115 thoughts on “ma che bella famiglia

  1. sto ridendo come una pazza in ufficio con le lacrime agli occhi. io sono incinta del mio primo bimbo e non vedo l’ora di conoscerlo. Grazie a voi tutte di condividere le vostre storie, sono divenrtentissime! Io ricordo che una volta alle elementari dissi, piangendo, che papà mi avrebbe picchiata perchè avevo preso 5 in matematica. La maestra, il giorno dopo, sgridò la mamma, che rimase basita perchè mio padre è l’uomo più calmo del mondo e non mi ha mai picchiato in vita mia.

  2. Mio fratello aveva scritto:
    Il mio albero di natale è brutto e ha poche palle. Mia sorella ha il sorriso cattivo, mio papà ha pochi amici, mia mamma ha il piede piccolo.

    Da noi si dice: fioi e colombi sporca la casa. 😉

  3. Grazie, sto sorridendo tanto anche se ho appena tolto un dente…!!
    La mia è ancora piccola per pensierini e disegni. Ma io all’asilo mi sono inventata una sorella maggiore inesistente, e a un certo punto dopo un po’ l’ho fatta morire. La maestra ha chiesto un colloquio con mia madre… lei ovviamente rimasta basita… Dopo, mi hanno portato da uno psicologo (!) di cui non ricordo assolutamente nulla.
    Mia madre recentemente mi ha detto: “Lo psicologo mi disse che dovevo stare più tempo con te. Siccome tanto per cambiare la colpa era della mamma, non ti ci ho portato più e non ci abbiamo più pensato”. Mitica!

    Abbracci a tutti gli hobbit.
    Mi viene voglia di fare un altro bimbo pensando alla bellissima opportunità di scoprire pian piano un altro/ un’altra personcina formarsi e crescere, e raddoppiare la quotidiana meraviglia!

  4. i miei bimbi non sono ancora in grado di scrivere. ma ricordo ancora una mia collega la cui figlia in seconda elementare scrisse in un tema: “la mia mamma ha la patata pelosa”. sono effettivamente grandi soddisfazioni.

    1. Ahio!!! Questa si che aderisce a #sputtaniamoigenitori!!!
      E di che ci lamentiamo noi che non abbiamo avuto simili “etichette”? 😉

      Floralye

  5. punto 1°. l’autostima è a un alto tasso.
    punto 2°: “pazzo furioso” è un termine che ricorre spesso per il secondo, ma i fratelli di mezzo partano svantaggiati, devono sempre inventarsi qualcosa per farsi spazio.
    punto 3°: sicuramente apprezza il quaternario
    punto 4°: mr. i non si è scelto la carriera più semplice, studiare e scrivere articoli dal lunedì alla domenica, ma sembra che lui ci si trovi come il topo nella forma di formaggio.
    In quella fascia di età tendono a ripetere gli stereotipi che sentono cantilenare da noi adulti, ma può anche darsi che abbia una capacità
    di sintesi eccezionale.

  6. Il grande disse alla maestra che io amavo stendere nuda sul balcone e che papà mi picchiava per prendere il posto migliore sul divano …. per fortuna l’insegnante ci conosceva e mi raccontò solo la storia. Il piccolo 5 anni dopo specificò che il mio lavoro era insegnare agli altri a rubare (sono commercialista) e il papà la notte faceva le pulizie (manager della sicurezza informatica si fermava la sera per i cleaning del sistema) … noi ci divertimmo molto ma i nonni meno.

  7. Mio fratello in un tema in quarta elementare ha scritto che io ero bionda perché lui da piccolo mi faceva la pipì in testa!!
    Questa era la sua spiegazione al fatto che della famiglia fossi l’unica bionda!
    abbiamo riso tantissimo e ogni volta che mi chiedono da chi ho preso i capelli biondi lascio la spiegazione di mio fratello perché è troppo divertente!!!

  8. A giudicare dai commenti mi devo reputare fortunata: il mostro grande alle elementari si limitò a scrivere in un tema che sua madre diceva le parolacce. Anche se non scarico colli al porto effettivamente qualcosa ogni tanto scappava, ma ricordo che ci rimasi molto male.

  9. Direi che come tema in classe non fa una piega e promette di diventare leggenda fra i parenti, come sono di solito i temi sulla famiglia. Mio papà racconta ancora che nel mio tema su di lui, come prima frase ho scritto “Il mio papà è robusto…”

  10. Mio figlio più grande, ora ventenne, da piccolo non dormiva e noi riprendendo le parole di una canzone di Vasco Rossi, gli dicevamo che gli avremmo dato 4 gocce di valium. Ci chiese che cosa era e noi sereNamente gli dicemmo che era una droga. Il giorno dopo a scuola raccontò che x farlo dormire lo drogavamo. X fortuna la bidella, conoscendoci, si fece una sonora risata, mettendoci xrò in guardia. Ihibih

  11. Io credo di aver scritto un tema alle elementari nel quale raccontavo di un grande neo sulla schiena di mio padre, ma sono certa che a vivavoce, il primo giorno di prima, entrando in classe mano nella mano con lui, dissi “Compagnetti, scusate, ma mio papà é senza capelli!!!” 🙂
    Si, lo amo proprio tanto.

      1. Non ho aggredito: rilevo solo che se ci sono figli, nipoti e ricordi infantili difficile che un post così faccia tristezza. Ed è meglio non leggere che diventar tristi. Aggredire è ben altra cosa. Nemmeno dico che questo sia un pensar fuori dagli schemi, fatti suoi quel che pensa. E’ il diventar triste per questo che non vale la pena …. se non ti fa sorride balzalo (e da qui si vede che ho figli adolescenti …)

  12. Ma vi ricordate il film “Bugiardo bugiardo” con Jim Carrey? Inizia proprio con la scena di suo figlio che è a scuola, deve dire che lavoro fa suo padre e lui, giocando sull’assonanza che c’è in inglese tra “liar” (bugiardo) e “lawyer” (avvocato), risponde che suo padre è un bugiardo anziché un avvocato. Ovviamente il giochetto rende meglio se si vede il film in lingua originale 🙂

  13. Per la cronaca: ho figli? SI…7!!!
    Ho nipoti?? NO
    Sono stata bambina?? Si

    Mi mette tristezza questo post?? Si, non sempre tuttoquello che dicono i bambini bisogna prenderlo sul ridere… Alle volte esprimono un disagio e io ( non sono il verbo ovviamente) in questo post lo leggo.
    Ognuno ora legga ciò che vuole, ma io resto di questa idea …

    F.to Giovanna

    1. scusa ma quale disagio?????il bimbo scrive che è molto intelligente, quindi una forte stima e sicura in se stesso. poi descrive i suoi fratelli, che è quello che sente e raccoglie a casa, elasti lo definisce lei sempre un pazzo, un fuori dagli schemi, e il terzo, un bullo,ovvio, è il piu’ piccolo di casa, si deve far sentire che c’è pure lui. poi elasti che è al computer, si capisce che lui è complice della mania della madre, e del padre che lavora sempre, qual’è il problema, tutti i padri in genere lavorano e lavorano..mbo io ci vado tanta ma tanta normalita’….please a sto punto spiega, grazie

  14. I in addition to my guys appeared to be examining the best tricks located on your web page then then I got a horrible feeling I never expressed respect to the web site owner for those tips. All the men became for this reason excited to see them and have clearly been using them. Thank you for turning out to be simply considerate and for settling on some tremendous topics millions of individuals are really needing to learn about. My sincere apologies for not expressing gratitude to you earlier.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...