Nonsolomamma

protagonista

sabato è andato in gita sul lago, a una festa di compagni di scuola di suo fratello grande. ci è andato senza pannolino perché è quando il gioco si fa duro – nella fattispecie in trasferta – che i duri cominciano a giocare. e ha fatto sette pipì e una cacca, la prima di sempre fuori dal pannolino, tutte in un bagno con un grande pregio: una catena da tirare vigorosamente per lo sciacquone, un ottimo motivo per andare alla toilette ogni 50 minuti esatti.
alle sei del pomeriggio, poco prima di tornare a milano, ha guardato il suo zainetto rosso. era pieno di cambi:  tre magliette, tre paia di pantaloni, di mutande e di calze. tutti intonsi, puliti e inutilizzati, grazie ai suoi virtuosisimi regolari e frequenti. un vero spreco, effettivamente.
pertanto, armato di braghe verde militare, pedalini e scarpe blu e t-shirt a righe, ha preso la rincorsa sul prato, verso il lago. ed è inciampato, dentro una pozza di ninfee e zanzare. e ha dato un senso a tutti quei cambi, oltre a una scarica di adrenalina alla sua mamma che lo ha ripescato tra le ninfee e che di questi tempi apprezza particolarmente i diversivi che le consentono di guardare il mondo sotto luci nuove.
sabato sera, mentre amoreggiava con elastigirl prima di dormire, le ha comunicato che non vuole più ciucci ma occhiali. lei gli ha consigliato di pensarci ancora un momento perché bruciare le tappe può lasciare tracce dolorose e perché la vita offre alternative ai ciucci migliori degli occhiali. lui ha accettato senza entusiasmo l’offerta di temporeggiamento.
stasera, a cena, mister incredible gli ha dato una carota cruda. lui l’ha guardata, l’ha leccata e ha dichiarato: “quetto schifo. manza mamma”, lasciando intendere che la dieta dimagrante-salutista di elastigirl non è passata inosservata ai suoi occhi.

in questo periodo strano, in cui elastigirl vive sospesa, tra un ricordo e uno struggimento, tra una quotidianità rassicurante perché identica a prima e squarci di consapevolezza che nulla sarà mai come prima, lo hobbit grande scruta e accoglie, il medio si incunea e scuote, il piccolo entra ed esce dall’elasti-bolla con il suo sorriso largo e trionfante, leggero e colorato come farfalla, dirompente e ingombrante come bufalo, protagonista, come un bambino.

73 thoughts on “protagonista

    1. Claudio ne fa due ad agosto: temeraria proverò lo “spannolinamento”!! ma il ciuccio..ehh..la vedo nera..lo adora.. Bel post..e bella l’immagine delle ninfee e degli amoreggiamenti pre-ninna!

  1. ma sofia è esattamente uguale allo hobbit piccolo? lui fa due anni e mezzo il 29 giugno. approvo la scelta di aspettare l’arrivo in terra paterna

      1. sono praticamente gemelli. fantastico. prima o poi devono incontrarsi. la prossima volta che vieni a milano ci organizziamo.

      2. che forza: 3 nel giro di un mese! noi siamo senza pannolino di notte da 2 settimane!!! scusate l’intrusione ma son troppo gasata!

  2. è un periodo spettacolare, sorrido perchè la mia minuscola, se ricordi, ha ben 30gg più del tuo e stiamo vivendo le stessissime tappe.
    in certi momenti sono assolutamente irresistibili e spazzano ogni pensiero. (carognone però a rifilarti la carota…)

      1. allora ridi dell’altrui ingegno: ieri sera ho provato a togliere il ciuccetto: si addormenta tranquilla e dorme tutta notte (che tesoro il mio angioletto, ho pesato). stamane…ciup ciup ciup… “amoree, dove l’hai trovato?!?!?”” “(L)Ettino!”

