Nonsolomamma

una luce in fondo al tunnel

sabato, ore 13,07
il microbbit, dopo avere divorato pappone biologico verde con ricotta sufficiente a sfamare sei microbbit, vomita a getto sul tavolo della cucina tra l'ilarità dei fratelli. elastigirl pulisce il microbbit, mister incredible pulisce la cucina perché la specializzazione del lavoro in certi casi è la via più efficiente seppur non la più equa per un felice ménage casalingo.
"dobbiamo preoccuparci?"
"di cosa? dell'inquietante somiglianza del microbbit con la bambina dell'esorcista? perché mai? ai bambini succede"
"siamo sicuri?"
"certo. e poi, guarda: ha di nuovo fame. vuoi la banana? eccola, amore"

domenica, ore 6,00
elastigirl si sveglia, va in bagno, fa in tempo ad apprezzare l'incarnato verde in pendant con i capelli a carciofo e vomita. derelitta e devastata, trascorre le successive 12 ore strisciando tra il letto e il bagno, in balia di miserandi bisogni primari.
si ricompone inspiegabilmente e miracolosamente, intorno alle 20, grazie a una minestrina preparata da nonna J, arrivata in soccorso dell'elasti-figliola in concomitanza con la partenza per londra di mister incredible.

lunedì, ore 16,00
lo hobbit piccolo torna a casa dalla scuola materna. annuncia: "mi viene plopio da gomitale" e, da ragazzo d'azione quale è, fa seguire immediatamente i fatti alle parole. il microbbit guarda la débacle fraterna con gelido distacco. lo hobbit grande, ignaro delle sue ore contate, è al corso di pallavolo dove, come dimostrerà successivamente l'evidenza empirica, si stanno ingozzando di barrette di cioccolato e altre delikatessen. elastigirl vacilla ma resta in piedi.

lunedì, ore 22,00
lo hobbit grande vomita barrette di cioccolato, biscotti salati, wafer e altri mostri non meglio identificati ("abiamo fatto un festino a pallavolo, mamma. forse ho sbagliato a mettermi i calzoncini corti, lunedì prossimo tengo la tuta, così non prendo freddo"). il morbo si manifesta sul primogenito pallavolista in tutta la sua virulenza, con performance splatter ripetute con cadenza oraria per le successive sette ore. tra le vittime accidentali di cotanto inferno figurano un materasso semi-nuovo, un coprimaterasso, due lenzuola e una bacinella arancione vessata fino allo sfinimento.

martedì, ore 5,00
"se torna in bagno un'altra volta lo porto al pronto soccorso. non possono uscire tanti liquidi da un bambino di 130 centimetri", rimugina elastigirl che, per perversa associazione di idee, pensa con orrore al passato di legumi disidratato, alla carne liofilizzata e al latte in polvere, e si chiede chi potrebbe essere il fortunello o la fortunella a cui lasciare due hobbit all'alba in un'eventuale gita in ospedale con lo hobbit in via di disidratazione.

martedì, ore 6,00
suona la sveglia del telefonino, per motivi insondabili. elastigirl, grazie a un riflesso condizionato perfezionato nel corso della notte, lancia la bacinella arancione in direzione dello hobbit grande che dorme, finalmente pacificato, al suo fianco.

martedì, ore 18,00
c'è una luce in fondo al tunnel. forse.

90 risposte a "una luce in fondo al tunnel"

  1. simpatico week end in comune (anche se di nani ne ho solo due…!)

    solo che il grande dormiva da un amichetto quando si è sentito male… così siamo riusciti a ungere anche un'altra famiglia!

  2. Mannaggia Elasti, coraggiooooo!!!
    Imbottitevi di fermenti lattici, antidiarroico e antivomito… Passerà!!!!
    Intanto potete fare la gara a chi centra il water e non "battezza" la biancheria da letto!!!
    Domani invece il mio gnomo torna a scuola dopo 1 mese (1 MESEEEE!!!) a casa, si è preso la varicella alla fine delle vacanze di Natale!! Chissà che anche lui domani non torni con questo virus gastrointestinale… 🙂
    Un abbraccio di cuore
    Monica 

  3. ..dicono ke rimpiageremo tutto quando saranno grandi e indipendenti..dicono..

