Nonsolomamma

andando a scuola

ieri mattina, andando a scuola. elastigirl e i due hobbit maggiori.

BAU BAU BAU

“ehi! che spavento! odio i cani che abbaiano come pazzi da dietro i cancelli. anzi, odio i loro padroni. perché sarà possibile educare un cane a non avere una crisi isterica ogni volta che qualcuno passa sul marciapiede davanti a casa sua, no?”

“questo cane ha una lunga storia, mamma”

“e come lo sai tu?”

“lo conosciamo. si chiama musillo”

“musillo? che nome è?”

“è il nome di un canale della tv. musillo channel. la pubblicità dice ‘squartamenti? solo su musillo! zombie? solo su musillo! battaglie spaziali? solo su musillo!'”

“ma sei sicuro? io non l’ho mai sentito…”

“certo che è sicuro, mamma. ti sembra la faccia di uno insicuro?”

“…”

“i padroni di musillo si chiamano signor remo e signora romola”

“ah…”

“di mestiere allevano piante carnivore”

“voi due siete pazzi furiosi e vi approfittate di me che la mattina sono più indifesa”

“i vicini di remo e romola, quelli che abitano in questa casa affianco gialla, sono fico e fica de’ peris e di mestiere cercano di ammazzare musillo lanciandogli polpette avvelenate”

“fico e fica de’ peris??? comunque il loro non deve essere un veleno molto efficace visto che musillo è qui che ci sbraita contro tutte le mattine”

“il veleno è potentissimo ma le polpette le divorano le piante carnivore che sono più veloci e ingorde di musillo”

“quindi musillo è vivo e vegeto ma le piante carnivore stramazzano”

“brava, mamma. vedi che quando fai attenzione sei una specie di sherlock holmes”

“secondo me è arrivato il momento per voi due di andare a scuola da soli”

“stai scherzando? io mica voglio prendermi la responsabilità di portarmi in giro mio fratello. è un fuori di testa”

“ehi, hobbit di mezzo? hai sentito cos’ha detto il grande?”

“…”

“si è scollegato, mamma. lascia stare”.

66 thoughts on “andando a scuola

      1. Io vivo in una citta’ di 100mila abitanti circa. Scuola elementare a 8 minuti a piedi. A 8 anni andavo sola con la cuginetta di 6…non so quando sgancero’ la mia grande pero’, e dire che la strada e’ la stessa…

      2. giusto, il problema non è che loro non siano perfettamente in grado di attraversare la strada. Il problema sono gli anonimi furgoncini bianchi che passano e in un minuto spariscono i bambini.
        Ecco, se si potesse organizzare un gruppetto nutrito di bambini a piedi, almeno in 4 o 5 possono difendersi/lanciare l’allarme.

    1. Nostro figlio va da solo o con un gruppetto di amici dall’anno scorso, era in quarta elementare. Ma sono 5 minuti scarsi a piedi, lungo una via che a quell’ora è piena di genitori con bambini che vanno a scuola. E con un solo grosso attraversamento con semaforo.
      Però di uscire da scuola soli non se ne parla, la dirigente non autorizza l’uscita se i bambini non sono affidati a un adulto. Ho anche discusso con lei, mi ha detto che non può per legge e mi ha velatamente dato dell’irresponsabile perché mi arrischio a farlo andare in giro da solo…

  1. Dio che spettacolo!! Mi fate morire dal ridere!! Ti seguo da prima dei due libri e dell’hobbit piccolo!! Che superbo passatempo siete. Un abbraccio

  2. Qui in Svizzera i bambini vanno( e tornano)a scuola da soli dai 5 anni. Nostro figlio “grande” ha 3 anni e io sono terrorizza al pensiero di quando questo succederà, bene o male anche se abito qui sono pur sempre italiana!Peró devo ammettere che i bambini qui mi sembrano,nella media, piuttosto autonomi fin da piccoli

  3. Io vado un pó contro corrente e dico: “in prima media!”. A casa mia c’e stata questa regola e mi é sempre sembrata una regola ragionevole.
    Purtroppo il problema non e’ fidarsi di loro ma del mondo esterno. Ci sono tanti altri modi per insegnar loro l’indipendenza e la responsabilita’. Ogni cosa a suo tempo.

    1. Si, anch’io la penso così. E’ vero che io andavo e tornavo a casa da scuola da sola, e in quinta elementare avevo anche la responsabilità di mio fratello che faceva prima, però forse adesso, soprattutto in città, non è ancora il caso. E non per sfiducia nei bambini, ma negli adulti!