      2. scusate, mi intrometto.
        Ma i terzi sono più bravi di tutti.
        La mia terza è gemella del 3° hobbit ed è stata bravissima. Sono già due mesi che è senza pannolino e per me è stato un successo più importante delle altre. Come dici tu col terzo è amore spassionato e totalmente irrazionale.
        P.S. capisco benissimo il tuo stato d’animo, ed anche se è banale è vero che i bimbi sono la migliore cura, perchè attraverso loro capiamo che la vita continua e che anche se in piccolo portano con sè un pezzettino dei nostri genitori che ci abbraccia e ci consola.
        Mapi

    1. Mi intrometto provando un briciolo di bonaria invidia, perché invece da queste parti la depannolinizzazione fu problematica assai. La fanciulla, pervicacemente, tratteneva: la pipì fino a 17 ore, il resto figuriamoci.
      E’ forse l’unica fase della prima infanzia della mia bimba di cui non ho un bel ricordo. Poi, ovviamente, tutto si ridimensiona!
      Un affettuoso saluto a tutti, e in particolare, visto che finora l’ho fatto solo col pensiero, a Elasti.
      Laura

      1. però…tosta la ragazza! qui parecchia fortuna: sono riuscita ad arrivare prima che capisse che poteva essere un’arma di ricatto

  3. stasera hai voglia di parlare…guarda quante risposte.. bene bene .cerca di veleggiare un po’ in queste acque ora, calme, protette da tsunami e onde anomale.
    stai vicino a riva..e non temere di usare il salvagente. magari a forma di papera.

  4. Anni fa, quando stava per nascere hobbitt 3 mi era venuto da dirti che questo bambino vi avrebbe salvato la vita a tutti quanti in modi che in quel momento era impossibile prevedere. Ora, se sei riuscita a sopravvivere al patema da autoaffogamento tra le ninfee e alle entrate e uscite dalla bolla materna, ce la puoi fare su tutto il resto. In bocca al lupo.
    (a noi, figlio uno ce lo ha spannolinato definitivamente con i cambi intonsi nello zaino il primo giorno di scuola a 4 anni e figlio 2 santasuocera con il regalo misterioso messo per mesi in bilico sopra la vaschetta dello sciacquone per festeggiare la prima cacca. no, lo dico in caso ti volessi sentire inadeguata sui tuoi figli, dai un’ occhiata ai miei, ecco, che se dipendeva da me si fidanzavano e sposavano prima di risolvere).

  5. Grande l’Hobbit Piccolo!!!
    noi pure stiamo azzardando uscite a cul leggero 🙂 diciamo che va bene, anche se qualche sorpresuccia c’è.
    vi faccio una domanda, visto che (per ora) è la mia prima esperienza di mamma: ma dopo quanto tempo di toglie il pannolo anche di notte? voglio dire, toglierlo di giorno ormai è quasi fatta, ma di notte è quasi sempre bagnato e mi pare impossibile che Maya riesca a trattenere pipì per tutto quel tempo… (ora ha 2 anni e 2 mesi)
    Grazie delle dritte, in anticipo!
    baci

    1. la notte e’ storia a se!!!!!
      la prima di giorno a due anni, di notte a due e qualche mese.
      i gemelli terzo e quarto, di giorno a quasi tre anni, di notte dopo qualche mese.
      il secondo di giorno a tre anni, di notte a OTTO anni, dico otto anni!! i gemelli, piu’ piccoli di lui di tre anni lo avevano tolto da tempo e lui non riusciva.
      il pediatra mi ha detto che ci sono bambini che lo tengono fino a undici, di far finta di niente. quindi compravo i pannolini per bambini grandi, dicendo si alui che ai gemelli che erano mutande da notte, cosi’ si manteneva il segreto e il letto era asciutto.
      poi una sera mi dice: “mamma basta, non mi servono piu’! sono pronto!” e cosi’ ha smesso.
      debs

      1. il treenne ha tolto il pannolino di giorno l’anno scorso, a 2 anni e qualche mese.
        Ma di notte ancora non possiamo premettercelo: un paio di giorni alla settimana è intonso, ma di solito al mattino è ancora bello pienotto! Mi stavo giusto chiedendo in questi giorni che tempi avrà..speriamo non fino a 8 anni…sigh….(facciamo sette e mezzo?)