    ma tutto tutto proprio TUTTO????mmmmmmmmm

    Lokki

  4. benvenuta nel club elasti! la micronipote è un ricettacolo di virus che riporta dall'asilo nido. nessuno è rimasto indenne, tranne il signor cofleq, quel fortunello…

    fleq

  5. Come ti capisco… Mio figlio, l'elfo, porta a casa dal nido virus sconosciuti alla medicina, batteri grandi quanto piccioni, che attaccano ad uno ad uno i componenti della mia famiglia. Ma non tutti insieme. Uno alla volta, quindi quando credi che l'elfo è guarito, mi ammalo io, e poi a seguire mio marito… Ma la cosa bella è che a volte per chiudere il giro, il piccolo elfo fetente SI RIAMMALA!!!!
    Però, Elasti, hai la mia solidarietà, perchè la gastroenterite vomitosa è la peggiore!!!!!!!

  6.  lo so, non è bello ma mi sento meno sola, nonostante  oggi possa scegliere tra un'atroce emicrania, un mal di stomaco da record e un disturbo non ben identificato che mi fa pensare che l'uscita di Alien da me sia solo questione di minuti….

    lo so non è bello ridere ma sono riuscita anche a ridere e non si ride delle disgrazie altrui ma visto che sto male anch'io.. rido sottovoce 

    Lara

  7. Pensavo che alla bocconi insegnassero ad affrontare, reggere, superare e sconfiggere anche situazioni di stress estremo.
    Non è quello che intendono i giornali quando parlano di stress test? 

    Cara elasti, con affetto da una luissina 

  8. Ecco a questo non avevo pensato quando ho messo in cantiere il secondogenito…
    aiuttttto.
    vabbè, ormai è qui.
    Comunque hai tutta la mia comprensione: io ero devastata dal una gastroenterite di mia figlia con corsa in ospedale quando era ancora l'unica. con tre in fila non oso immaginare.
    Web-baci asettici (che il virus qui non lo vogliamo)
    Chiara

  9. Ecco spiegato il tuo lungo silenzio dal 12 al 17. Ho controllato mai accaduto cosi’ tanti giorni di silenzio.

    Resistere, questo e’ il rotavirus … Nel senso che ruota una volta a te e poi ai bimbi e poi di nuova a te e così’ via…
    Ed il virus influenzale dove lo mettiamo.
    Forza resisti.
    Sandra

  10. il malefico virus ha colpito anche me,  fortunatamente solo me, il 29 dicembre, ho Gomitato per 12 ore consecutive senza che il mio consorte dormiente al mio fianco notasse nulla, è andato al lavoro senza sapere, sono stata a letto le successive 24 ore senza vomitare ma con giramenti di testa assurdi, ho ripreso a mangiare il 2 gennaio.

    sfiga delle sfighe e mistero dei misteri non ho perso nemmeno un etto dopo 4 giorni di quasi digiuno.

    il resto della famiglia non è stato contagiato, ma temo che il pericolo non sia ancora scampato.

    noelya

    http://www.noelya.splinder.com

  11. Povera ELasti ,tieni duro!anche per me periodo interessante,alla materna del grande inquietante cartello avvisava questo pomeriggio che ci sono numerosissimi casi di febbre alta,la mia piccola ha finito pochi giorni fa di prendere l’ antibiotico ( preso per 13 giorni con scarsi risultati visto che e’ ancora piena di tosse e catarro) e per finire dopo aver passato tutto il pomeriggio con due amici dei miei bambini ho appena ricevuto la telefonata della mamma di questi che mi avvisa che tornata a casa si e’ accorta che la sua bimba h la varicella……aiuto!!!

  12. devo ammettere di essermi sentita veramente adulta il giorno in cui sono riuscita ad alzarmi dal letto e raggiungere il bagno prima del fattaccio.
    Ricordo chiaramente quando ho tirato l'acqua, preso la spugnetta e cercato macchie da pulire, e mi sono sentita veramente adulta ^__^

  13. Auguri a voi tutti, anche se il peggio mi sembra passato… Ed io che mi illudevo che quando, Inshallah, cominciano a dormire tutta la notte poi e’ andata…aiuto! Quanti anni ha hobbit grande, 7?? Chiamate l’esorcista anche per me…rots

  14. solidarietà, noi 6^ malattia e gastroenterite prima di natale, spero solo che il percorso del virus sia est-ovest a senso unico, ovvero non ritorni indietro dopo essere passata per milano

    p.s.               w nonna J.

