Nonsolomamma

party time

ore 7,30 sveglia.
ore 8,30 accompagnamento dello hobbit grande al centro estivo del parco nord, munito (lo hobbit, non il parco nord) di cambio completo, mutande comprese, giacca a vento, asciugamano, posate, bicchiere, tovagliolo e tovaglietta rigorosamente riutilizzabili perché bisogna essere ecosostenibili e a impatto zero, archi e frecce autoprodotti e saudade di ordinanza del lunedì mattina.
ore 9,00 accompagnamento degli hobbit medio e piccolo rispettivamente alla scuola materna e al nido.
ore 9,15-11,30 homeworking che poi vuol dire mettersi al tavolo della cucina con un computer e fare in due ore e un quarto quello che si potrebbe fare in un’ora scarsa.
ore 12 dichiarazione dei redditi al caf del sindacato dei giornalisti dove un tizio calvo e geniale le ha schiuso un mondo di detrazioni fino a oggi ignote, l’ha messa di fronte alla sua inettitudine e la sua inadeguatezza al cospetto del fisco e l’ha rimandata a martedì prossimo perché mancavano pezzi fondamentali per accedere al suddetto, sconosciuto mondo delle detrazioni.
ore 13,30 incontro in un baretto dei giardini pubblici, vicino al caf, con l’amica kappa, che di mestiere fa l’architetto, e con la piantina della casa nuova. elastigirl si è entusiasmata e ha detto sì a tutte le idee dell’amica kappa, incurante dello stringente vincolo di bilancio.
ore 15,30 adempimenti burocratici in banca dopo una fila di 30 minuti. per fortuna con lei c’era mister incredible e insieme hanno guardato la piantina e le idee di kappa. poiché mister incredible è un control freak cauto e dubbioso ha fatto a elastigirl una serie infinita di domande a cui lei non ha saputo rispondere. per fortuna è arrivato il loro turno e un impiegato bergamasco l’ha salvata dall’implacabile terzo grado.
ore 16,20 pagella dello hobbit grande e colloquio con la maestra bionda e la maestra bruna. “i voti sono buoni ma dovrebbe impegnarsi di più nello studio a casa”. “ha perfettamente ragione. fosse per lui non farebbe mai i compiti, non leggerebbe un libro e a scuola ci verrebbe soltanto per il lato conviviale… noi lo sproniamo, lo sgridiamo, a volte lo reprimiamo ma non è che i risultati… comunque la scuola gli piace un sacco”. “non preoccupatevi. è un bimbo intelligente e anche bello. e ha sempre tutte le bambine addosso. in quarta maturerà certamente”. “speriamo…”.
ore 16,30 recupero degli hobbit dalle rispettive sedi ludico-scolastiche.
ore 18,00 accompagnamento di mister incredible in stazione, dove prende il pullman per l’aeroporto, dove prenderà l’aereo per londra.
ore 18,30 bagno e preparazione della cena.
ore 19,15 cena
ore 19,30 lo hobbit piccolo dà la scopa in testa al medio. il medio urla. il grande telefona trionfante ai nonni di bari per comunicare l’esito della pagella. elastigirl inspira ed espira.

un elasti-collega un giorno le ha detto: “tu mercoledì, giovedì e venerdì hai il part time verticale. lunedì e martedì hai il party time”. elastigirl ogni tanto ci pensa, a quel party time. a volte con un po’ di sfinimento, ma felicemente conscia di non poterne più fare a meno.

65 thoughts on “party time

      1. questa settimana marito e figli al mare, io da sola in città…
        Ho detto “la vera vacanza è la mia!!!
        ma poi ieri ho fatto tre ore di straordinario in ufficio… mi sembrava strano tornare in una casa vuota…

      2. elasti, io mi sto pregustando la prossima settimana in cui i nani saranno al mare dai suoceri e io tornando a casa potrò anche decidere di non cenare, dormirò probabilmente tutta la notte per intero, mi dedicerò agli ultimi ritocchi al mio imminente matromonio, anddrò a fare un aperitivo con un’amica.
        io penso che GIOIRE sia il termine che si addice alla mia situazione, poi fai tu.
        per il part time ho solo invidia: devo ammettere che dopo 7 mesi di full time sono capitolata, non ce la faccio proprio (l’inglesaccio è part-time se ricordi). sto cercando di trovare il modo di annunciare, nella maniera più indolore possibile le mie dimissioni, indolore magari più per me, perché ero convinta di potercela fare einvece non sono di quella razza che sa fare tutto e tutto bene. ammetto la sconfitta e la manifesta inferiorità. 😦

  1. sai che a me il lavoro da casa fa l’effetto opposto? le rarissime volte in cui mi è concesso praticarlo scrivo le mie cose in metà del tempo… quanto mi piacerebbe poter lavorare da casa. non tutti i giorni altrimenti mi imbruttisco con tutona e ciabatta, ma 4 giorni a settimana…

  2. ma quanto ti capisco!
    anch’io ho il part time (“normale”), ringrazio il cielo di averlo e mai e poi mai ci rinuncerei, ma a volte quando le colleghe mi dicono “beata te che vai a casa”, mi metterei ad urlare!!