    2. il bambino è pronto per dormire senza pannolino quando, dopo un’intera notte, al mattino ha il pannolino completamente asciutto. prima di questo momento (che può presentarsi tra i 24 e i 30 mesi) è presto 🙂

      1. mah, dici? la mia (20 mesi e mezzo), ogni tanto mi capita di trovarla la mattina con il pannolino asciutto ma escludo sia ancora in grado di trattenerla… ha ancora il pannolino anche di giorno anche se staimo inziando a mettarla sul vasino e ogni tanto la fa anche con grandi applausi. bo, forse sono io che la sottovaluto, dovrei inziare a fare qualche tentativo di alsciarla senza, di giorno però…

  6. Bruciare tappe? Tracce dolorose? So che sei alle prese con problemi di ben altra portata, ma quando il mio primo genito, coevo del tuo ultimo, mi ha chiesto di togliere il ciuccio, ho accettato con entusiasmo. Da allora le notti sono difficili… Quando è il momento giusto? Perchè ci vuole un alternativa, non si induce un’altra dipendenza? Quanti dubbi a volte!

  7. Il piccolo… la mia passione per lui cresce ogni giorno… complimenti per la depannolizzazione!!! Io ancora tanto tempo davanti, giusto un anno…la prossima estate sarà il mio turno…per adesso mi godo i fantastici momenti sul fasciatoio…Elasti che bel post… !

  8. Fantastico: il tuffo nelle ninfee!!
    lo spannolinamento…. non sono pronta.
    La mia prima a scuola spannolinata in due giorni a neanche due anni. Ha capito PERFETTAMENTE il meccanismo e a casa per mesi, ad ogni mio no ne faceva giusto giusto un goccino, in modo da tenere la riserva per il no successivo.
    ARGGGH.
    Per il piccolo aspetto i due anni (e poi conto ancora sull’effetto imitazione a scuola!!).

  9. Sarà che qui in Cina i bimbi son tutti senza pannolino, tutto l’anno, con quei pantaloni col taglio sul sedere per ottimizzare tempo e lavatrici, sarà il caldo umido che soffoca, ma da un po’ la Gabbianella se lo toglie da sola, il pannolino. e resta anche lei con le chiappette al vento, come i cinesini.

  10. Tutti quei cambi per qualcosa: un tuffo tra le ninfee. Pensa che succederà che non avrai cambi con te perché “tanto ormai è grande” e il bagno tipo Shrek lo renderebbe necessario per tutti e tre e magari anche per te!
    Perché no al ciuccio? Cogli l’attimo, non è bruciare le tappe, è risparmiare sul dentista!
    Roberta

  11. Teoricamente il più piccolo dovrebbe fare prima per imitazione.
    Comunque, questo è il periodo migliore, visto che ci si veste più leggeri.
    In bocca al lupo, per tutto!

  12. Per fortuna avevi i cambi! Mio nipote, anni 9, è caduto in un putrido laghetto artificiale perchè voleva catturare una rana! Il tutto durante la cena al ristorante per i 50 anni di matrimonio dei miei genitori… Immagina la scena!

  13. PdC ha barattato il ciuccio con una bicicletta poco prima dei 3 anni.
    Lo usava per dormire e guai se non c’era, poi la nonna ha proposto lo scambio e lui l’ha abbandonato e non ci ha pensato più… non so se per gli occhiali….
    Tu ti fai mille pare su come ottenere lo scopo e la nonna vede più lungo di te…

  14. Io non ho ancora figli e ogni tanto mi fermo a pensare stupita: ma come si fa a sapere quando affrontare certe tappe come “togliere il pannolino”? Sì, insomma…ma i bambini li consegnano con il libretto delle istruzioni?

    1. niente libretto di istruzioni purtroppo. un po’ di brancolamento nel buio, tanti errori e la consapevolezza che i bambini sopravvivono alla grande nonostante genitori inetti. e comunque dopo un po’ si impara 🙂

      1. Effettivamente ogni tanto quando osservo i miei genitori mi stupisco all’idea che siano riusciti a far sopravvivere ben 4 figli senza far loro riportare gravi danni 🙂 … ma del resto siamo tutti dei bravi genitori prima di mettere al mondo dei figli!

