Nonsolomamma

notizie sparse qui e lì

a bari.
gli hobbit sono stati quattro giorni con super w e mister brown, i nonni baresi. il primo gennaio, mister incredible ed elastigirl, rispettivamente in partenza per philadelphia e per bergamo orio al serio (perché, a questo punto, viene da pensare a quella cosa dei giorni da pecora e del giorno da leoni? mah, l’inconscio…) hanno lasciato tre iene inquiete, litigiose e devianti. la leggenda tuttavia, tramandata, come si conviene, dai nonni, racconta che, non appena i genitori hanno varcato l’uscio di casa, gli hobbit hanno subito una metamorfosi. e da creature esagitate e moleste sono improvvisamente diventati individui sensibili, attenti, consapevoli, intellettuali avidi di letture, compiti e studio, ospiti amabili e grati. (“stanno benissimo, elasti, stai tranquilla: uno legge l’odissea, l’altro si dedica allo studio dell’uso della luce in caravaggio e l’ultimo conta in russo e scrive il suo nome” “in cirillico?”)

a milano.
elastigirl ha lavorato, ha dormito, ha preso parecchia acqua, ha comprato un cappotto arancione in saldo, ha visto un delizioso film francese che voleva vedere da due anni ma mister incredible si rifiuta di vedere film francesi tranne le rarissime eccezioni in cui si ammazzano,ha pranzato con un’amica a cui vorrebbe somigliare, è stata molto zitta, per fare la scorta di silenzio.

a philadelphia.
mister incredible ha partecipato a un convegno gigantesco di economisti di tutto il mondo. erano 8.000, confluiti lì. considerando che l’economia è chiamata la scienza triste, è difficile immaginarsi luogo più allegro di philadelphia in quei giorni.
nel frattempo il nordest degli stati uniti è stato investito da una morsa di gelo e coperto da una coltre di neve e lui, l’impavido marxista barese, era vestito come per una passeggiata sul lungomare di pane e pomodoro ad aprile.

a new york.
mister incredible ha aspettato il suo aereo di ritorno per londra cinque ore, fino alle due di notte locali, per poi essere informato che il volo era stato cancellato. “possiamo mettervi su un aereo giovedì sera”, hanno detto ai 200 passeggeri gli addetti della compagnia aerea. “e i nostri bagagli?” “a questo punto li troverete a londra” “e dove dormiremo?” “sono problemi vostri. e anche grossi, visto che, a causa delle cancellazioni di migliaia di voli, tutti gli hotel entro 40 miglia dall’aeroporto sono occupati”.

ieri mattina elastigirl è andata a bari in giornata per riprendere gli hobbit. prima di partire si è lavata i capelli, si è truccata e si è perfino depilata, fremente ed euforica come se dovesse incontrare un fidanzato. anzi tre.
la cosa meravigliosa di stare un po’ lontani dai figli è che, quando poi ci si ritrova, loro sembrano più belli, più eleganti, più simpatici e anche più nuovi.

42 thoughts on “notizie sparse qui e lì

  1. sei unica e grandiosa!!!!!!
    mi spiace per mister incredibile, lo immagino girovagante per l’aereoporto…almeno c’è il suo fidanzato giapponese con lui a fargli e farsi compagnia?

  2. Povero, mi sa che hai un po’ esagerato con gli anatemi Elasti…… 😉 😉 😉
    W i film francesi! Era “emotivi anonimi”??? 🙂

  3. Come è stato il grande incontro? Ieri Mamma-Pinkytos è stata fuori due ore. Al suo ritorno il Minty le ha detto: “Ciao mamma, siamo felici di vederti.” Inutile dire che la mammetta si è sciolta come neve al sole…

    lamammanondormemai.blogspot.it

  4. Purtroppo vi commento da Newark, dove tutti i voli sono stati allegramente cancellati -stesse modalità stessa leggerezza soave. abbiamo dormito in 70 sul pavimento dell’aeroporto su una moquette sudicia in trepida attesa degli addetti che, dopo aver giurato sulla testa di qualunque cosa, nani da giardino inclusi, che si sarebbero presentati alle 4, alle 6 erano ancora a casa loro in pigiami no. Io sono ancora qui e l’unica giustificazione è che io sia morta e che questo sia l’inferno. Mi sono così giocata l’unica possibilità di conoscere il CEO, oltre alla sanità mentale.

