affrontandolo, se fai finta di ignorarlo purtroppo potrebbe vincere lui.

    Non ti dico come ho vissuto la settimana in attesa dell'esito, ma è passata e per fortuna si trattava anche per me solo di un falso allarme, come potrebbe essere sicuramente anche per te.

    Ti abbraccio fortissimo e segui il consiglio di chi ti dice di farti accompagnare, da sole certe cose sono terribili, con qualcuno vicino si sopportano meglio.

    Ale

  25. ho letto gli ultimi 5 post…semplicemente unici!!! Ora come otra,poi, mi trastullo con il post intitolato "ilsenno di poi"…sperando che, fra 30 o 40 anni, anche io considerei questo come il periodo più felice della mia vita…

    Michela + Lorenzo ( 28*1)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.