Nonsolomamma

la tisana di nonna ciofanna

alle 21,00 in punto nella stube del maso altoatesino in cui alloggia l’elasti-famiglia, nonna ciofanna prepara la tisana di melissa.
la stube è una stanza rivestita di legno con una grande stufa al centro e un enorme e realistico cristo crocifisso che lo hobbit piccolo chiama “papà”.
l’appuntamento con la melissa è un imperativo morale per nonna ciofanna che approfitta della riunione per conoscere meglio i suoi ospiti.
la signora porta grembiuli colorati, un piccolo chignon trattenuto da una retina nera e si sposta tra i tavoli conversando in italiano e in tedesco, spesso senza badare alla nazionalità dell’interlocutore.
ha un sorriso dolce e un viso morbido che stridono con lo sguardo severo e penetrante di due occhi neri, minuscoli come fessure.
“e qvesti pampini fanno a skuola?”, chiede fissando lo hobbit grande che ammazza le mosche a mani nude e lo hobbit piccolo che, per non smentire gli stereotipi italiano-pizza-mandolino, strimpella una chitarra di plastica trovata nella stube cantando una nenia straziante rivolto al crocifisso.
“ehm sì, il grande va alla materna e il piccolo va la nido…”, risponde elastigirl.
“mmmhhh! qvindi tu laforare!”
“già”
“tutto ciorno????”
“tutto il giorno”
“e qvanto paghi per nido pampino piccolo?”
“beh, abbastanza”
“e perché tu non stare a casa con pampino e risparmiare soldi?”, chiede inquisitoria.
“perché… beh perché… però faccio vacanze lunghissime d’estate con loro…”
nonna ciofanna non è convinta.
“e tu?”, chiede porgendo la melissa a mister incredible che detesta le tisane.
dopo essere venuta a conoscenza dello sgangherato ménage dell’elasti-famiglia, della doppia vita di mister incredible e dell’esistenza della gaudente nonna J, in partenza per il mozambico con artù che non è neppure suo marito, nonna ciofanna scuote la testa e promette agli hobbit doppia razione di melissa la sera e di krapfen con panna a colazione.

45 pensieri riguardo “la tisana di nonna ciofanna

  1. Aaaahhhhh: la signorina Ciofanna Rottenmejer !!!

    Io l’avevo detto a Mister I: il prossimo anno tutti in vacanza a Fasanooooo !!!!!!

    Italianen….. BAH !!!

    JACOPO

  2. uguccione di bard

    Hobbit grande è stato fortunato; doppia razione di krapfen al mattino non è poca cosa.
    Invece che hobbit piccolo scambi il cristo in croce per il suo caro papà mi sembra più inquietante, perchè ci poniamo tutti una domanda: chi ha crocifisso mr. incredible ? A parte una facile ironia, ci vorrebbe qualcuna/o dell’elastipopolo, nota psicologa, che facesse da Freud per chiarire l’interrogativo. Anche se la/o psicologa/o fossero quattro o cinque, dovrebbero tutti dire la loro, e si assisterebbe così ad una discussione su un caso specifico di visione della famiglia proprio dall’interno.
    Io uguccione, Signore di Bard, domani vadi in vacanza, al mare, ospite di un mio amico che vive in incognito vicino a Riccione. Per la prima volta ho bisogno di riposo e penso di trovarlo in una località balneare placida e serena.

    Ci sentiremo più in stettembre.

    Cari saluti a tutti

    Vostro uguccione

  3. Doppi krapfen? Mi sa tanto che lo hobbit grande capirà l’antifona e andrà a raccontare alla Frau storie lacrimevoli per averne ancora di più…beh, IO LO FAREI!!!

  4. Può darsi che Frau Giovanna non abbia mai lasciato il suo maso, ma questo non credo sia un grave difetto. La sua visione della vita, così come descritta da Elastigirl, non mi sembra poi così sbagliata. Retrograda forse, impraticabile forse, ma sbagliata no. Per il resto …. abito in trentino, a due passi (proprio due passi) dall’Alto Adige. Mi suona strano leggere di questa tua vacanza, Elasti, come se fossi in terra straniera. Forse un poco lo sei, perché l’Alto Adige, specialmente l’alto Alto Adige (chiedo scusa per il gioco di parole) dove tu ti trovi, è terra di confine. Però per me, che annuso tutti i giorni l’aria altoatesina, è un poco come fosse casa mia. Come posso considerarla una terra straniera?