      1. … e dopo le mie 6 ore io dico: vado a cominciare l’altra mia giornata di lavoro!
        comunque non potrei mai farne a meno…
        rocs

    1. Vedo che noi privilegiate delle 6 ore la pensiamo tutte similarmente: mezza giornata di lavoro fuori casa e l’altra metà dentro. Giusta anche l’osservazione del “vado al lavoro per riposarmi”: a volte é proprio così!!!
      A me fanno pesare tanto l’avermi concesso il part time ma come si fa senza? Fare figli e poi non vederli e non poterli crescere è da impazzire, e io ci sono passata già con Iris_viola_con_macchie_gialle… brutto brutto brutto…

  3. comincio ad invidiare il tuo party time verticale, è sicuramente più fattivo del mio orizzontale.
    certo è che sogno anche io la famosa pensioncina di cinisello, altro che part time, arrivati a questo punto dell’anno l’unica cosa che sogno e un po’ di distacco dai due nanetti, che sono la mia vita, ma che me la succhiano via…

  4. ho appena finito di fare il bagno alla mia pupattola di cinquemesenne, sono sfinita (benchè con me ci fosse il fido marito) come caspita fai a farlo a tre da sola?? (in 3/4 d’ora poi) massima ammirazione 😀

    1. vedrai che appena il tuo diventa minimamente autonomo lo lanci in vasca e gli insegni a far la doccia, e se arriva un secondo e un terzo diventi anche (se non lo eri da prima come me) moooolto poco esigente con i dettagli, basta che passino sotto l’acqua e si asciughino un po’ quando escono. E cosi facendo, mentre loro fanno come se si bagnassero tu fai una cena veloce e il gioco è fatto 😉

      1. grazie per questa risposta. dubito fortemente di avere altri figli in futuro, chissà, non si può mai sapere. certo sorrido divertita all’idea di questi bambini carinissimi che si lavano da soli 😀

  5. Ciao, non commento mai ma qui ci voleva.
    Memore della tua esperienza mi son detta: ma che bello il part time verticale! Dato che con l’orizzontale avrei orari troppo balordi questo mi sembra perfetto!
    E così ho firmato: ora lavoro lunedì – martedì e mercoledì.
    Ma che fatica il party time del giovedì e venerdì…

    1. all’inizio è stranissimo e ti sembra di essere sempre al servizio altrui poi migliora e alla fine ti sembra la quadratura del cerchio

  6. io lo vorrei il party time…o il part time verticale o anche quello orizzontale per riuscire anche solo ad entrare in un camerino e provare un pantalone senza mio figlio che gioca a fare la capanna..per fare una spesa in tranquillità e per non farlo sempre giocare con me a “puliamo casa”…ma lo stipendio full time è imprescindibile per la nostra famiglia. Goditi il tuo tempo…

    1. ah, menomale che qualcuna che non fa part-time c’è, mi sento meno sola…a me tocca mollare il Budino al nido alle 7:15 e ripigliarlo alle 19:20 :(( mi sento un pò mammadegenere, ma del resto il mio stipendio serve..

    1. in realtà è arrivata l’estatissima pu qui ma la giacca a vento è un must, pare. a proposito… stasera ho offerto le mie polpette al mio vicino di casa. le ha schifate raggiante brendendo una vaschetta di gelato e comunicandomi che cenava fuori… ma quanto l’ho invidiato?

      1. Ahahah! no, non deve essere invidiato poverino…. sentissi come si lamenta della casa vuota, e di quanto si stanca al lavoro… 🙂

  7. scusa, lo so, non c’entra nulla!!!!
    ma tu ceni alle 19.15????
    io a quell’ora faccio merendaaa!!!
    sarda con ritmi spagnoli!

    p.s. anche io vorrei il part time…verticale, orizzontale, obliquo, a testa in giù, fai una giravolta, falla un’altra volta….insomma vorrei un lavoro..verooo!!
    bacii

      1. Hey che imbarazzi? Io a volte ceno, cenerei sempre potessi*, anche alle sette!

        Ops… forse era meglio se non lo confessavo!

        *Per cause di forza maggiore mai prima delle 7e30 di solito.

      2. ti capisco, soprattutto per il “quando non c’è Mr. I.”: non so perchè, ma quando i mariti ci sono si fa sempre più tardi, forse perchè mangiano di più???!
        Comunque ieri sera, cena con i piccoli in piscina, dopo i rispettivi nido e asilo, a base di plum cake casalingo, banane e budino: la fuga da Milano in quel di Comerio inizia a pagare!