      2. davveero sopravvivono comunque nonostante genitori inetti claudia? no perché la mia (20 mesi) si ammala ogni 3 settimane (e cantiamo già vittoria, quest’inverno era una volta alla settimana, primo anno di nido) e sono giunta all’inesorabile conclusione che sia solo colpa mia, perché non la vesto nel modo giusto e perché, non essendo io un genio ai fornelli, la sua alimentazione deve essere quantomeno sbagliatissima. scusate l’intrusione ma spesso e volentieri sei così consolatoria… grazie:-). e un abbraccio

      3. Chiara
        non dire scemenze! Si ammalano tutti e sempre e qualsiasi cosa tu gli metta addosso o nel piatto. Dopoil secondo ho imparato a non colpevolizzarmi. Metti le energie nel risolvere l’organizzazione familiare e non darti pena: comunque sbaglierai qualcosa, ma loro cresceranno lo stesso e il tuo compito è di amarli come meglio ti riesce.
        Un abbraccio

      4. Che bello sapere che i bambini sopravvivono anche ai genitori inetti! Sabato pomeriggio, alle prese con la crisi isterica della mia fatina (2 anni e 8 mesi) che aveva deciso di trattenere per ore la pipì pur non di non doversi sedere di nuovo sul vasino, ho pensato che era solo colpa mia se si stava stressando tanto per via dello “spannolinamento”… Ma nonostante l’inettitudine materna oggi ha deciso di riprovare. E qualche volta è andata pure bene. Forza mamme, ce la faremo. E coraggio Elasti, ogni giorno avrà un pò di sole in più.

    2. irene quando ho iniziato a leggere questo blog frequentavo l’università e mi ponevo le tue stesse domande, oggi che mio figlio ha otto mesi tra me e me ringrazio -anche- elasti di aver sdrammatizzato tanto su molte situazioni 🙂 e di avermi dato fiducia per affrontare l’avventura! effettivamente si naviga a vista e si conta sulla buona stella di tutti! ps: @elasti i pannolini lavabili li usi ancora? sono stati di aiuto nello spannolinamento come si sente dire?

      1. chiara: ma tesorooooo! shhht! non devi
        @chiara nemmeno pensare che sia colpa tua! i bambini si ammalano, ognuno con il suo personalissimo tocco. i miei per esempio vomitano spessissimo e volentierissimo. fa parte del loro stile, che vuoi fare? stai tranquilla. non sbagli nulla. o meglio sbagli, come tutte e tua figlia, come tutti i figli crescerà alla grande, incurante dei nostri pasticci.

        @rora: i pannolini lavabili, purtroppo, non potendo usarli all’asilo, e non riuscendo a usarli di notte perché non assorbono abbastanza sono stati di scarso aiuto anche se so che chi li usa con maggiore determinazione e costanza di noi generalmente riesce a liberarsene prima.

    3. grazie a entrambe :-). ma si, chiaro che uno razionalmente le sa certe cose però… ti vengono mille dubbi, spesso anche instillati dalle cosiddette madri alfa argh. comunque anche Luna ama molto vomitare, soprattutto di notte e all’improvviso. anche in questo i tuoi post sono stati molto utili a sdrammatizzare elasti 😉 buona giornata!!

      1. @chiara Anche io da piccola mi ammalavo di continuo e non credo sia stata colpa dei miei genitori!
        @rori anche mia madre dice sempre che con una buona dose di autoironia si può affrontare quasi tutto, anche dei figli!

    4. Ciao Irene ma lo sai che noia se ti dessero sto famigerato libretto? e la gioia delle scoperte? la cosa più bella è l’imprevedibilità della vita e i bambini ne sono la parte gioiosa della stessa, in quento da grandi gli imprevisti in corsa sono spesso ben più nocivi alla salute.
      Stai serena!

  15. coraggio Elasti!!! anch’io non so come farei ad andare avanti senza la spensierata devastazione psico-fisica che porta con sè il mio Tortello!
    🙂
    cambiare vestiti inzuppati di stagno è un ottimo rimedio ai pensieri bui, ai baratri personali…
    Un abbraccio!