      Floralye

  4. Il grande mi fa morire. Zitto zitto durante la filippica visionaria del fratello e poi il classico intervento rapido conciso indolore…! 🙂

  5. Quando ho letto di Remo e Romola sono schiantata dal ridere 😀 Beh ma se la strada è fattibile, da soli perché no? Tanto mi pare di capire che ci andate già a piedi.

  6. Sto ancora ridendo per i nomi affibbiati ai personaggi della “saga” carnivora e orrorifica assortita! 🙂 🙂 🙂
    Ma alla fine della fiera i due furbacchioni hanno mandato il messaggio del tipo: Mamma, accompagnaci ancora (per poco)!

    Floralye

  7. Io detesto i padroni dei cani che fanno imbrattare i marciapiedi e i parchi in maniera indecente.
    La mattina, per non calpestare le cacche con le cartelle è una impresa. Non ti puoi distrarre un attimo.
    Al parco, nonostante tre zone cani, i cani istanno fuori, dove poi il pomeriggio giocano i bambini. E lascia stare che una volta su tre raccolgono. Il prato resta lercio.
    Li lasciano urinare ovunque. Sulle piante dei negozi, sulle piante davanti all’asilo, sui motorini parcheggiati.
    Ma perchè c’è cosi poco senso civico a milano? Gli animali sono bellissimi, ma chi li farebbbe defecare ed urinare sul proprio tappeto?
    La nostra città dovremmo trattarla come trattiamo il tappeto di casa nostra.
    Ecco mi sono sfogata’ almeno, ma cambierá maii qualcosa?

    1. Se ti può… consolare, e hai voglia di leggere, sul giornale “di Torino” (tanto per non far nomi) di ieri e di oggi c’è la cronaca della indefinibile vicenda che ha visto multare una scolaresca di terza elementare, qui a Torino, dietro esplicita “richiesta” di alcuni proprietari di cani, multati perchè gli stessi non avevano nè guinzaglio nè museruola, ai vigili che li avevano multati, e relativa minaccia di denunciarli (i vigili stessi) ai carabinieri… Non dico altro, perchè diventerebbe turpiloquio!
      P.S.: sullo stesso quotidiano, in data di ieri, c’è anche il “Buongiorno” di Gramellini, consigliato.
      Floralye

      1. Sono d’accordo, non si possono trattare allo stesso modo i bambini e i cani anche se ormai sempre più persone sembrano pensarlo. Non fosse altro perché i bambini anche se schiamazzano, generalmente non azzannano nessuno per strada. Chi non tollera gli schiamazzi dei bambini si merita un mondo senza figli, stile “Children of men”.

      2. Viviamo in un paese in cui se non soccorri un cane ferito lungo la strada ti becchi una denuncia per “omissione di soccorso”, mentre se soccorri un barcone di profughi ti becchi la denuncia per “favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”.
        Mettere sullo stesso piano cani ed esseri umani (che non mi piace) sarebbe già qualcosa…

      3. L’ho letto l’articolo riguardante il caso dei bimbi multati: è ASSURDO!!!!! Multare la maestra di una classe di 7-8enni PERCHE’ GIOCAVANO CON UN PALLONE DI GOMMA????!!!!!! E’ anche per cose come questa che, sempre più spesso, mi vergogno dell’Italia..

    2. Notizia dell’ultim’ora: il comandante dei vigili urbani è andato nella scuola, ha parlato con i bambini per spiegare che comunque le regole vanno rispettate, ma ha anche assicurato che ci sono gli estremi (giuridici) per cancellare la multa. Meno male!

      Floralye

      1. allora a me i figli non sono venuti perché detesto i bambini che schiamazzano come forsennati … strano anche la mia amica finlandese Nani li detesta però di figli ne ha avuti due che non schiamazzano… sarà questione di educazione di bambini e genitori. quanto alla solita annosa questione cani meglio trattati – in alcuni casi – degli umani, direi che è oziosa e noiosa. sono due cose diverse che non si possono mettere a confronto. e non è detto che se amo i cani non amo i bambini o se soccorro un cane ferito poi magari mi disinteresso ai barconi degli immigrati. generalmente anzi chi ama gli animali è sempre piuttosto ben disposto verso tutti gli altri essere umani, il che non è sempre vero in caso contrario.

