Nonsolomamma

4

ehi tu, ragazzo pieno di punti rossi, ciao.
bisogna avere un certo talento per riempirsi di varicella in vacanza a bari dai nonni, tra natale e capodanno, proprio in un giorno importantissimo che aspettavamo con trepidazione. ma io l’ho sempre saputo che sei piuttosto talentuoso
.
ehi tu, buffo personaggio che l’altro giorno, con l’understatement che ti contraddistingue, hai annunciato: “io sono gesù” perché la megalomania è una piantina che si comincia a coltivare da piccoli.
ehi tu, che dei tre sei il più indipendente e autonomo e dici: “adesso tu leggi che io ho da fare qui sul tappeto” ché i tuoi giochi e le tue storie sono un fatto privato, da condividere solo con i fratelli e spesso nemmeno con loro.
ciao tu che hai imparato a leggere perché non potevi tollerare di essere l’unico in famiglia a non esserne capace, che canti e disegni distinguendoti in questa banda di negati e inetti in cui sei capitato.
ehi tu che mi dici “amoriamoci” e fai di me una polpetta adorante, che ti sei infilato a cuneo nella nostra vita, prima ancora di arrivarci e dici “ci sono anche io”, come se qualcuno potesse non accorgersene.
ehi tu, che hai le spalle più larghe di tutti noi, una solidità coriacea, i piedi per terra e l’intima convinzione di essere il capo.
ehi tu, capace di attenzioni e tenerezze da bambino grande, tu che quando leggiamo un libro sotto le coperte ridi e non riesci a fermarti , con una felicità che comincia dai piedi, finisce nei capelli e da qualche parte bisogna farla uscire.
ehi tu che sei testardo e percorri la tua strada senza badare a nessuno, che sai cosa vuoi e come lo vuoi, che ogni tanto ci tocca contenerti, arginarti, insegnarti la raffinata e ignota arte della mediazione.
ehi tu, che sei un panzer che sorride svagato, che seduce e accoglie e mica ci si accorge subito di che pasta resistente sei fatto.
adesso sono grande?, mi hai chiesto ieri sera, dopo la torta con le candeline e il talco mentolato per far passare il prurito di tutte quelle bollicine che ti ricoprono, incuranti del tuo compleanno. sì, adesso sei abbastanza grande. ma anche un po’ piccolo? certo, anche un po’ piccolo. sei quello che vuoi essere, sei quello che vorrai diventare, sei il mio bambino, di quattro anni.
tanti auguri

la tua mamma

61 thoughts on “4

    1. Evvai che si inizia col tango dell’aggiornamento pagina.
      Ma davvero vi è così vitale che la testata del blog sia aggiornata in tempo reale?
      Meno male che gli altri due li compiono vicini.
      8)

  1. Evviva un Capricorno! Io ho nell’ordine: una madre, un marito e … me stessa! Auguri bambino fortunato ad avere una mamma così…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...