Nonsolomamma

circostanze straordinarie

mister i è partito per londra perché lì, di sant’ambrogio e dell’immacolata, si fanno un baffo, gli hobbit sono rimasti in campagna con nonna J e suo marito artù, lei, domenica sera, è rientrata a milano perché doveva lavorare all’alba, e cindy, la ragazza alla pari americana, le ha dato il cambio.
nelle ultime 48 ore, elastigirl, disabituata alla solitudine, ha fatto varie cose, alcune produttive, altre meno.
insieme a mister i, prima che partisse, ha guardato la terzultima e la penultima puntata della quinta stagione di trono di spade, in cui succedono moltissime cose, alcune delle quali veramente terrificanti. “vediamo l’ultima?” si sono chiesti alle 21 della domenica sera.
“non so, sono indecisa… domattina a che ora ti svegli per andare a prendere l’aereo?” “alle tre di notte. tu a che ora ti svegli per andare alla radio?” “alle 4,20” “quindi?” “quindi andiamo a dormire…” “già” “siamo invecchiati…” “e ci svegliamo a orari disumani” “buonanotte”.
lunedì ha lavorato fin verso le cinque del pomeriggio e poi ha preso un tè, con un vecchio amico che vede troppo di rado.
ha cenato davanti alla televisione, sul divano, con taralli e prosciutto, provando a capire, senza riuscirci molto, di che pasta è fatta la candidata sindaco per le primarie del centro sinistra a milano. ha cercato un film da vedere, ha trovato quartet, che è diretto da dustin hoffman, per la prima volta regista a 75 anni. a metà della storia, ha deciso che era troppo stanca, o forse il film era noioso, non ha capito. così, si è messa a leggere un libro terribile e avvincente che si chiama anna e racconta di bambini solissimi in un mondo spaventoso e si è miseramente addormentata prestissimo.
il giorno dopo, che sarebbe oggi, tra le altre cose, ha mangiato di nuovo sul divano sbriciolando ovunque, ha chiacchierato con una sua amica meravigliosa, ha sistemato faccende arretrate, è andata a correre sul naviglio, ha fatto la spesa della settimana, si è goduta un bagno caldissimo e lunghissimo con la schiuma , ha preparato un discorso, di 15 minuti, da fare domani sera e se lo è anche registrato per vedere che effetto faceva e ha pensato che aveva una voce da gattamorta che non le sta molto simpatica.
poi sono arrivate le 16,30, il treno degli hobbit, di nonna J e di cindy stava arrivando e lei è andata a prenderli.
subito dopo si è scatenato l’inferno.
però è stato bello. e dovrebbe succedere un po’ più spesso.

PS domani, mercoledì 9 dicembre, alle 1945, elastigirl partecipa a 5X15, al circolo filologico, in via clerici 10, a milano. qui i dettagli. se voleste partecipare, lei ne sarebbe felice.

19 thoughts on “circostanze straordinarie

  1. Il bello (o brutto) di Netflix…vai di serie televisive a gogo…e si ricorda esattamente di ognuna a che punto siete 🙂
    (Così ci stanno anche delle coccole)

  2. Possibile che quando parli da qualche parte io abbia degli impegni?
    Domani sera porto il primogenito al concerto di un violinista che abbiamo scoperto di recente… È una sorpresa per il nostro piccolo musicista in erba 😉

  3. Sei riuscita a leggere tutto ‘Anna’? perche’ io l’ho divorato ma ho dovuto saltare dei pezzi… troppa angoscia! I libri catastrofici davvero non fanno per me e quando poi ci sono dei bambini di mezzo…brrrrr… me lo sono sognato di notte per diversi giorni.
    Per il resto: concordo completamente con Fede 😉

  4. A proposito di libri terrificanti consiglio, per chi non l’avesse ancora letto, “Dei bambini non si sa niente” di Simona Vinci. Brrr.

  5. Io lavoro i turni. Qualche volta mi sveglio dopo solo 3 ore di sonno. Prendo una tazza di te, turno a letto, leggo il tuo blog, poi mi addormento. Oops. Non volevo dire che il tuo blog mi manda a dormire. E semplicamente rilassante e domentico il mio stress quotidiano. Studio GCSE O Level Italiano e il tuo blog e extra curricolare lettura. Peccato non posso ascoltare la tua voce, mentre leggendo. Ottimo per lettura e comprensione. Tecnologia non e ancora preparato? Forse qualcosa per il futuro. Love your blog. Leslie.

  6. Ma ti fanno delle foto bellissime!
    Chi ti ha fatto la foto che sta nel sito di 5×15?
    Sei accattivante!

    Per vedere le cose di cui parli dall’altro punto di vista:
    mi e’ di recente venuto in mente che, essendomi sposata, non saro’ mai piu’ sola!

    Sul momento ho pensato che fosse una cosa bellissima, ma adesso mi hai fatto venire l’angoscia: avro’ sempre qualcuno fra i piedi PER TUTTA LA VITA??? :O 😉

    Comunque sia, in realta’ io mio marito non lo vedo mai. Abbiamo orari incompatibili. Lui lavora fino alle 2 di notte, quando si sveglia io sono gia’ in ufficio, io torno dall’ufficio presto, lui tardi, cena, e si chiude in studio a lavorare… Un amante clandestino mi starebbe MOLTO PIU’ fra i piedi 😀

    1. la foto del sito 5X15 l’ha fatta una fotografa che sia chiama elena datrino e che ha fotografato vari blogger per una mostra che si chiama facce da blogger. farsi fare le fotografie ha qualcosa di surreale e terribilmente imbarazzante ma poi, alla fine, fa piacere averle!

      1. io vengo scientificamente male in foto
        chiunque sia il fotografo
        infatti odio le mie foto (in casa non ne ho e nei social network non ne metto)
        e farmi fotografare al matrimonio e’ stato un trauma
        io invidio e ammiro tanto quelli che vengono bene in foto…

  7. Ho letto “Anna” in due giorni, finendolo ieri sera.
    Non l’ho trovato per nulla angosciante, ma pieno di speranza e malinconia. C’è in sottofondo l’amore della sorella per il fratellino, del cane per la sua padrona, di Anna per Pietro. Di Anna per la vita, che è più forte di tutto. “La vita non ci appartiene ma ci attraversa”, dice Ammaniti.

  8. Molto bello “Anna”, e non così terribile, alla fine. I bambini se la cavano sempre meglio di quanto gli adulti si aspettino 😉

  9. Buonasera a tutti, è la prima volta che scrivo qui ma leggo sempre. Leggo sempre perché mi trovo bene nelle storie di Elasti e nel suo approccio alla vita. Leggero, profondo e efficace. Volevo fare una domanda su Anna perché pare che l’abbiate letto in tanti. Però se rispondete fatelo solo dopo che anche Elasti l’avrà finito. Ma voi sul serio cosa pensate del finale di questo libro? Grazie

    1. Io penso che sia molto poetico
      Ci lascia la speranza nella magia .
      nonostante la crudezza dell’ambientazione il libro in fondo è, pieno di poesia e di amore
      Marzia

  10. “Anna” è gran bel libro ma piuttosto angosciante perché mi ha messo faccia a faccia con le mie paure più grandi. Come dice Giorgia, altro finale non era possibile.

  11. Grazie mille per le risposte . Io no, penso che erano possibili molti altri finali. E mi ha deluso, anzi mi ha fatto arrabbiare questa conclusione. Concordo con l’angoscia, anche se ho trovato molto più intense le prime due pagine rispetto al resto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...