  16. Se io tolgo il ciuccio al piccolo tu ti prendi quattordicenne in fase di esami terza media con nessuna voglia di studiare? Te lo spedisco munito di guardaroba, accessori vari consoni all’età e qualche risparmio
    Un abbraccio
    Cri

  17. curioso Elasti, il mio piccolo compie i due anni a fine agosto, gli ho tolto il pannolino da una settimana e mezzo e sabato eravamo a una festa al lago di un suo amichetto!….e anche lui non ha usato nessun cambio, andando ogni ora in bagno sul suo amato water 🙂
    Con il primo figlio lo spannolimento e’ stato un po’ un disastro, per cui con il piccolo ho iniziato moooolto presto, e ora e’ pronto (a parte giorni con vari incidenti su divani, passeggino, etc.). Ogni bambino comunque ha i suoi tempi. Un abbraccio.Pipa

  18. il mio piccolo compirà due anni a fine luglio ma è lontanissima da lui l’idea di rimanere seduto più di cinque-secondi-cinque su un vasino o un gabinetto. La vedo durissima!!
    PS Bello questo post leggero leggero dopo la tensione dei giorni scorsi, ci fa ben sperare.. un abbraccio

  19. Cucciolo di 29 mesi spannolinato da 2 giorni a rapporto. Ho fatto fuori un pacco da 6 mutandine mentre guardava la tele per un’oretta ieri sera poi l’ho spenta definitivamente e, miracolo, niente più pipi perse.

  20. Quando la primogenita ci ha chiesto di non mettere più il pannolino notturno, eravamo un po’ perplessi. Al suo risveglio, infatti, trovavamo sempre il pannolino pieno zeppo di pipì ! Su suggerimento della pedagogista del nido, abbiamo allora usato uno stratagemma per capire se laproduzione era distribuita su tutta la notte o concentrata al risveglio, quando l’andare sul vasino sembrava una perdita di tempo, di fronte alla vastità del caldo lettone, dove correva puntuale alle prime luci dell’alba. Al suo arrivo, cominciai a portarla, tutte le volte, in bagno, salvo poi tornare al caldo a farci le coccole. Il patto era che, se lei faceva anche solo un po’ di pipì nel vasino – non importava che il pannolino fosse intonso – poteva avere un post-it colorato da attaccare dove voleva. Ha cominciato a prenderci gusto, il flusso mattutino si faceva sempre più abbondante, ma comunque il pannolino della notte non era mai completamente asciutto. Quando é tornata a chiedere di poter dormire senza pannolino, ho deciso tuttavia di darle fiducia. Le ho spiegato, credendoci fermamente, che l’abbandono era definitivo, quindi potevamo procedere, muniti di enorme tela cerata , solo se lo voleva davvero. Alla pupa piacciono le sfide e, anche se c’è stato qualche inevitabile incidente di percorso, siamo tutti molto contenti di come sono andate le cose!
    Lei aveva 3 anni e 3 mesi, il pannolino di giorno lo aveva tolto esattamente un anno prima, ma nel mentre le è nato un fratellino, quindi non le ho proprio voluto mettere fretta 😉

  21. I miei sono più da cagarotto !
    Tranquilla, Chiara, anche io mi struggo di dubbi tutte le volte che si ammalano. Il senso di inadeguatezza mi pervade anche di fronte all’ occhio arrossato! E ora che io e il mio piccolo siamo afflitti da una malattia esantematica (la coxackiosi!) di cui non conoscevo l’esistenza (ma quante sono!?!) sento di non avere parole… Solo parolacce !

  22. Ragazze…Elasti..ma come siete brave!!!Io non ce la faccio!!Ho paura non so neanche io di cosa..che il mio sia “meno”degli altri?Davide ha 29 mesi e finora è stato un pò un disastro..un pò me lo dice,un pò no..alcuni giorni lavo fino a 6 paia di pantaloni!!(più mutandine,calzini)Eppure è il secondo,con il primo è andato tutto ok!!!Neanche una volta pipì addosso..ANCHE DI NOTTE!!!come farò non lo so,la vedo dura..Help!!!!

