Nonsolomamma

10 piccolezze da non sottovalutare

1. spegnere la luce e guardare un film tutti insieme, intorno al computer, sul lettone. scoprire che i maschi della famiglia ti hanno ingannata e non si tratta di una commedia, come pensavi, ma della storia dark della guerra tra licantropi e vampiri. e addormentarsi così, tra un lupo che ulula e un canino che sporge, mentre nessuno si accorge di te.
2. togliersi il reggiseno, la sera. perché ti sembrava di non sentirlo ma quando lo levi sei così contenta che probabilmente ti sbagliavi.
3. rispondere “sì, grazie” a chi ti offre di farti una spremuta d’arancia. e, mentre la bevi, riflettere sullla rarissima accoppiata di aggettivi “buonissima-sanissima”, per una volta non auto-escludentesi.
4. comprare un rossetto, una matita colorata, un qualsiasi accessorio che costi meno di dieci euro e ti faccia sentire fichissima.
5. ascoltare una canzone trash e trovarla strepitosa. e riascoltarla. e trovarla fantastica. e via così, superlativo dopo superlativo, trash dopo trash.
6. studiare la piantina di una casa enorme, decidere la destinazione di ogni stanza, sala della musica (trash) e biblioteca comprese. e sognare che sia tua.
7. guardare un catalogo di cucine spaziali e inabbordabili e scegliere quella più adatta a quell’enorme casa nella piantina di cui sopra.
8. conoscere una persona e desiderare tantissimo che diventi tua amica, come ti succedeva quando eri piccola.
9. lavare la macchina, dopo tre anni. e vedere i tuoi figli che non la riconoscono più. e pensare che per altri tre anni ti sei tolta il pensiero.
10. coltivare il proprio lato fetish, e, nell’elasti-fattispecie, stare sotto le coperte a sfogliare libri di cucina.

chi vuole può mettere qui sotto le sue 2, 3, 5, 74 piccolezze da non sottovalutare, perché anche condividere fa parte dell’elenco.

155 thoughts on “10 piccolezze da non sottovalutare

  1. – sbriciolare dei biscotti in un vecchio posacenere, metterlo sul terrazzo e vedere dopo 3 nanosecondi una frotta di uccellini a mangiarli
    – tornare dalla ginnastica e trovare il pranzo pronto
    – scoprire che nel barattolo c’è rimasta ancora della nutella
    – farsi la doccia e rimanere incantate minuti e minuti sotto l’acqua alla temperatura ideale
    – desiderare che tutti i giorni siano come il martedi e il sabato, che viene Carmen a fare i mestieri
    – trovare la casetta la mare per due mesi a prezzo ideale

  2. – Guardare dalla stessa finestra ed ogni giorno sentire il desiderio di correre a prendere la macchina fotografica.
    – La mia bimba di tre anni che ride alle mie battute.
    – La confidenza delle ore passate con le amiche.
    – La pastasciutta al pomodoro che un po’ sbrodola, ma che buona.

  3. – rimanere sola in casa cosicchè i soliti spazi condivisi si dilatino
    – rallentare il ritmo colazione/desinare/merenda/cena
    – tirare un sospiro di sollievo per un compito in classe che ha stressato l’intera famiglia
    – vedere il sorriso sulla faccia di mio marito
    – ridere di nulla come quando avevo venti anni
    – sorridere a uno/a sconosciuto/a ed essere contraccambiata.
    Lori

  4. – il gatto che si accoccola di fianco a te mentre guardi la tv sul divano
    – la colazione del w-e, lunga e abbondante
    – comprare un vestito al mercato, pagarlo 3 euro e sapere che in negozio lo vendevano a 50 euro
    – tuo marito che ti guarda e ti dice: sei bellissima. e tu sei in tutona da casa, hai una pancia a forma di cocomero e ai i capelli in piedi e stropicicati, perchè ancora non ti sei fatta la doccia
    – cantare a squarciagola le canzoni mentre sei sotto la doccia
    e anche io potrei andare avanti molto a lungo.
    approvo quella del reggiseno e in generale il piacere di mettersi vestiti comodi appena si torna a casa…

  5. 1. Sentirsi dire dal figlio (5 anni) che si è più bella della modella di Intimissimi, con accanto marito con la bocca aperta;
    2. Ostinarsi a stare senza calze nonostante la pelle d’oca che ti perseguita dalla mattina presto;
    3. Avere il BB senza batteria nella impossibilità di ricaricarlo;
    4. Stupire tutti con un abito in San Gallo della nonna, degno di Miucca ma senza impegnarsi in un mutuo per i prossimi 3 anni.
    5. Acquistare l’essenza Mughetto per il bruciatore tres chic;