      2. MarinaM mi dispiace se ti sei sentita toccata dalla mia frase. Come saprai i Finlandesi sono il popolo più taciturno d’Europa, forse del mondo, ed è probabile che il livello di chiasso raggiunto dai loro bambini sia proporzionale a quello dei genitori. Ai bambini finlandesi è vietato giocare a palla in cortile? Sul serio me lo chiedo. Gli Italiani sono certamente uno dei popoli più chiassosi d’Europa, e penso anche fra i più maleducati, ma vietare ai bambini di giocare perché fanno chiasso è una stronzata equivalente a pretendere che siano fatti di gesso, come nella canzone di Rodari/Endrigo. Senza contare che i bambini che giocano, generalmente, non azzannano i passanti. Che sarebbe la ragione per cui invece vanno tenuti al guinzaglio i cani.

  8. sarà…. io sono forse una “bastiancontrario” ma questi dialoghi surreali tra i bambini alla lunga mi annoiano. non riesco a coglierci nessuna delle perle che ci trovate. probabilmente è un mio limite!
    vi scandalizzate se vi dico che alla elasti-mamma che trascrive ogni sospiro dei suoi figlioli preferisco di gran lunga l’elasti-donna alle prese con le scelte difficili che la vita le impone?
    con immutata stima per claudia!

    1. è solo per alleggerire un pò le inevitabili, quotidiane scelte difficili che la vita impone…affacciarsi al mondo dei bambini è una boccata di ironia e leggerezza! 🙂

      1. … d’accordo, l’inconsapevole ironia infantile, il mondo visto dall’infanzia, l’effetto straniante di certe battute, ecc…. però, però… lo ripeto, a me piace elasti quando scrive di sè, quando è centrata su se stessa, quando scava nelle sue vertigini, quando si guarda nello specchio, vede claudia e ce ne parla! …diciamo che apprezzo il suo coraggio di essere donna vera, e di mostrarlo senza ipocrisie!
        che ci volete fare, la preferisco all’altra elasti, la quale mi sembra una mamma un tantino compiaciuta che racconta delle scombiccheratezze dei pargoli. lì per me perde la sua unicità, scompare claudia e appare una mamma che in questo giardinetto virtuale racconta dell’ultima trovata dei suoi bambini. mah!
        opinione personale, eh!

    2. Che male c’e’? Non siamo mica tutti iuguali. Forse a mw piace perche’ sono nel pieno di quelle eta’ e assaporo il momento in cui le mie bambine avranno questo tipo di complicita’.
      Ad esempio io non apprezzo molto i frammenti di dialogo a tavola… 🙂

  9. Elasti cara,anch’io come te ho sempre detestato i cani che dal cancello ti fanno sobbalzare e continuano ad abbaiare fino a quando nn scompari..così,presi 2 cani pure grossi,mi sono adoperata x educarli a nn fare così..e ho ottenuto ben 2 risultati,ottimi direi:a fine giugno sono entrati i ladri e secondo me il bovaro del bernese-il maggior indiziato-gli ha pure indicato l’ingresso più comodo,e poi talvolta continuano ad abbaiare a chi passa! Pessima educatrice..!!Però li adoro,e pazienza se dovrò sgridarli in eterno!

  10. Rido elasti. E da quando hai spiegato la vicenda del tubo e della vita scollegata del tuo hobbit vedo con occhi diversi lo scollegamento quasi perenne del mio 5enne. Grazie

  11. pedibus forever!!! un genitore che porta 8 bambini fino a scuola, ufficiale autorizzato dalla scuola o concordato con altri genitori della stessa via o del quartiere. i bambini si divertono un sacco ed è una prova generale per andare a scuola da soli. tuttavia, parlando di Milano, ci sono incroci quasi inattraversabili, rotonde maledette, auto che sfrecciano senza fermarsi. direi che questo è il problema principale per andare a scuola da soli. nel nostro quartiere si aspettano le medie, poi si va, nonostante tutto.

  12. La vita di una persona è fatta di tanti elementi, mi pare ovvio che Elasti scriva di sè, dell’open space, degli hobbit, di suo marito, del blob alcolico, dell’au pair, dei vicini di casa…Mica può essere monotematica.
    Per tornare all’altro argomento mia figlia ha cominciato quest’anno (prima media) ad andare e venire da scuola da sola. Paura tantissima ma era un passo che in effetti andava fatto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...