  5. Uh elasti
    guardo al passato e dico: quante parolacce ho scritto sul distinterrimo blog di elasti?
    Poche – me risponno
    Però se per te sono troppo scurrile bannami.

    “Nonna Ciofanna, ma ‘na forchettata de cazzi tui?”

    Questo è stato il mio pensiero.
    Scusate è che devo ancora cenare e so pure a dieta.

  6. Perchè mi ricorda la nonna bis degli Hobbitt?

    quella per cui ci sono le ferme-ferme e le leggerine?

    Domando scusa se il paragone, AltoAdige contro Bari suona sballato, ma è quello che mi è istintivamente venuto in mente, tutte uguali ste veccette!

    O almeno simili…

  7. Strepitevoli Hobbitt ^^
    Sterpitevoli krapfen mit panna 😛
    Potresti dare tutta la colpa a Mr. Incredible. Potresti dire che lui deve mantenere anche l’altra famiglia, quella inglese, e che quindi tu ti sobbarchi pure i costi di figli non tuoi… se ti trovi alla mala parata, prova con l’inno alla gioia: Freude schoner Gotterfunken, Tochter aus Elysium… magari si commuove!

  8. ARTU’

    Ho quaqsi un piede sulla scaletta per salire sull’aereo e mi è venuto in mente una cosa; anzi a dire il vero mi piacerebbe essere stato un neurone importante di nonna Ciofanna e essere stato presente alla confusione generatasi nei cosini della testa della stessa al racconto della famiglia di elastigirl.
    Nonna Ciofanna è una di quelle imprenditrici turistiche, certamente brave e con iniziativa che fanno proprio il principio “i primi soldi guadagnati sono quelli risparmiati” che finisce per condurle ad una attenzione alla spesa che non concede loro nessun divertimento o altro che non sia produttivo nei due sensi. Poi di ventano ricche e si trovano vecchie: ma che vita di merda !!!!!!!

    Ora salgo sull’aereo e vi saluto tutti con un abbraccio.

    artù

  9. buon viaggio ad artù e nonna j, peccaminosi concubini!
    se mai passerò una vacanza da nonna ciofanna, inventerò una storia tremenda per avere doppia razione di krapfen con panna!

  10. Adoro le elastistorie…ma ammetterete che raccontate in sintesi non esprimono la fotografia di una famiglia standard!!!
    E’ chiaro che una qualsiasi nonnina si perplima, altoatesina e non!!
    Se però uno ha modo di stare con voi, credo che emerga che i bimbi sono sereni e quindi il vostro equilibrio non può essere stato così balzano!!!!!
    La cosa che mi piace di più è che a me questi interventi normalmente fanno venire il magone di essere una pessima mamma….Elasti invece ha avuto una risposta “zittiscilavecchia”!!!!!
    Sei il mio mito!
    Sofia

  11. hihi, temo che non serva andare tanto lontano (dalle nostre città di pianura) per incontrare donne con le idee di nonna ciofanna, anche molto più giovani… sono appena tornata da vacanza, mi siete mancati! buon divertimento con gli hobbit e mr i, cara elasti! vocetta

  12. Anche io il mese prossimo andrò in mozambique!
    non vedo l’ora di leggere i racconti di (re) artù!

    Per la nostra nonna ciofanna: ma perchè stupirsi? lei è una normale esponente della mentalità dei posti di lingua tedesca. Non è questione di “non è mai uscita dal suo maso”: nel mondo tedesco/bavarese/austriaco/sudtirolese è assolutamente normale che le donne stiano a casa a badare ai figli, di solito almeno tre. Per le donne la carriera di solito finisce dopo il dottorato (quando ci arrivano) e Angela Merkel è un’eccezione, una vera mosca bianca.
    Tali sono le mie certezze dopo quattro anni di vita spesi in cruccolandia, e ciò nonostante mi ci trovo benissimo.

  13. Mi associo ad Artu e Zauberei 😀

    Comunque Elasti, ti capitasse ancora, rispondile “senza soldini di laforo di mamma Elasti, una sola settimana facanze al posto di due, quindi niente nonna Giofanna, solo frau Karla”.

    Vedrai che si convince.