  6. – mio marito che – ogni tanto- si alza per primo la mattina e prepara lui la colazione per tutti
    – tenere in braccio, ancora addormentata, il mio bimbo piccolo che beve il suo biberon di latte e biscotti, mangarmelo di baci indisturbata e annusare il suo odore che sa ancora di nanna e sudore
    – il mio bambino grande (4 anni) che mi corre incontro quando torno dal lavoro e mi dice “Mamma, sono felice!”
    – scoprire che quella pianta che ormai credevo morta sta mettendo nuovi germogli
    – sfogliare una nuova rivista di cucina o un vecchio libro di ricette
    – piegari i calzini dei bambini ed immaginarmi i loro piedini che scalpicciano ovunque
    – sapere che, dopo averla tanto sognata, abbiamo finalmente prenotato una settimana di vacanza al mare e cominciare a pensare che devo comprare un buon solare
    – dire a mio figlio ‘facciamo una torta’ e vederlo correre a prendere il suo grembiulino, mentre mi chiede ‘la facciamo col cioccolato???’
    …e mi fermo qui, che andrei ancora avanti a lungo!

  7. – togliersi le scarpe entrando in casa e lanciarsi sul divano con l’intenzione di oziare per un bel po’
    – mangiare il pesce grigliato al ristorante, ché in casa non lo cucini se no impuzzi tutto
    – accogliere le Shukorine al rientro dalla scuola
    – dormire con una Shukorina da un lato e una dall’altro del letto
    – aprire la finestra una mattina e accorgersi che la primavera, dopo tanta neve e tanto freddo, è finalmente arrivata
    – aspettare all’aeroporto gli amici italiani che ti vengono a trovare a Istanbul
    …………………..

  8. voglio sapere qual’è la canzone super tamarra che ti piace Elasti!
    Anch’io ho canzoni terribili e inconfessabili nell’armadio…

  9. ciao,
    prima volta che scrivo anche se sono una fan di elasti da lungo tempo!!!! ma questo post è troppo fico:
    – tornare a casa alle 7 e mezzo distrutta e trovare il marito che cucina e tre nanetti che ti corrono incontro.
    – stare fuori tutto il giorno con la happy family
    – uscire la sera con le amiche una volta al mese ritornare un pò single
    – colazione pronta
    – barattolo di nutella
    – doccia
    – pigiamone la sera
    troppo fiche stè piccolezze condivido alla grande!!!;)

  10. 1. Contemplare, dal mio modesto ma agognato monolocale, gli annunci di case in affitto ordinandole “dalle piú care” e immaginare risvegli e colazioni irrealizzabili in quelle terrazze assolate da 30 euro al metro quadro
    2. Fare sempre la spesa al discount, evitando frutti esotici, pesce di lusso e ciliegie in autunno e cercare di entrare nel budget mensile e poi perdere la testa per quei semi di papavero a 5 euro l’etto, perché per fare il pane fatto in casa a forma di treccia si richiedono 3 semi distinti, e perché la decorazione perfetta del pane diventa un impulso irresistibile
    3. Tornare a casa dopo mesi e mesi all’estero e scoprire che lui ha pensato a comprarti gli yogurt alla nocciola e il thé bianco, e constatare che é un padre silenzioso e composto ma che ti conosce meglio di chiunque altro
    4. Commuoversi per gli abbracci altrui, dal vetro dell’autobus notturno, perché le partenze degli altri permettono di rivivere ed esorcizzare, in tono minore, la dolente nostalgia dei propri distacchi

    5. Nell’anonimato dell’aeroporto, comprare e farmi assorbire da una rivista di gossip, e coltivare un lato destinato a non saltare fuori al primo appuntamento

  11. Per esempio scambiare due sms con la figlia quindicenne e trovare che la più adolescente del duo non è lei. Ma anche caffèlattefreddoamaro, biscotti secchi e pc e una mattina inaspettatamente luuuunga davanti, danno delle soddisfazioni … Oppure un bel paio di stivali economicissimo che anche se tacco 12 poi non ti fanno male i piedi. E i capelli lunghi e lucidi e in ordine. La musica a palla. Il cielo azzurrissimo. Oppure quando pensi: “ecco, non me ne voglio dimenticare mai, di questo momento…”. Cose così, insomma.

