Nonsolomamma

Luisa

Da tre settimane ci troviamo all’alba. Io arrivo trafelata, l’incarnato verdastro, la goffaggine del pesce fuor d’acqua. Lei sta. Composta, sorniona, l’aria di chi ha attraversato la follia del mondo senza sporcarsi. Ha un’eleganza incurante, discreta. I primi giorni ci siamo annusate, con guardinga cortesia. “Resterai con me in quest’orario infame?” Volevo chiederle. “Ti prego…… Continua a leggere Luisa

Nonsolomamma

in-eleganza

Mister I e io ieri sera siamo andati a cena a casa di amici. Lui indossava una giacca a vento blu con un polpo bianco a pallini rossi ricamato sotto la spalla sinistra. Accanto al polpo, la scritta: I’ so’ d’Bààri. “Sono elegantissimo”, ha detto compiaciuto, rimirandosi nello specchio dell’ascensore. Era serio.

Nonsolomamma

diventare grandi

Credo di essere diventata grande. Alcuni inequivocabili indicatori parlano chiaro. È la settimana della moda e Milano si riempie di creature aliene e filiformi, dalla bellezza illegale e l’altezza smisurata. Invece di camminare, attraversano il particolato fluttuando. Un tempo mi saliva un’invidia malata, un’insofferenza livorosa per quelle ginocchia ossute, quelle gambe chilometriche, quelle forme di…… Continua a leggere diventare grandi