  15. Un'altra mission impossible è stata portata a termine, no?
    Il bello delle influenze di stagione è che poi deve passare un altro anno intero perchè se ne ripresenti un'altra…

    Tanta solidarietà
    Carmen

  16. Idem. Prima influenza classica e poi intestinale. Ma l'untore di tutta la famiglia sono stata proprio io: l'ho poi passata al pater familias e successivamente alla discendenza. E lei, la piccina, tenuta lontana dai nonni durante il contagio dei genitori, l'ha poi trasmessa (probabilmente già covava pure lei) a tutti e 3 i nonni, sterminandoli uno dopo l'altro… Ora si sono ripresi tutti, tranne la sottoscritta, che continua ad essere malata ormai da un mese esatto. E ha riniziato da capo il giro delle malattie, col ritorno della tosse. Mica male! Spero di aver fatto una dose valida x evitare contagi nei prox 3 anni. Dolaine

  17. Tutti gli anni a farci una capa tanta con l'influenza stagionale… il vero flagello e' quella intestinale, i media non l'hanno ancora capito (forse non ci lavorano mamme). Arriva, stende un componente e nessun altro della famiglia si salva. Io non me le riicordo intestinali cosi' virulente quando ero piccola.
    Elasti, hai tutta la nostra comprensione di mamme raccogli-vomito.
    La Paola (dotata di prode bacinella bianca)

    PS Comunque in questi giorni il mio Daniele ha preso solo l'influenza normale: febbre, febbriciattola ma che dura per giorni e non accenna a diminuire.

  18. Pure io ho la febbricciattola che non scende e dura da più di un mese… ieri nausea per tutto il giorno…perciò sono davvero in ammirazione! Per fortuna c'è Nonna J…

    Vera la riflessione della mamma che non ricorda queste epidemie da piccola… nemmeno io…
    Però noto che ai giorni nostri i bimbi ne sono vittime… non so spiegarmi il fenomeno, forse mangiavamo meglio? meno merendine e cibi pronti?

    Quoto la mamma che dice che si dovrebbe prendere fermenti lattici a go go!

    Sembra anche che in inverno per carenza di vit D si è più vulnerabili all'influenza (scoperta dei ricercatori giapponesi), quindi provare a integrare quella vitamina può aiutare…

  19. Queste epidemie ci sono sempre state, però sono meno impresse nella nostra mente perchè il vomito non lo pulivamo noi.

    C'è da dire che ogni famiglia ha la sua, probabilmente Elasti e gli hobbit sono più soggetti ai virus gastrointestinali (o almeno, da quello che leggo qua), noi x esempio siamo più orientati alle broncofaringiti, poi ci sono i fedelissimi delle diaree, e via dicendo.

    Va bè, poi passa, con la primavera questio virus se ne vanno, torneranno a deliziarci le malattie infettive, gli eritemi e i pidocchi.

    C'est la vie.

     

  20. @ 36 anche in casa mia la fanno da padroni i virus legati a tosse e raffreddore,all'asilo c'è stata l'ennesima pestilenza gastrointestinale
    ma anche questa volta la Winks ne è uscita indenne e non ha portato a casa nulla…speriamo bene…
    Elasti tieni duro…non possono vomitare per sempre..passerà vedrai che passerà….e luce fu…
    un abbraccio Imperatrice

  21. Un lungo weekend di paura! 
    Noi siamo stati flagellati ad apertura stagione, solo che tutto è uscito dall'altro buco. E poi siamo fedelissimi dell'otite, anche gli adulti. Per non parlare dei pidocchi, non ci sfuggono mai, anche se colpiscono solo il ramo femminile.

    L'unico vantaggio del virus intestinale è che non devi cucinare, mettila così!

    Un abbraccio solidale
    Carol

  22. Urge un addestramento intesivo di collaborazione tra hobbit di varie taglie…
    Dopo quasi sei anni, non ho ancora capito se sia meglio avere entrambi i nani malati contemporaneamente oppure uno alla volta.
    Notizie "gomitose" da Londra?
    Roberta

  23. …ma una nonna in simili frangenti deve o non deve trasferirsi a casa della figlia (a genero partito?)…Insomma è meglio che si fermi giusto il tempo per fare una minestrina o sarebbe auspicabile che si tratenesse per la notte, per la gestione dei catini? Personalmente avrei considerato mia madre un'aggravante, ma mi viene il dubbio che non sia così per tutte
    http://www.nonnasidiventa.blogspot.com/

  24. Ieri sera ho letto il tuo post e malgrado tutto mi hai fatto ridere.
    soprattutto per la descrizione del
    riflesso condizionato perfezionato nel corso della notte
    grazie al quale hai lanciato la bacinella arancione vessata fino allo sfinimento in direzione dell'hobbit dormiente.
    Poi un bimbo un po' bizzoso mi ha impedito di lasciare un commento serale…

    Stamani come va? Sta luce si è avvicinata o no?

