Nonsolomamma

l’eccezione

"certo che ha quasi cinque anni…"

"già, dovrebbe cominciare a parlare normalmente"

"il suo problema è che è sciatto dentro… basta vedere come si veste"

"il dramma è che la sua non è sciatteria ma una tragica scelta stilistica"

"già, ma prima o poi inizieranno a prenderlo in giro"

"se vivessimo a bari, dove i bambini sono molto più spietati che qui a milano, lo avrebbero già massacrato"

"bisogna fare qualcosa"

"ti ricordi di giulio?"

"perché?"

"perché anche lui parlava in modo terrificante. la pediatra ha consigliato ai genitori di correggerlo sempre, sistematicamente. lo hanno fatto e ora parla perfettamente"

"vuoi provare con la correzione selvaggia? non sarà controproducente con lui?"

"non so… oh, guarda, sta arrivando"

"ehi zao. cosa state fazendo?"

"faCendo, nano. non faZendo… Ciao non Zao"

"ho capito. non mi vuoi dile cosa stavate fazendo?"

"no, no… stavamo chiacchierando"

"inveze di chiacchielale, pelché non zocate con me a dalt fenel?"

"chiacchieRaRe"

"chieLaLe, zocate a dalt"?

"CHIacchieRaRe"

"che scozzatula che siete! zocate a dalt fenel o no?"

"noi Giochiamo a daRt FeneR se vuoi. non Zochiamo a daLt feneL"

"ohhhhh! sentite. il zoco è mio, lo dezido io e zi zoco io. adesso che zi penso è meglio che voi due non zocate. continuate a chicchielale qui come due tlistoni. zao"

"…"

"credo che con lui sia meglio provare un altro metodo…"

"già"

"sai cosa mi consola?"

"cosa?"

"che non ho mai incontrato nessun adulto, nemmeno quelli con difetti bestiali di pronuncia, che dicesse Zocale o Zao. significa che tutti imparano a dire la G e la C, prima o poi"

"oppure significa che abbiamo in casa l'eccezione che conferma la regola".

99 risposte a "l’eccezione"

  1. Miiiii, un marxista-leninista che elogia il darwinismo sociale, sia pure quello fonetico dei bambini baresi
    Fra le vocali apertissime milanesi di Elasti (che pure ha una vezzosissima R moscia, magari io) e le vôcâli che si prônuncianô col circonflesso del marxista-leninista barese, W le G e le C dello Hobbit

    'C'è un'elastigirl che s'aggira per l'Europa'

  2. mio nipote parlava esattamente come il tuo nano, ma poi andando a scuola pian piano ha imparato a parlare nomalmente…sob, non è più la stessa cosa !

  3. La mia Eleonora a 5 anni invece la Z non la vuole proprio dire. E la pediatra svedese dice che dal logopedista prima dei sei anni non bisogna andarci…

    /Stefano
    congedoparentale.blogspot.com

  4. …passerà (credo)!
    Ma lo sai qual è la cosa incredibile? Che da quando siamo lettori assidui del blog, nonchè divoratori dei tuoi libri (dimmi che stai pensando al terzo, come i figli!) io e mio marito parliamo come lo hobbit piccolo!
    EVVIVA LI FOLMICHI!!!!!

    mammaVale

  5. nn vorrei rovinarvi la festa ma mi sembra ke allo hobbit piccolo mankino la R la S e la G. la C mi sembra ce l'abbia e io conosco un sacco d persone ke nn hanno la R e la S e sono adorabili.. ke male c'e' a parlare a modo proprio??
    tra l'altro elasti la R mi sembra manki anke a te e tu e sei la + adorabile!

    Lokki-Guastafeste

  6. x il mio cucciolo che parlava così fino all'anno scorso sono bastati tre incontri con la logopedista che ci (a noi tutti) ha insegnato qualche piccolo trucco per correggere difetti del genere. in effetti gli amichetti cominciavano a non capirlo e occorre anche pensare a come tradurrà i suoni in testo scritto, se non li pronuncia bene è probabilem che non li scriverà bene.