  12. il mio pupo che ancora dorme..il vento della primavera..e che meraviglia scovare questo blog e avere il tempo di leggerlo e leggere gli innumerevoli motivi e gioie di tutte voi!!

  13. bhè, spero condividiate
    che non ci riempiano più le città di campi elettromagnetici: wifi, wi max, lte, antenne piccole grandi, nascoste, visibili, possono farci, oramai ce lo hanno detto, molto male.
    w la libertà di scelta, no??

  14. Scoprire che la lavatrice non funziona più tanto bene e riuscire tutta sola a risolvere l’inghippo sotto lo sguardo stupito del marito che già pensava di comprarne un’altra:c’era un calzino del figlio più piccolo nel filtro. Eh, son soddisfazioni….davvero…

  15. Non c’entra niente e per farmi notare nella speranza che qualcuni mi risponda, chiedo:
    “COME SI FA A METTERE LA FOTINA VICINO AL COMMENTO'”?
    Scusate lo strillo e grazie!
    CristinaDiRoma

      1. parvemi puro a me: si registrano mail e fotine varie e lui le utilizza con li giusti abbinamenti per lo web intero!

  16. Sabato mattina. Pulizie speciali. Due stracci addosso, tanto poi si sporcano, scopa in mano, occhiali da miope e mollettone in testa.
    Il tuo nipotino ti guarda e dice: “La zia più bella sei tu!”

  17. -il bacio davanti a scuola dei miei bimbi la mattina
    – la radio in macchina da sola nei 40 minuti che mi portano al lavoro, mentro attraverso il parco di monza
    – il bacio di mio marito quando torna a casa la sera
    – la marmellata di arance fatta dai miei
    – il pisolino rubato il sabato pomeriggio, mentre i piccoli giocano coi nonni
    – la biancheria che esce porfumata dalla lavatrice da stendere
    – la riunione settimanale alla cena con gli amici del sabato sera, da grande famiglia allargata, con tanti bimbi..e tanta confusione
    – la cena mensile con la migliore amica, felice di averla ancora accanto con quello che ha passato negli ultimi 2 anni
    – l’occasione eccezionale dello shopping on line

  18. Il prezioso silenzio quando finalmente dormono.
    Il tempo per struccarmi con calma prima che la narcolessia prenda il sopravvento.
    La cioccolata mangiata di nascosto.
    Le coccole sul divano co i due nani prima che si infilino al letto.
    Le coccole nel lettone tutti e 4 la domenica mattina.
    I complimenti del nano grande per la bontà del panino al prosciutto.
    La piccola che mi guarda con gli occhi pieni di ammirazione mentre la mattina mi vesto e poi mi dice: mamma bella.
    Gli abbracci con mio marito a fine giornata che ci ricordano che siamo di più che non solo una squadra fortissima.
    L’armadio il primo giorno dopo aver fatto il cambio di stagione. I nani che mi corrono in contro quando vado a prenderli all’asilo, mettendo a tacere tutti i miei sensi di colpa.

  19. – i frollini al cocco mentre sto al computer
    – il cinema, cinema, cinema, forever. perchè quando mi siedo su quelle poltrone spaziali e si spengono le luci spengo anche la testa. mia forma di meditazione preferita.
    – indovinare il sapore del cardamomo, pepe nero e cumino nei piatti del mio compagno
    – leccare i resti di torta melmosa e cruda nella ciotola dopo che ho infornato
    – aprire gli occhi nella notte e rendermi conto che Maya sta dormendo ininterrottamente da più di tre ore. in quei casi, la gioia è tale che mi sveglio del tutto per la tachicardia.
    – la sua manina sul neo che ho sul petto. il suo modo per addormentarsi (ma nn stasera che sono sclerata perchè un’ora e mezzo lì sdraiate mi fa venire un nervoso dell’altro mondo)
    – fare yoga ogni mattina per almeno due settimane e sentire che il corpo è ancora tuo amico e non il traditore che a volte pensi
    – bere tutta l’acqua che vuoi quando hai tantissima sete. direttamente dalla bottiglia grande fuori di frigo.

    oh ragazze grazie mi avete aggiustato la nottata. ero isterica e invece mi avete ammansito. TKS!! 🙂

    1. nada de nada…
      se ti va scrivimi in mail che vedo di aiutarti, magari via skype (oramai domani che qui si son fatte le tre… poi la gente mi chiede perché mi chiamano gufilla… tsk!)

