Nonsolomamma

vietato salire sui treni

"V-I-E-T-A-T-O… vietato, S-A-L-I-R-E… salire, S-U-I… sui, T-R-E-N-I… treni: vietato salire sui treni!"

"oddio oddio oddio! ma tu sai leggere!"

"ma è fantastico, nano! sai leggere! adesso il mondo non avrà più segreti! si spalancano porte, si schiudono tesori, si aprono nuovi orizzonti!"

"vietato salire sui treni! vietato salire sui treni! vietato salire sui treni! ma cosa fai mamma? mica piangi?"

"no, no. è che… be’ insomma è un momento importante. mi emoziono vedendo mary jane e peter parker che si baciano in spiderman, vuoi che non mi emozioni per te che impari a leggere?"

"è un momento epocale! il papà e la mamma sono fieri di te!"

"adesso batta! è nolmale che sa lezzele. pelché va a ccuola altlimenti?"

"sei solo un sciur frignetti invidioso perché io so leggere e tu fai la pipì a letto"

tunf tunf tunf

"ehi fermati nano piccolo! perché prendi a calci il treno? siamo al museo della scienza e della tecnica! non puoi, lo rovini! è un treno antico! ci buttano fuori!"

"che mi impolta? è un ploblema vostlo. io vado via e salo anke su li tleni. zao a tutti"

tunf.

75 pensieri riguardo “vietato salire sui treni

  1. Gentilissima Claudia mi chiamo Cristiano.
    Lavoro per un’azienda di moda e le scrivo in quanto vorrei parlare di un piccolo, non convenzionale progetto, ma non sono riuscito a trovare un suo contatto privato.
    Spero di rcevere un suo messaggio.

    Le lascio la mia email

    cristiano.cesario@inticom.it

  2. Gentilissima Claudia mi chiamo Cristiano.
    Lavoro per un’azienda di moda e le scrivo in quanto vorrei parlare di un piccolo, non convenzionale progetto, ma non sono riuscito a trovare un suo contatto privato.
    Spero di rcevere un suo messaggio.

    Le lascio la mia email

    cristiano.cesario@inticom.it

  3. Gentilissima Claudia mi chiamo Cristiano.
    Lavoro per un’azienda di moda e le scrivo in quanto vorrei parlare di un piccolo, non convenzionale progetto, ma non sono riuscito a trovare un suo contatto privato.
    Spero di rcevere un suo messaggio.

    Le lascio la mia email

    cristiano.cesario@inticom.it

  4. certo elastigirl mi sono rivista nel tuo commento, fra fratelli le dinamiche sono tantissime, i secondi molto spesso non vivono all’ombra del maggiore bensì cercano di fare sempre molto di più e platealmente per attirare l’attenzione.
    Poi, dipende dal carattere, ma la mia seconda è un pò così.

    E’ davvero un’emozione scoprire e udire il proprio figlio leggere da solo.
    Si apre un mondo totalmente nuovo….. sempre avvincente ed arricchente, vedrai.
    Anche la prima pagella, i primi voti, sono stati per me momenti di emozioni tangibili (con piantini, in solitaria però) …
    I figli e loro conquiste sono indescrivibili.

  5. Non ho vissuto così direttamente le gelosie tra fratelli perche’ io e mia sorella siamo nate a grande distanza, per cui per così dire questi post me li godo tutti.

    @ Rixci: rilassati e vatti a divertire, anzi come dicono gli americani : "GET A LIFE", invece di sparare cattiverie gratuite qui   😉

    Close

  6. sai elasti, mi sa che almeno per un po’ smetterò di leggere i commenti.
    ultimamente mi sembra che siano diventati (esponenzialmente) sempre più polemici, e mi tolgono il gusto della lettura!
    sembra che sempre più persone si sentano in dovere di dire come ci si deve o non ci si deve comportare, cosa è giusto o sbagliato…
    non capisco che bisogno ci sia di sottolineare che i bambini possono leggere anche prima dei 6 anni, o che se i tuoi figli saranno gay la tolleranza in cui credi sparirà per sempre e ti trasformerà direttamente in una ronda, o addirittura che incensi la perfezione dei tuoi figli…
    insomma mi mette di cattivo umore il non vedere capita l’ironia, la leggerezza e la dolcezza che metti nei tuoi post, ma anche la tua capacità di non dara mai giudizi sugli altri.
    ecco.
    a presto
    Amica S.

  7. qualcuno non l’ha veramente capito…ma questo è un post ironico…

    io adoro il nano piccolo e tutto quello che dice e capisco la sorpresa di una mamma che sente leggere per la prima volta il proprio figlio!!!
    suysan

  8. Meraviglioso!!
    Tra l’altro anche noi eravamo al museo della scienza e della tecnica domenica pomeriggio, magari ti ho vista! Giulia

  9. ciao Elasti, leggo da sempre i tuoi bellissimi post, sono una briciola di serenità in buonumore in giornate non sempre positive, sono un piccolo tuffo nostalgico negli anni in cui i miei due amati hobbit, oggi adolescenti rompisc…, mi regalavano un mare di risate, mi piace come scrivi, ciò che scrivi, il tuo approccio con la maternità,il tuo non nascondere paure e fragilità, ti invidio per aver avuto il dono di una terza maternità.
    Resto sempre disorientata e sconcertata di fronte a chi legge senza comprendere e anzichè limitarsi a "non frequentare " più il tuo blog, sale su una cattedra e fa proclami,emette sentenza, da lezioni…
    Non ti curar di loro ma guarda e passa, continua a regalare a me e a tutti quelli che come me si sono affezionati all’elasti famiglia sorrisi e attimi di commozione.
    Lalla

  10. C’e’ una parola che inizia con la G .. G-E-L-O-S-I-A.. e’ normale e vedrai che il piccolo per non essere da meno del fratellone sara’ molto precoce !!