  7. Ma che ci vuole a consultare un logopedista invece che affidarsi alla rete? Basta una seduta per togliersi il dubbio (io l'ho fatto per una balbuzie di mia figlia, che però non necessitava trattamento).
    Invece il mio dubbio è (e sono seria, non polemica, in quanto mi piacerebbe scrive un blog): ma il figlio grande, che sa leggere benissimo, è contento di vedere che tutte le sue cose, anche intime, sono alla mercé di tutti? E il piccolo? tra poco saprà leggere anche lui. va bene che non hanno ancora acceso al computer, ma tra brevissimo lo avranno e leggeranno il blog. E se non hanno accesso da casa, lo avranno da casa di qualche parente o amichetto.
    Come ti regoli a riguardo? Discuti e concordi con loro, con tuo marito, i nonni, insomma tutti, per poter scrivere di loro? Oppure no?
    Consigli per un'aspirante blogger

    Grazie e baci

    Ilaria

  8. il logopedista secondo me è importante,il problema è che se non pronuncia bene le parole,ma le impara a modo suo,poi non scriverà bene,e inoltre gli altri bambini potrebbero non capirlo,e non sempre i genitori sono presenti per tradurre.
    la mia logopedista sostiene di dover correggere sempre le parole sbagliate e di parlare tutti in modo corretto e chiaro………..
    Nel tuo caso non so se citi le parole di tuo figlio anche un pò in licenza poetica…………………………………quello del linguaggio in così tenera età non è un problema grave,però uno specialista lo puoi sempre sentire!

  9. #13: hai ragione per quanto riguardi la riservatezza, ma tutti i protagonisti ed i deuteragonisti dell'elasti-mondo escono dai post di Elast come personaggi meravigliosi, quasi da fiaba, fanno una bellissima figura, sono adorabili.
    E poi penso che gli elasti-personaggi già in età da lettura, dall'economista marxista-leninista alla zia pazza allo zio scemo, a W, ad artù, leggano già questo blog, e – dato che continua – non se ne siano lamentati.
    E poi, marxianamente, 'il privato è pubblico', quindi…..

    Un'elastigirl s'aggira per l'Europa

  10. Guarda cher io ho parlato come una cinese (ellle al posto di erre) fino a sette anni i miei non me l'hanno mai fatto pesare sopratutto perchè quando ero coi miei pari chiacchirravo normale!

    Ora ….  a 46 anni suonati tartaglio, mangio le parole, le digito peggio, ho qualche tic.. m ain compenso la erre e la elle son data a posto!

  11. Martina invece ha fatto logopedia finoa un mese emezzo prima di iniziare la scuola.
    Non diceva ancora la v e la erre ma una volta imparato aleggere woilà la v e la r son diventate una cosa sola!

    Ora parla così: Mamma pVendi i cVecheVe poi vuai dal caVtolaio che ho bisogno i quadeVni!

  12. "Potti" al posto di "biscotti" me lo sono portato fino alla fine dell'asilo dice la mia mamma, eppure a parlare e a scrivere ho imparato lo stesso.

    Oddio visto il numero di errori grammaticali che infilo di norma e la scarsa conoscenza del congiuntivo non so se questa sia una buona notizia!

    ^_^

    Pigliala con beneficio di inventario, tanto CN per sì prima o poi lo ha mollato vero? Magari quando si è accorto che non gli badavate più. Magari.

  13. #21 Beh, anche Elasti paVla un po' così, con questa sua eVVe fVancese molto vezzosa a sentiVsi. Il fatto che anche tua figlia paVli in questo modo è senz'altVo di buon auspicio. Falle faVe il classico e la bocconi, peVò.

  14. Elasti, a parte la questione hobbit, che a me piace così, volevo dirti che stavo tentando di linkarti su blogspot, ma quando lo faccio nel blogroll compare un sito di pubblicità.

    Il link è giusto e se lo metto nella barra degli indirizzi mi porta qui, se lo metto nel blogroll mi porta a "Simply".

    Problema mio?
    Però per nessun altro blog splinder mi accade.
    Dal mio vecchio splinder il tuo link funziona benissimo invece.

    Te l'ho scritto solo perché ricordavo avessi avuto strani fenomeni di scambio con un sito di pubblicità.

    Buon proseguimeto.