      3. Per me è tutto l’opposto: quando c’è il Panzone milanese (che poi sarebbe il mio ragazzo) si cena prestissimo. Io da brava romana non concepisco l’idea di una cena prima delle 20.00-20.30
        Nerdina

      4. anche da noi cena alle 19 e nanna alle 20 !
        fa un po’ nazista ma al mattino ci si alza alle 7 e io non ho voglia di urlare per svegliarli

      5. anche noi (2 ottenni gemelli e la piccola) ceniamo anche adesso a sole alto alle 7- 7 e 30 estate e inverno e poi alle 9.00 nanna. ci svegliamo presto alla mattina (6 e 45) e non ho voglia di urlare tutte le mattine… meno male che non sono l’unica

      6. sono argentina, e quando andiamo là a dicembre-gennaio, ceniamo alle 22.00 (se va bene) e siamo in tanti. A milano 19:30 divento svizzera, e alle 19:30 hanno le gambe sotto il tavolo, e dalle 21 in poi (se non mi addormento insieme a loro) la serata è tutta mia 😀

      7. Sperando che vada sotto e non quì in cima…
        Ma quelli che dicono che c’è ancora il sole, cioè scusate, ma quindi nei paesi vicini ai poli, in certi periodi se non sbaglio hanno il sole sopra l’orizzonte tutto il giorno, non cenano? 😀

        Lo so… è un esempio esagerato. 😉
        Ma io sapevo che si mangia quando si ha fame, e che ci si abitua a determinati orari, poi è chiaro che se uno non ha fame e schianta dal caldo magari ci si limita a della frutta, o una bella insalata di riso, ma dubito che chi ha bambini possa cavarsela così facilmente.

        Oh no ecco preciso, che sono pignola io :-P,di bambini da mandare a nanna presto non e ho, ma mangiare troppo tardi mi piace poco.
        Fine papiro, e grazie mille dello scambio di opinoni.
        😀

      8. La mia piccolina alle 18:30 comincia a gridare “gnam gnam” e se potesse si fionderebbe nel frigorifero quindi max alle19:00 si mangia… Ho vinto qualcosa? Anto

    1. facciamo qualche eccezione al venerdi sera o al sabato , così al mattino possono dormire un po’ di più , ma in settimana al massimo alle 2030 si deve già essere a letto. anche a me sembrava strano all’inizio, quasi ingiusto , ma se andavano a letto più tardi alle 17 entravano in pirla-mode e la giornata diventava un vero inferno. cosi siamo tutti più rilassati e contenti

      1. qui romagna, e si magna sulle 7-7.30 in inverno e sulle 7.30-8 in estate.
        poi alle 9 tutti a letto (i minorenni!)
        ieri sera mi sono telefonata con la dada andalusa che arriverà tra 10gg. ci siamo salutate alle 22.40 e lei mi ha detto “ciao vado a cena”
        gulp!
        le ho anticipato che abbiamo gli orari un po’ diversi dai suoi…che dite, se ne accorgerà?

    2. La Comare, le 9.30???
      e poi i figli a che ora li metti a letto? Alle 11???

      Noi cena anche prima, alle 19.00, poi, dopo cena, rimane tempo per qualche attività familiare, dal film invernale alla passeggiata estiva. E i figli, soprattutto nei mesi scolastici, a nanna alle 10.00!!!!

      1. ehm…ancora figli non ne ho!!!
        ma è così disdicevole farli mangiare un pò più tardi delle 19????
        sarà che ho sempre vissuto in una famiglia un pò hippy…e anche quando ero piccola non si mangiava mai prima delle 21.30!!!

        p.s. da quando vivo col mio ragazzo, alle 20.15 max siamo a tavola!!! che tristezza!!con un bel sole fuori e voglia di starsene a zonzo!!!…….combatto per fargli cambiare abitudini!!!!

  8. al rientro dalle maternità (2) ho chiesto il part time… Negato con schifo
    Adesso che il piccolo ha due anni , complice una ristrutturazione aziendale, te lo tirano dietro! Ma dovrei buttare via questi due anni faticosi in cui ho recuperato il lavoro che facevo prima. Con lA lacrima sul viso ho detto no. Quindi no pArt time e no party time , direi più lavoro e superdoppiolavoro con i nanetti… Bho ..
    Comunque mi piace l idea del campo al
    Parco… Qui al mare lo fanno portando i bimbi in piscina , in spiaggia e in gita!

  9. sono d’accordo: evviva il part time verticale. anche se io gli altri giorni comunque lavoro da casa e ogni tanto, anzichè un part time mi sembra un full time e mezzo! comunque, dal party time non si torna indietro!!