  23. Quanto mi piace l’H piccolo! Da sempre, da quando è nato e tu hai cominciato a scrivere gli “Ehi tu” (mi pare che i primi fossero per lui). Questo post è un delizioso esempio di vita che si fa spazio a spallate (e sorrisi)
    fl

  24. Che bravo l’hobbit piccolo! Noi invece siamo ancora alla fase che si siede pieno di entusiasmo sul vasino ma non fa niente! Uffa, non so se procedere a uno spannolamento “brutale” o se aspettare ancora che impari a farla fuori dal pannolino prima di toglierglielo.
    Ve be’, scusa lo sfogo. Anche noi siamo andati in gita sul lago per un compleanno sabato, magari eravamo alla stessa festa e non lo sappiamo! :-)))
    Giovanna

  25. la mia grande quando volli cominciare a toglierle il pannolino non ne voleva sapere, restava un po’ senza, non faceva nè pipì nè cacca, ma appena le scappava si impuntava che voleva farla nel pannetto… non c’era verso di farle accettare vasino o gabinetto… poi un giorno, mentre non c’era, ho fatto sparire tutti i pannolini da casa, e quando è tornata ed ha chiesto di farla.. i pannolini li aveva rubati tutti il malefico “ladro dei pannolini”… ahahahaha, tesoruccia mia, che tenerezza al ricordo, si fece convinta e la fece nel gabinetto, da allora basta pannolini, da un giorno all’altro ( aveva solo due anni e un mese) !!!

  26. Non so nulla di voi, Germana, posso solo dire che con i miei figli le cose vanno bene quando riesco ad infondergli tutta la mia fiducia… Per questo, prima di ogni grosso cambiamento, cerco di essere pronta io, prima ancora di loro. Poi, certo, ogni bimbo fa storia a sé e il mio piccolo, che finora ha dimostrato di amare poco le novità, ha dei tempi di risposta più lunghi e mi costringespesso a risintonizzarmi meglio con lui. Ma al momento giusto – per lui- ci arriva!
    Magari puoi chiedere un consiglio alle maestre o alla pedagogista di quartiere?

    1. Grazie per avermi risposto.Forse sono io che mi devo adeguare a lui.non il contrario.Ma quando leggo che tante levano il pannolino a nenche due anni francamente mi sento una sfigata(si può dire??).Davide non va al nido,la pediatra dice che devo essere drastica che gli dò troppo da bere e per questo lui non riesce a “tenerla”per concludere che se non riesco entro settembre mi farà fare lo stick per vedere se è diabetico!!!!Ho paura.Scusate lo sfogo.

      1. eh, vabè..cerca di stare serena..sempre stì allarmismi! ma perché a noi mamme ci complicano la vita? un abbraccio

      2. stai serena, ogni bimbo ha i suoi tempi..
        io ammetto di essere una mamma un po’ degenere, ma spesso i pediatri li ho gentilmente cassati con maestria…
        a partire da quella che voleva dar l’aggiunta alla mia bimba perchè ormai aveva 5 mesi ed evidentemente il mio latte non bastava (nonostante con il tiralatte tirassi fuori un bibe intero in 5 minuti)…ogni tanto esagerano!!

  27. Scusa,ma la tua pediatra è “fuori”? Forse lei non ha figli? Nel qual caso troverà scritto ovunque che ogni bambino ha i suoi tempi e che é una manna se bevono tanta acqua! Scusa il mio, di sfogo, ma mi sono proprio rotta di chi giudica i bimbi sulla base di tabelle e di chi pensa che una donna li metta al mondo perché non aveva niente di meglio da fare!

    1. Non mi sento di criticarla,è una professionista molto seria e preparata.Ha salvato i miei figli in più di una occasione(non è quella della mutua,figuriamoci quella manco chiamarla per queste scemenze,mi sentirei dire di tutto)..è solo che con sta storia del diabete mi ha spaventato.Comunque ci riprovo appena arriva un pò di caldo,da me sembra di essere a ottobre…Grazie per avermi ascoltato.

  28. Scusate se oggi sono virtualmente logorroica, ma ho un libro da consigliare a quante sono alle prese con l’abbandono del ciuccio : “Il ciuccio di Nina”. Forse lo conoscete già perché é un classico, ma non si sa mai! Ai bimbi piace molto… e anche ai grandi 😉

  29. magari sbaglio ma ho la sensazione che il piccolo somigli al medio: scambiare ciuccio con occhiali mi sembra una cosa che il grande non farebbe.
    il solito abbraccio (e spero serva), tigli&gelsominO

    1. Considerato come ha reagito il grande dal dentista anni fa… ho idea che il piccolo assomigli ad entrambi i fratelli.
      Ma è solo un impressione eh.
      Non ne ho prove.