  15. il mio piccolo hobbit (età attuale: 10 anni) fino a 5 anni suonati diceva la "EZZE" al posto della "ESSE" e una gorgogliante "SHH" al post della "CI". poi abbiamo traslocato in germania e ha dovuto imparare a parlare in tedesco: sarà che ha cominciato a mettere lingua-denti-accessori in posti diversi, ma magicamente ha ottenuto una pronuncia impeccabile (con tanto da dizione teatrale, manco avesse fatto un corso O.o) in una lingua e nell'altra! due piccioni con una fava ^^
    Chiara

  16. non ti preoccuper,e all'asilo avevo l'amichetta che diceva Zulia invece che Giulia. Poi ha imparato a dire Giulia con la G ed è diventata una punkabbestia.

    Se il l'hobbit piccolo comincia a lasciare lo stile sbracato per le borchie e la cresta verde è tutta colpa della G.

    Sallo 🙂
    Giulia (giuliadiario)

  17. Tempo fa facevo la babysitter e la bambina che curavo diceva orogiolo anzichè orologio, il colore doro, anzichè oro e questo perchè i genitori le davano corda usando le stesse storpiature. Poi un giorno la beccai a parlare correttamente con bambini sconosciuti, e colta sul fatto, smise. A me pare ( così sembra dal blog) che voi gli rispondiate correttamente, non usando gli "zao". Inoltre sa parlare abbastanza inglese da interagire con coetanei madrelingua, cosa che dubito sappiano fare i bambini baresi (però loro magari sanno il dialetto) o i suoi compagni di classe. Non è figlio mio, ma lo lascerei in pace (anche perchè mi pare che abbia una certa personalità il ragazzo). Potrebbe corregersi da solo una volta che impari a scrivere.

  18. Il mio terzo figlio aveva problemi di pronucia, e ha dovuto seguire alcuni cicli con la logopedista.
    Mi era stato vietato di correggerlo, ne avrebbe risentito la sua autostima e sarebbe stato a rischio di balbuzie.
     Basta non farne un dramma, seguire i consigli di uno specialista e la cosa viene superata serenamente.
    (Se un bimbo avesse bisogno degli occhiali? , se un altro di un apparecchio acustico?, se uno avesse una macchia cutane immensa ???)
     il mondo è bello e vario, alcuni mettono "male" la lingua e devono essere corretti da chi sa correggerli.
     abbraccione e in bocca al lupo a te e ai giovanotti.

  19. scommetto (un gelato "coppa d'autunno" -misto creme con marron glaces e trito di nocciole) che l'hobbit in oggetto sa benissimo come si parla e un giorno di questi stupirà tutta la famiglia cominciando di botto a esprimersi utilizzando tutte le consonanti… Sapete quando? Appena il micro comincerà a parlare. Ripeto: scommetto
    http://www.nonnasidiventa.blogspot.com/

  20. Anche il mio secondo ha parlato con difetti di pronuncia fino alla fine della materna. Credo che non si debba lasciar correre perchè è "adorabile", in questo modo rimane sempre piccolo mentre lui ha bisogno di crescere. Con mio figlio è bastato correggerlo sistematicamente e la cosa si è risolta, se avesse proseguito sarei sicuramente andata dalla logopedista (non mangiano i bambini). Elena

     

    AfrikaansAlbanianArabicBelarusianBulgarianCatalanChineseCroatianCzechDanishDetect languageDutchEnglishEstonianFilipinoFinnishFrenchGalicianGermanGreekHaitian Creole ALPHAHebrewHindiHungarianIcelandicIndonesianIrishItalianJapaneseKoreanLatvianLithuanianMacedonianMalayMalteseNorwegianPersianPolishPortugueseRomanianRussianSerbianSlovakSlovenianSpanishSwahiliSwedishThaiTurkishUkrainianVietnameseWelshYiddish⇄AfrikaansAlbanianArabicBelarusianBulgarianCatalanChineseCroatianCzechDanishDutchEnglishEstonianFilipinoFinnishFrenchGalicianGermanGreekHaitian Creole ALPHAHebrewHindiHungarianIcelandicIndonesianIrishItalianJapaneseKoreanLatvianLithuanianMacedonianMalayMalteseNorwegianPersianPolishPortugueseRomanianRussianSerbianSlovakSlovenianSpanishSwahiliSwedishThaiTurkishUkrainianVietnameseWelshYiddish

    Detect language » Hungarian

     

  21. Lo hobbit piccolo è mitico…è talmente simpatico che corro il rischio di cominciare a dire "zocale, zao, chiacchielale" anch'io, eheh!!!
    Dai un bacione al piccolino da parte mia ^__^!!!
    Giuliana