      1. brix, ti scriverei volentieri, ma non ho la tua mail…..
        Sei pure su facebook? e con quale nome?
        Io, sono anche li cristina cerutti
        Grazie
        Abbracci stretti

      2. ai ragione, hai! sì, sarei su FB ma non ci entro da una vita e mezza… mi ci perdevo troppo tempo.
        scrivimi qui, togliendo gli spazi e mettendo al posto delle maiuscole le giuste robine (sono stufa dei software acchiappamail…)

        i n f o AT t i z i a n a p a n n u n z i o PUNTO i t

  20. – fare una doccia lunghissima e caldissima la sera, soprattutto se in casa non c’è nessuno, e dopo mettersi a leggere un libro bellissimo
    – bere un bicchiere di vino la sera sul divano
    – mangiare un pezzettino di cioccolato per completare un pasto in bellezza
    – camminare sul lungo fiume con la musica preferita nelle orecchie, mentre intorno a te le foglie cadono e il sole tiepido ti scalda
    – sorprendersi a guardare con tenerezza una coppia di anziani passeggiare mano nella mano e desiderare di essere anche tu così, un giorno
    – scoprire, in un weekend, quanto è bella la tua regione e quanto spesso l’hai sottovalutata
    – riconoscere in un profumo che senti per caso una persona che conosci

    1. minacciare di spendere tutti i (pochetti) soldi a nostra disposizione per togliermi le rughe dalla faccia e sentire i miei tre figli maschi (25-18 e 13 anni) che con faccia incredula dicono “ma tu non ce l’hai le rughe sulla faccia” mentre mio marito sorride…
      certo magari pensavano che altrimenti niente vacanze…
      però…

  21. Viaggiare in autostrada la domenica mattina alle 7.30, da sola, con la musica ad alto volume, il sole e i pennelli per compagni, per raggiungere il posto in cui farai un corso di pittura con un’artista americana che aspettavi da una vita.

  22. che bello questo elenco!!!
    condivido quasi tutto (compresi i viaggi mentali su una casa più spaziosa, di cui mi sono fatta la pianta almeno 10 volte), sostituendo il film horror con la duemilionesima visione di Cars e aggiungo in testa alla top ten mio figlio di mezzo che mi abbraccia e mi dice “che bello vederti” anche se sono due ore che siamo insieme sul divano o quando mi tocca i rotoli di ciccia mentre allatto il fratellino e mi dice “sei un po’ cicciotta” e io penso almeno una volta con allegria ai miei 13 kg in più rispetto al primo figlio!

  23. Infilarmi nel letto pulito appena uscita dalla doccia bollente
    Lavare le lenzuola al mattino e metterle pulite al pomeriggio con quel meraviglioso profumo di detersivo
    I miei nani da giardino (3 e 5 anni) che azzeccano il congiuntivo
    Mio marito che torna a casa con un depliant delle offerte rubato a qualche cliente (per me sono una droga e nella mia cassetta non lo portano)
    Un’email dalla mia amica del cuore che sta in America per 2 lunghissimi anni
    Lo spogliatoio (stanza del casino) perfettamente in ordine

  24. Cucinare le tegoline fresche: quando le metti in padella prendono per qualche minuto un colore verde brillante che solo la natura puo’ fare cosi’ bello.

    Passeggiare in silenzio o viaggiare silenziosamente in auto da passeggero e guardare le case, le persone e farsi degli enormi trip sulle loro vite, sulle loro storie…

    La sera, guardarle dormire nei loro lettini e pensare a quanto sono meravigliose anche se fino a mezz’ora prima erano da far fuori

    Cindividere un momento di difficolta’ con tuo marito mettendoci un bel sorriso e scoprire che, dopo piu’ di meta’ della nostra vita insieme, insieme siamo ancora una forza.

    1. ,,,e non per ultimo abbracciare stretta la duenne pensando che proprio ”a causa sua” rischiavi di non esserci piu’, e invece ci sei, le vedi crescere e a distanza di due anni ti commuovi ancora e te la stringi ancora di piu’….

    2. Cosa sono le tegoline???????????? I fagiolini larggi e piatti (a Roma li chiamiamo – non ho idea del perchè – “fagiolini a corallo”)

  25. Mangiare pranzo con il nano grande attaccato alla schiena come un koala che mi riempie di baci e mi dice “ti voglio bene mammina”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...