    Mimì-resistiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

  25. Solidarietà ad Elasti!
    Niente ti devasta come un’ondata di bachi vari in famiglia! C è da restarci secchi… Spero che nonna J possa fermarsi un po’! Coraggio…

  26. No Elasti, non c'è: quando il piccolo sarà grandino, il grande sarà adolescente, e allora so' cavoli! altro che gomiti!
    Prima te ne fai (ce ne facciamo) una ragione, eglio è!

    baci

    Julia

  27. Cara Jasmin,

    secondo me sono solo le nostre mamme che hanno rimosso. Perlomeno la mia! Ci dev'essere una qualcosa che ti fa dimenticare, altrimenti nessuno farebbe figli. Se non sbaglio Spielberg ci ha pure fatto un film su un bambino che non si ammalava mai (e nemmeno diventava grande però). Secondo me ci ammalavamo come i bambini di adesso, ma forse le mamme erano meno attente, o forse solo più giovani e forti?

    Julia

  28. cara Julia,
    Ti assicuro che ne io ne mio fratello ci ammalavamo così spesso. Non ho mai perso un giorno di scuola (tranne quando ho avuto la rosolia a avevo 8 anni, e me lo ricordo perché mi aveva fatto specie stare a casa in periodo scolastico). Anche se ho fatto tutte le malattie infantili (tranne gli orecchioni), li ho fatti tutti in età prescolare.
    Quando eravamo piccoli, mia madre tutte le mattine (forse perché lei stessa figlia di un medico) ci dava integratori (lei dice che era olio di fegato di merluzzo, io non ricordo cosa fosse, ma ricordo che era uno sciroppo scuro e dolce, stile melassa e non mi dispiaceva, mio fratello invece lo schifava e c'erano le lotte per farglielo prendere).
    Stava attenta a comprare verdure fresche e cucinava sempre cose fresche ogni giorno, anche se c'era il surgelato più comodo e altre cose più pratiche.
    Per merenda ci dava della frutta di stagione e ci teneva molto malgrado noi facessimo gli schizzinosi. Al massimo faceva torte in casa con gli ingredienti a lei noti, ed era la merenda.
    Non ho mai mangiato le merendine pronte della ferrero o altre che vedevo mangiare dai miei compagni di scuola e mia madre insisteva con la storia della "salute" e delle "vitamine", era quasi una fissa!
    Mio fratello era più cagionevole di me, quindi ognitanto vomitava, ma gli passava subito, con un solo vomito si rimetteva. Ricordo qualche episodio di oriticaria avuto a seguito di intossicazione di cibo mangiato sugli aerei, da allora evito quel cibo.
    Ne io ne lui abbiamo perso alcun giorno scolastico. Certo, prendevo il raffreddore, la tosse, ma poche volte la febbre, e semmai la mia "sfiga" era che mi ammalavo durante le ferie… durava pochissimo la convalescenza, perché mia madre aveva mille rimedi sia per abbassare la febbre, che minestre varie, e beveroni per reintegrare i liquidi. Dovevamo stare a letto, e riposare. Si giocava ma a letto. Si vede che da un lato il suo metodo ha funzionato, e dall'altra ci sarà anche un fattore costituzionale. Abbiamo tutti un organo "debole" come ha sottolineato Exxxanonimo, chi la gola, chi i polmoni, chi l'intestino, chi lo stomaco.
    Io soffrivo di otite e mi veniva spesso al mare (se c'è acqua e vento la mia otite è garantita), un medico imbecille mi ha tolto le adenoidi per risolvere il problema otite (avevo 7 anni, e ricordo perfettamente TUTTO anche la sala operatoria), facevo fumigazioni, un vero calvario, ma è stato un altro medico primario laringoiatra che mi ha risolto il problema e ha detto che togliere le adenoidi era una vera cavolata. Da allora sto bene, ma le orecchie restano il mio organo debole.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.