Nonsolomamma

scricchiolii

“come so geografia? e storia? dopo gli assiri ci sono i babilonesi. sono difficili i babilonesi?”
“e se mi interroga in inglese?”
“non trovo il quaderno”
“ci sei domani? e dopodomani? e sabato? e domenica?”
“ma esattamente questo pomeriggio a che ora esci? e a che ora torni? ho bisogno di avere gli orari precisi”
“e se la maestra si arrabbia?”
“e se la maestra mi odia?”
“ho preso nove in geografia. sì sono contento. ma dopo? dopo un nove in geografia cosa ci può essere?”
“sei sicura che non ho i pidocchi? sicurissima? e se poi invece ce li ho? sicura sicura? in classe mia ne abbiamo trovato uno sul banco di rossana. e se magari non era nemmeno un pidocchio?”
“quando parti tu?”
“mi vuoi bene?”
“la liofilizzazione e la pastorizzazione mi sono piaciute. ma non proprio tutto di scienze mi piace. e se delle cose non le capisco?”
“e se mi dimentico tutto?”
“ti vedo quando torno da scuola?”
“mi accompagni? mi vieni a prendere?”
“e i fratelli? ci sono i fratelli?”
“il papà quando torna?”
“di chi è il turno per dormire nel lettone con te? posso dormire io sempre?”
“ma tu da piccola avevi paura?”
“ho mal di pancia, mal di testa, mal di braccia, mal di spalle. non sto bene”
“sabato andiamo a ivrea? e a che ora partiamo? e a che ora arriviamo? perché?”
“ho perso un foglio importantissimo. e ora come faccio?”
“a bologna non eri già stata? perché ci torni?”
“quando finiscono le presentazioni del libro?”

sneddu è un control freak. lui ha bisogno di sapere tutto in anticipo. altrimenti si agita moltissimo. in questo periodo in cui i movimenti della sua mamma non sono sempre prevedibili, lui spesso si smarrisce. e fa mille domande per poter costruire un cordone di sicurezza di risposte che non sempre bastano. elastigirl non sa bene cosa fare, oltre a rassicurarlo continuamente. lasciarlo le dispiace, portarlo con sé non funziona perché le presentazioni hanno un effetto destabilizzante sugli hobbit più piccoli. procede per tentativi ed errori, sapendo che si cresce anche così, ma si sente un po’ male e parecchio in colpa.

18 risposte a "scricchiolii"

  1. Se in più una neuropsichiatra ti sgrida, i sensi di colpa aumentano… Dottoressa bravissima e dal sorriso luminoso, ma ieri ha messo un po’ in soggezione anche a me 🙂 Quando i mal di pancia non passano, nonostante le rassicurazioni, io provo con la condivisione delle paure: le parlo delle mie, dei miei errori, delle mie situazioni imbarazzanti. Non so se serva nel complesso, però sul momento sembra attenuare un po’ il disagio.

  2. Cara Elasti, anche io sono una control freak e temo ogni turbamento nelle mie abitudini. Ma quando vedo che riesco anche quando le cose cambiano e che so gestire l’ignoto, mi sento molto più forte di prima. Anche se ora ha paura, spero che l’hobbit piccolo senta la forza e la sicurezza aumentare ogni volta che ha il coraggio di fare un passo nel buio.

  3. Liofilizzazione, pastorizzazione..Assiri e babilonesi??? Ma che classe fa lo Hobbit piccolo? Qui in terza elementare stiamo ancora al prima e dopo😯😯

  4. onestamente? non credo sia un problema di controllo che ai vostri avanti e indietro negli orari più strani è abituato da sempre e ha i suoi punti di riferimento emotivi comunque
    cresce, sarà in uno di quei passaggi in cui si balza e rimbalza, due passi avanti e quattro indietro, e la mamma torna a essere la mamma con la M maiuscola
    quando non c’è manca
    farai quello che poi per esserci quel tantino speciale per lui quando possibile, per il resto crescerà comunque forte e solido perchè la vita è che non sempre si ha ciò che si desidera ma si procede bene avendo dentro ciò che serve
    lui ce l’ha

  5. Capisco il sentimento, perché quando i miei figli mi dicono “Ma come, vai di nuovo a lavorare?”, spiego loro che lavoro a orari del cavolo proprio per poter stare con loro durante il giorno.

    Elasti: fai delle cose fighissime e cresci tre figli fighissimi, che cavolo potresti fare di più?

    Ma in tutto ciò quello che mi colpisce di più è il programma delle elementari italiane, che porca pupazza mio figlio in terza arriva a casa e fa “Mamma, FINALMENTE abbiamo fatto i numeri fino a mille!” “Ma come? E che cavolo facevate finora?” “Fino a 100”, e questo è il programma di 4 anni di elementari: leggere, scrivere, contare, dire “grazie” e “prego” e salutare gli adulti.
    Mio figlio è frustrato da morire. Se gli dicessi cosa fanno lì, mi pregherebbe di trasferirlo alla scuola di Tarvisio.

      1. Per ora in Italia ma dovremmo partire nelle prossime settimane per stare in viaggio per un po’. Avremmo anche un blog, ma non vorrei abusare dell’ospitalita’ qua.

  6. Io penso sempre che tu stia facendo un ottimo lavoro e che non sia necessario assecondare al 100% ogni bisogno dei figli.
    Anche loro devono imparare a far fronte a disappunto e incertezza 🙃

  7. Anch’io ho un bimbo (più piccolo) che ama avere la situazione sotto controllo… mi ha aiutato molto seguire il consiglio di un’amica e preparare un calendario, nel suo caso con disegni, in cui si vede quando la mamma parte, quando torna ecc. ecc…..

  8. La mia bimba di sei anni e mezzo gli assomiglia…le piace sapere già dalla mattina chi la porta a scuola, chi la andrà a prendere, cosa mangerà a cena (solo che io in genere lo decido alle 18.30 se non più tardi…)…adesso è assolutamente gestibile, dici che crescendo potrebbe peggiorare? 😉

    1. Così sin da piccola, ti posso confermare che, a 29 anni, la situazione non è migliorata, anzi… capisco benissimo lo hobbit piccolo e condivido le sue frustrazioni ogni giorno da 29 anni. Si vive parecchio male, lo ammetto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.