  22. Ciao, sono capitata qui per caso…
    premetto: non sono logopedista, ma ho vasta esperienza a riguardo: ti consiglio di farlo vedere anche perchè può essere solo un problema di pigrizia, ma magari invece non sente quelle lettere e per lui C e G sono esattamente la stessa cosa e questo può diventare un problema quando si deve imparare a leggere e scrivere

  23. La mia erre arrotata è stata un problema enorme: tutti i bambinii da piccola mi chiedevano di dove fossi. Io sono di BARI, ma loro non ci credevano, dicevano che io ero straniera! Hai ragionissima a dire che i bambini baresi sono (tra cui anch'io ero) spietati, tra l'altro siccome i miei mi avevano vietato di parlare in dialetto, avevo anche una dizione discreta e non facevo grossi errori grammaticali…Con quella erre sembravo davvero straniera e questo era disperante per me, non mi sentivo accettata, non ero una di loro…DA SOLA a nove anni ho corretto la erre, mi facevo mostrare da chiccessia dove posizionassero la lingua per pronunciare bene la erre…Ce l'ho fatta, ma è stato atroce e tutt'ora vorrei abbandonarmi alla rassicurante naturalezza di quella erre, ma temo si ripeta quello che già è accaduto, che mi vedano diversa. Nemmeno a 44 anni ti liberi di certe angosce, non saprei cosa consigliarti, io ai miei ho sempre nascosto la mia disperazione, non sapevano che ero presa in giro ecc. Cercate di capire se il piccolo si rende conto della diversità delle sue parole e agite col cuore, come fate sempre, che vi riesce bene…UN BACIO. Antonella

  24. Ciao Elasti,  ciao Mister I, secondo me è tutto molto più semplice: avete un romagnolo inside. la c dolce e la g dolce noi non sappiamo nemmeno cosa siano. per non parlare della z.
    Quindi, o vi rivolgete ad un logopedista o fate mettere sul certificato di nascita che è nato a Forlì (magari venite a vivere anche voi in Romagna):)
    Bacini
    Mary

  25. Lo trovo adorabile con questa sua pronucia.
    Ma non mi permetto di dare consigli, ci vuole un esperto.

    Magari lui sa pronunciare benissimo le parole ma vuole restare "il bambino piccolo" (i secondi a volte sono smarriti tra i due fratelli, conosco una bambina della stessa età anche lei seconda di tre e pure lei pronuncia male la S e altre lettere, ma è sgamatissima ed escogita di ogni per attirare l'attenzione dei genitori su di lei, una vera volpina!)

    Una mia compagna di scuola invece (anche lei seconda di 3) aveva un problema di pronucia con la S, e gliel'hanno risolto con l'apparecchio messo però dopo che ha perso quelli da latte. Essendo molto simpatica, non l'abbiamo mai presa in giro, e per via di quel difetto, attirava le coccole di tutte le mamme.

  26. Non per portare sfi… sfortuna, ma conosco delle ragazze che dicono Z anzichè C, tipo: penZavo, zaooo etc etc. Però lo fanno per atteggiarsi, a cosa non saprei, ma è così… ðŸ˜‰
    C-iao, Parvula Scrivens

  27. Nr. 13 se ti consola i miei figli sanno che ho un blog e se ci sono cose che non posso scriverci me lo dicono (insomma). Il blog in effetti lo scrivo per loro anche se immagino che la soddisfazione di leggerlo un giorno non me la daranno granché.

    Sulla logopedia invece a nostra pediatra a suo tempo si disse fiduciosa che era una questione di tempo e di non dar retta alle maestre dell'asilo che si preoccupavano, ma che per stare tranquilli era meglio fargli fare un test dalla logopedista sia per usarlo come pietra miliare (a x anni parlava così) sia per non doversi dire dopo: a x anni si poteva ancora fare qualcosa e non l'abbiamo fatto e adesso ci vuole più sforzo.

    Detto ciò andare dalla logopedista mi sembra il modo migliore per riempirti le poche ore libere che ti dara il part-time, quindi comincerei subito prima che ti abitui a usarle per ltre cose fondamentali nella tua vita.:-)

    Un abbraccio, Mammamsterdam

  28. O mamma mia, il logopedista a 'quasi 5 anni'? Ma signore su, un po' di serenità, possibile che ogni fase della crescita debba essere standardizzata, uguale per tutti altrimenti-sono-guai-e-si-va-dal-medico?