  10. propongo un raduno di hobbit urlanti con accampamento di tende indiane al parco nord. intanto che loro scorrazzano con gli archi fabbricati, gli amuleti di foglie e tutto l’armamentario, tu mi dici le dritte per il mutuo che io non ho la forza di fare il giro delle sette chiese. poi ci si sdraia a pancia in su nell’erba e si lanciano in aria un pò di pensieri. io sono l’omologo di mister I : un àncora attaccata al fondo, non essere pragmatici in certe cose come il cambio casa aiuta di brutto.brava.

  11. anch’io ho un hobbit grande che sia a scuola sia a qualsiasi attività sportiva gli venga proposta va solo per la componente conviviale!

  12. Anch’io smisto le due gemelle settenni al campo estivo che mi costa quanto un club valtur. Poi vado a lavorare part-time… e la mia collega single ogni giorno mi ricorda sospirando “beata te che vai già via..” senza capire che il mio vero lavoro inizia appena striscio il cartellino per uscire. Sono d’accordo con voi.. che bello avere figli ma a volte.. che fatica….

    1. Già anche a me (part time orizzontale 80%, praticamente tempo pieno) dicono “beata te…” sopratutto uomini con incarichi dirigenziali che per lavorare un paio d’ore al giorno più di me si beccano il quadruplo almeno. Ovviamente quando arrivano a casa trovano la moglie con la cena pronta. Per me il vero lavoro inizia quando striscio: spesa, accompagnamenti vari, pulizie, stiro, ecc. Io rispondo che chi vuole può avere quello che ho io: rinunciare all’incarico da dirigente o funzionario, chiedere un part time e iniziare a frequentare supermercati, palestre dei figli e altre amenità. Non è difficile, basta accontentarsi di una busta paga più leggera.

  13. Oh mio dio, quanto mi sono consolata… sono reduce dall’appuntamento con il Caf (alcuni anni lo salto…) dove ho appena apprese che se entro domani non riesco a trovare certi documenti NON avrò una detrazione (leggi rimborso in busta paga a luglio) di 1.500 milecinquecentoeuro!!!!!! aiuto! Mi sono già autolesionata, mi sono beccata i rimbrotti di chi mi dice “sempre all’ultimo tu” ecc ecc. E’ un incubo… anch’io non capisco niente… Però ogni anno imparo qualcosa. Credo per esempio di aver capito che al limite se non ho tutti i documenti epr domani posso fare il modello UNico più avanti…credo.
    Ah, ah che bello, del tuo hobbit grande le maestre dicono le stesse cose del mio!!!! Anche loro dicono che dovrebbe fare di più a casa: non sanno che fatica già ottenere questi risultati!!! Però dalla fine della quarta qualcosa è cambiato: ora i compiti li vuole fare da solo e non vuole che io o suo padre li guardiamo, dice che ci penserà la maestra, che è il suo lavoro 🙂 Anche lui ha tutte le bambine addosso… ma lui non le vuole!!! Ieri gli ho fatto tagliare i capelli, anche se le bambine non volevano!!!!

  14. Part time, party time per me sono un miraggio lontano! In libera professione correre per tutta la provincia di Pavia 5 giorni a settimana, guidando un’ora al giorno per arrivare al lavoro, e un’ora al ritorno… Trovare il piccolo duenne pronto per andare in giro a giocare, ridere e stare con mamma…e poi di corsa a casa, a preparare la cena per lui piccino, e mentre mangia lui quella di noi grandi. Attendere il marito e spupazzare il pupo per quel che resta del giorno, poi metterlo a nanna e tentare di terminare quel che c’è da fare in casa prima di crollare a letto. Il tutto senza ferie pagate, maternità nè malattia.
    Ce la farò anche io, prima o poi!!

  15. anche il tele lavoro è una fantastica opportunitá. un paio di giorni a settimana. se hai un capo intelligente che guarda a quel che fai e non su dove sei seduta è un modo diverso e piú produttivo di lavorare

  16. che bello leggere nel giorno del mio compleanno (18 giugno)
    L’elasti blog che mi appassiona…
    Grazie davvero e anche se mi rendo conto quanto sia faticoso recuperare le energie dopo quello che è successo, stai facendo veramente un grande lavoro…
    In bocca al lupo per il mutuo e la casa nuova.
    Tatiana da bari dove nn si cena prima delle 9 con i nostri ritmi sudamericani che tu conosci alla perfezione

  17. Io (part-time orizzontale, se così si può chiamare, diciamo più che altro lavoro a giorni alterni) ieri ho avuto veramnte un party time. Dalle ore 16.30 alle 18.30 (abbondanti) ai giardinetti di fronte alla scuola. Siamo giunti a casa che eravamo penso i tre essere più stanchi, sudati e puzzolenti d’Italia ma non ne farei a meno nemmeno io!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...