  14. La verità è che Nonna Ciofanna è solo una GRANDE INVIDIOSA ecco…

    Se, e dico SE, farà la brava, forse lo hobbit piccolo potrà cantarle una piccola serenata! ;)))

    Ehiiiiiiiiiiiiii ma I Discepoli che fine hanno fatto?????? ‘sto club lo vogliono mandare avanti sì o no??? ;))))))

    Baci adoranti 🙂

  15. Artu’… stavolta mi hai deluso.

    Nonna Ciofanna non deve permettersi di giudicare la vita di Elasti, ma manco tu la sua… e che diamine!
    Va be’ confessa lo hai fatto perché sentissi meno la nostalgia dei tuoi commenti.

    Buon viaggio

  16. ah! non ci sono più le nonne di una volta… meno male…!!!
    Artù, mi nomino tua cavaliera, spero tu abbia una tavola rotonda..imbandita…buon viaggio, sei un mito! annafaggia

  17. Non c’è niente di male nella vita di nonna ciofanna, come nemmeno in quella di elasti di mr I e degli hobbit, basta non cercare di imporre la propria visione della vita al prossimo…

  18. certo che queste domande del cavolo le fanno sempre alle mamme, nn ai papà (parità del c ..avolo…) e la risposta che sale alle labbra è che forse perchè abbiamo studiato tanto x fare quel lavoro, e forse che siamo anche brave a farlo, e forse che ci pagano pure bene, e che forse stare tutto il giorno con i bambini spesso nn fa bene ne’ ai figli e ne’ alle mamme….ma sono discorsi inutili di fronte a domande tanto ottuse, che cercano di far sentire in colpa chi si destreggia da sempre con orari di scuola, medici, sport, ripetizioni, dentista, fisioterapista e magari anche il lavoro…

  19. Alla fine ognuno ha il diritto di vivere la propria maternità e la propria famiglia come meglio crede. L’importante è essere convinti delle proprie scelte e sereni nel viverle. Penso che la cosa peggiore da trasmettere ai figli sia la frustrazione per una situazione accettata e non condivisa, voluta. A me piace la scelta di nonna Ciofanna perchè Sua quanto quella di Elasty. Un abbraccio!

  20. Io le avrei detto che una donna non è per forza solo mamma (come cita il tuo blog) e per me è giusto così. Perchè poi, quando i figli crescono e, come è giusto, iniziano a farsi la propria vita, tu che fai? Invece, con un lavoro mantieni dei contatti, delle amicizie, un po’ di indipendenza economica, ma soprattutto mentale. Io poi non potrei fare a meno di lavorare per questioni economiche. Se molli il lavoro quando i figli sono piccoli, magari facendo i conti risparmi davvero su nido e baby-sitter, ma poi, quando crescono non è che puoi tornare al lavoro con tanta facilità, ormai rischi di essere fuori!!! Magari (anzi sicuramente) nonna Ciofanna non avrebbe capito, ha una mentalità di altri tempi… forse… anche se mia nonna di 87 anni, che non ha mai lavorato un giorno in vita sua, capisce benissimo e mi dice che faccio bene!!!
    E poi scusa, ma ‘sta nonna Ciofanna non può farsi un piattino di fatti suoi? Scusate tutti se mi sono allargata…

  21. cara nonna ciofanna, sappi che io aspetto con trepidazione l’accidentale gravidanza (perché di pianificarla non è il caso) proprio per avere la scusa di smettere di laforare… ma se io smette di laforare noi cola a picco, cvindi cane morde sua coda. Cvesto fenomeno diffusissimo in italien. Cvesto chiaro ja?
    (E poi il femminismo che l’abbiamo fatto a fare?)

  22. ……E poi, già una deve gertirsi i propri sensi di colpa e le paure di trascurare i figli, ci manca anche una nonna Ciofanna conosciuta da poche ora che ti fa sentire male… Ognuno faccia le scelte (obbligate o meno) che ritiene opportune e lasci liberi glialtri di farsi le loro…

  23. Grande invidia e nostalgia per la colazione, i canederli, la tisana di melissa, per le persone che abitano quei luoghi e in generale per i posti in cui siete. Io sono tornata da poco dalla Valle Aurina (credo sia vicina alla Val Casies) e se potessi ci tornerei immediatamente. Grande Sud Tirolo. Ero fresca, carica, rinfrancata e appena rientrata a casa mi sono scaricata come una pila esausta! Buona vacanza alla tua elasti-familie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.