    Per esperienza, =crescita di 3 figli, vorrei anche correggere un rapposrto causa-effetto che molti commentatori mettono al rovescio: non è vero che se non riesce a pronunciare bene le parole poi scriverà male, è il CONTRARIO, quando imparerà a scrivere correggerà gli ultimi, eventuali, dubbi di pronuncia.

    L'unico specialista di cui avrà bisogno e che lo aiuterà nella conquista delle lettere sarà la magica maestra (o maestro) delle elementari di italiano.

    Nella mia vita da mamma ne 'ho avute' 3, e, sarà stata fortuna, sono state persone meravigliose, capaci di magie fantastiche, come insegnare a leggere, per me una delle trasformazioni più grandi e meravigliose che si possa vedere nella crescita di un figlio.

    E lasciatelo zogale quanto vuole finché può, e godetevi il zoco insieme a lui che ve lo chiede. Prima di subito col cappero che vi chiederà di zocale con lui….

    Bazi e bazi

  29. Sai quei campi rieducativi in Siberia per ragazzi con difetti di dizione sotto i 6 anni?quelli ci vogliono altro che la Reggio Preschool!! Mr. I sa di sicuro di cosa sto parlando. Per chi dice passera’: e Jovanotti? Rots

  30. Oddio volevo essere ironica e mi rileggo un po’acida invece…Cara Elasti chiedo scusa se lo scritto suona male! Vedrai tutto si aggiustera’ da solo. rots

  31. HermioneGinny bambina seienne che non sa pronunciare la erre e che legge il primo libro da sola (una storia di gattini che non sanno dire la erre, intotalata "La pallina lossa"):
    "Mamma, hanno sbagliato! Rossa si scrive con la r di rosa, non la l di limone!"
    La maestra sostenne che non mi serviva la logopedista. Ora di anni ne ho quasi trenta e, nonostante non pronunci ancora la erre, scrivo senza errori, cosa che non si può dire di tanti miei coetanei che sanno pronunciare perfettamente tutte le consonanti…

    L'hobbit piccolo non è "difettoso", è speciale!

    HermioneGinny

  32. Esercizio della sera: ramarromarrone,ramarromarrone,ramarromarrone.
    Non so se funzioni, un giorno il mio quasi settenne si è presentato a casa ripetendo (come una marcia scozzese) queste due parole (forse insegnategli dalla zia logopedista): la R è pressochè perfetta, la S sembra quasi emiliana….
    Secondo me, essendo nel mezzo, lo hobbit piccolo si è ritagliato un suo piccolo palcoscenico, per non rimanere fagocitato dai due fratelli.
    Roberta

  33. secondo me, ha semplicemente 4 anni e mezzo, se vogliamo quasi 5 punto.
    comunque, io ho 4 pupi: la prima tutto ok, il secondo che fa la seconda elementare, ha ancora qualche piccolo problemino con la R/L  ma gia dall'ultimo anno di materna si rendeva conto e quando cercava di spiegarsi diceva: con la L di L(R)agno o con la L  di Lana??
    sia la maestra della materna che quelle delle elementari mi hanno detto di aspettare, che avrebbe risolto da solo, che eventualmente mi avrebbero avvisato  se….
    ora e' a posto, solo se parla veloce non si capisce bene…inoltre ha sempre detto ba vene ma ha sempre scritto va bene.
    gli ultimi 2 sono gemelli e come il nano piccolo fanno il secondo anno di materna. ora : uno dei due dice QUARRANTA RRAMARRII  MARRONI E VERRDI,  usa i congiuntivi come un professore di italiano  (il bambolotto piange come se fosse un bambino vero), e riprende chiunque provi a dire una cosa sbagliata (si dice…);  l'altro dice QUALANTA LAMALLI MALLONI E VELDI, dice ciufetta anziche'  stufetta, Ciofia invece di Sofia, ma tutti li capiscono, anche a scuola.
    noi abbiamo sempre parlato correttamente con tutti e quattro, ma ogni bambino e' a se', e ognuno ha i suoi tempi di apprendimento e di elaborazione.
    se poi ci sara' un problema serio, ben venga la logopedista, cosi come ha gia' detto qualcuno, ben venga l'oculista o il dentista.
    debs

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.