  11. a tutte/i quelle/ che criticano i commenti .. guardate che ora ci va di lussso visto che ha smesso di fare commenti max hunter… gustatevi questi che son all’acqua di rose!!

  12. La prima volta che ho letto un cartello e mi sono resa conto di poter leggere tutto, la ricordo ancora. Ero fiera di me, e anche se ricordo molti dettagli: il nome della via che avevo letto, l’emozione, l’esaltazione potente, la destinazione di quel viaggio in auto… non ricordo per nulla le reazioni dei familiari 🙂
    COmplimentoni all’hobbit grande e a te che gli offri un doppio punto di vista sui suoi ricordi più importanti 🙂

  13. ma che è…la giornata del pedagogista per corrispondenza? grazie elasti…come sempre! trovo sia importante insegnare ai propri figli a gioire ognuno per le conquiste dell’altro. nessuna storia è uguale ad un’altra e so che le tue lacrime sono altrettanto emozionate per ciascun progresso di ognuno dei tuoi hobbit. e cosa importa se 6 anni è l’età giusta o sbagliata per imparare a leggere. per una mamma è gioia pura ogni conquista verso l’autonomia dei propri figli. un bacio
    marina

  14. Elasti è una brava madre, dai post non è MAI trapelata la preferenza verso uno dei tre hobbit, ma al contrario, ama ognuno di loro per motivi diversi. Esistono madri che non sanno fare questo, che spesso dimenticano un figlio per seguire l’altro, solitamente ritenuto il più debole ma non si può dare loro una colpa, viene naturale, istintivo, anche se sbagliato.

    Complimenti all’ hobbit grande! 🙂

  15. I tuoi post mi mettono sempre allegria.
    Grazie per avermi insegnato a vedere sempre il lato bello della maternità. A volte non è facile.
    Elena

  16. Io sono una sorella maggiore e ricordo perfettamente una scena simile, quando ha iniziato a leggere mia sorella piccola!
    La bravura dei genitori sta proprio nel saper riconoscere le conquiste di tutti i figli, mettendoli sullo stesso piano, e sono sicura che Elasti saprà farlo!

    E comunque lo hobbit piccolo è un genio, mi fa sganasciare dalle risate :"pelché va a ccuola altlimenti?" Fantastico!!!

    Lalla ds

  17. bene, bene, sono contenta di non essere la sola a "frignare" per le piccole grandi conquiste dei miei pupi!
    ah, le mamme latine…
    Baci
    Paola

  18. Sono dalla parte dell’hobbit è piccolo! E non è che l’inizio! Figuriamoci come apprezzerà quando tutti faranno complimenti all’ultimo nato solo perchè ha fatto "gné"!
    Forza hobbit piccolo!!

  19. ….ma che emozione!!! Complimenti al nano, pensa che avrai altri 2 momenti come questo 😉 …ALMENO DUE… poi chissà eheheh
    Il nano piccolo ancora non sa leggere ovviamente, ma ha una logica razionalità mica da poco!

  20. Quoto Leonardo # 62

    Anche io ci ho messo 30 anni in più dell’hobbit piccolo per arrivare a dire "e’ un problema vostro" (anzi, "votto"). Il piccolino e’ troppo avanti 😀

  21. Io, di solito, non commento mai per la seconda volta un tuo post perchè i commenti sono tanti e bellissimi e già farne uno quantomeno simpatico è difficile…però, mi sono dato un’occhiata ai commenti di questo post (come di altri precedentemente) e mi sono accorto si aprono un bel po’ di dibattiti…ecco, vorrei dire la mia allora. Lo so che, ormai, ci sono post freschi e questo commento magari non lo leggerà nessuno ma, facciamo così, lo metto lo stesso.

    Sono un secondogenito, mio fratello ha 6 anni più di me e per quanto mi riguarda, ho "subito" una certa preferenza per il fratello maggiore, senza che mi fosse tolto niente eh, ci mancherebbe, ma era come ci fosse una certa sfiducia delle mie capacità confrontate con le sue; se può essere d’aiuto, per me è stato uno sprone per superare qualunque traguardo avesse raggiunto: mi sono laureato un anno prima (in rapporto), ho preso più di lui al diploma ed alla laurea, ho fatto un’esperienza più lunga e formativa della sua, fuori di casa; cose così, insomma, ne ho sofferto un po’ ma un po’ mi è servita.

    Detto questo aggiungo solo che mi sa che molti non si avvedono di quella meravigliosa lente che usi per scrivere che è l’ironia. La gente si prende troppo seriamente, è questo il problema

    un bacio
    Baol

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.