    1. Se fossi in un film per teen-ager, il CEO sarebbe dirottato anche lui a Newark e avresti un’ora e mezza di tempo per parlare da sola con lui. Ma ci saranno altre occasioni, coraggio ! :-]

  5. questo convegno doveva essere una cosa epica (e ci dovevano essere molti mariti in fuga e molti padri di prole multipla nonché malaticcia) per meritarsi tanto accanimento divino!

  6. [Mode bimbominkia on] Non c’entra niente, ma ‘sta cosa di Philadelphia e Bergamo Orio al Serio mi ricorda troppo lo slogan “Tutti a Pietra Ligure!!!” del Terzo Segreto di Satira. Oppure, ancora meglio, la Terra di Merdor “tipo Busto Arsizio!” del Prologo allo Svarione degli Anelli. [Mode bimbominkia off].
    Benritrovati tutti, cari.

    1. loro sono molto felici e sereni di stare con i nonni. li primo, quando era ancora unica, lo abbiamo lasciato dai nonni una settimana la prima volta quando aveva un anno e mezzo.
      non succede spesso anche perché sono tre e non sono proprio riposanti. ma direi che in territorio nonnesco, dove i nonni sono tranquilli e padroni, 4 giorni sono fattibilissimi, sempre che i nonni abbiano piacere, voglia e siano in gamba.

      1. Questa dei figli che si trasformano in angioletti senza i genitori è un classico…. come varco la soglia di casa dei nonni per riprenderle ricomincia la “stüpidela” e fino a un attimo prima erano bambine modello, volenterose, aiutanti, gentili beneducate….(chiaramente la cosa che mi da più fastidio è la classica battuta dei nonni ” con NOI sono bravissime… è solo quando ci sei TU che….”)

  7. Emotivi anonimi carino, hai visto Cena tra amici? L’ho visto l’altroieri per la quarta volta, mi fa sempre ridere… Carino anche Piccole bugie tra amici (traduzione senza senso di Les petit muchoirs)

      1. Concordo, cena tra amici è da vedere (come fu ai tempi per me La cena dei cretini).
        Comunque hai ragione Elasti: se i nonni si prestano e sono in gamba lasciare la prole urlante è una bella cosa. Io l’ho ripreso ieri e come dici tu “ci siamo sfiniti a vicenda”, bellissimo 🙂

  8. Tra i film francesi segnalo anche “quasi amici” visto con i miei figli di 8 e 11 anni che l’anno trovato molto bello e l’anno visto già 2 volte consigliandolo anche ai nonni…. E’ ora che anche la mamma lasci la sua impronta…. facendo guardare qualche film francese oltre ai colossal americani!!!!

      1. Povero Mister I!
        Noi qui in Wisconsin abbiamo il ghiaccio sul bordo (interno) della finestra esposta a nord. Niente neve, ma -42 di temperatura percepita…tipo che fa più caldo in Alaska (a detta dei meteorologi!

  9. il classico dei classici che i bambini con i nonni sono bravi mi sa tanto di bufala. magari all’inizio è vero, ma poi presa confidenza e quotidianità la iena che è in loro secondo me un po’ emerge. Motivo per cui i miei che tanto lodavano i miei figli, all’atto pratico di tenerli qualche giorno in vacanza hanno dato picche. comunque complimenti alla resistenza dei tuoi suoceri!

  10. sono una nonna di tre nipotini che vivono all’estero. Confermo che quando li ho io, i bambini sono bravi anche se, ovviamente, impegnativi. I nonni, pur cercando di seguire le regole impartite dai genitori, sono più accondiscendenti e pronti a coccolarli. I ruoli sono diversi e quindi ce li godiamo e loro si lasciano godere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...