      😀

  30. Oh oh, lo “spannolinamento”… boh, all’epoca ricordo di aver pensato: chissefrega di quello che fanno le altre (naturalmente all’epoca incontravo sulla mia strada solo ed esclusivamente quelle i cui pargoli all’età di “neanche 1 anno” andavano da soli in bagno, anche in quelli pubblici…), ci provo quando mi sembrano più o meno pronti… e poi ho incrociato le dita e ho viaggiato con valige di cambi, comunque…

    P.S.: mitico il commento del piccoletto sulle carote!!! 🙂 🙂

    Floralye

  31. Ah, scusate, ma posso dirlo ora che mio figlio ha dieci anni… Se avessi avuto la fortuna di averne altri non mi sarei minimamente preoccupata per vincere la gara di chi fa a meno prima del pannolino. NON è una cosa graduale, nè che il bambino impara. Quando è pronto è pronto e basta. Insomma, il pannolino – con la lavatrice e altre cosucce – fa parte delle grandi conquiste delle donne, approfittiamone, invece di dovere sempre dimostrare quanto siamo brave! Nessun bambino a dieci anni se la farà ancora addosso perchè a du e anni e 10 mesi la faceva ancora tranquillamente nel pannolino; non ci sono segnalazioni al riguardo. Inoltre, dopo una certa età, è spontaneo per tutti i bimbi cercare un posto dove “farla” tranquillo e in separata sede. Quanto poi a chiedere ai pediatri lumi in merito, lasciamo perdere… cacca e pipì non sono malattie.
    Consolatevi con il percorso formativo evacuatorio di mio figlio: pannolino fino a quasi tre anni, con alcune lunghe pause quotidiane, ma la prudenza non era mai troppa. Da quando l’ha tolto definitivamente di giorno mai neppure un incidente. Pannolino di notte fino a … fatemi pensare… adesso mi sembra di esagerare, ma credo quasi otto anni, o sette non ricordo bene. Dopo un esperimento fallito durato varie notti di pigiami umidicci e lenzuola bagnate, abbiamo deciso che il suo meccanismo doveva mettersi a punto da solo. dopo i cinque anni teneva il conto degli Huggies e mi avvertiva quando stavano finendo e non si è mai vergognato, neppure quando ha fatto un sondaggio a scuola. “Ognuno ha i suoi tempi” gli dicevo, “non preoccuparti, hanno inventato gli Huggies apposta”. Poi di colpo, basta. Pannolino asciutto. L’ha tenuto ancora un po’, per prudenza diceva lui, non si sa mai. La cosa più brutta sarebbe stata trovarsi bagnato. da allora mai neppure un incidente (era ora!!!!). oggi mio figlio è un piccolo campione di ginnastica artistica, fa salti mortali e esercizi alle parallele, va a cavallo e fa tante cose SENZA pannolino! Non si ricorda neppure di quando era un “piscialetto”, solo tre anni fa… 🙂 Lasciateli tranquilli, crescono tutti prima o poi.

  32. Ciao, mentre non ho avuto grandi problemi a togliere il pannolino alla primogenita quando aveva poco più di due anni e mezzo, ne ho tantissimi con la seconda, che ha tre anni e tre mesi. Avrebbe dovuto iniziare la materna a gennaio, ma non siamo riusciti a spannolarla e abbiamo dovuto mandarla al nido mezza giornata, per motivi organizzativi. Non c’era mai andata prima, ma si è trovata benissimo!
    Al nido dicono che non è pronta per lo spannolamento.
    Ogni volta che iniziamo a toglierle il pannolino succede qualcosa, precisamente ora ha la malattia esantematica chiamata “bocca – mani – piedi”, ha la lingua piena di vescicole e soffre molto.
    Speriamo in bene, le manca solo togliere il pannolino, per il resto sembra più grande della sua eta!

  33. Elasti ma come hai fatto?
    il mio topo2 è nato a novembre del 2009 ma fa 1 pipì nel vasino e 7 nelle mutande, roba che non ho abbastanza vestiti di ricambio e non se ne parla di metterlo nel passeggino o seggiolino auto che piscia pure quelli. Non vuole capire e si ostina in no e pinati convulsi. ma perchè???? sigh

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...