Nonsolomamma

bastano due giorni

bastano due giorni. due giorni in cui hai un po’ di tosse, un po’ di mal di gola, un po’ di pms, un po’ di impegni lavorativi non abituali. di tutto un po’ ma non abbastanza da darti un vero alibi per dire “scusate, fate finta che io non ci sia. grazie”. bastano due giorni in cui annaspi, pur senza andare mai sott’acqua, in cui abbassi la guardia, in cui la notte fai fatica a dormire e vegli per ore pensando che sei una vera idiota a star lì con gli occhi sbarrati, quando dormire è una delle attività notturne migliori al mondo, e che vorresti sbattere fortissimo la testa contro il muro e tramortirti. bastano due giorni così, loffi ma non terribili, faticosi ma non massacranti, intensi ma non mortali per riaprire gli occhi e:

1. avere perso le tracce del proprio marito che probabilmente ti ha pure detto dove sarebbe andato ma tu chissà a cosapensavi quando parlava

2.  trovarsi la casella di posta elettronica intasata di così tanti messaggi che neppure la bacheca di facebook il giorno che è nato tuo figlio era in quello stato

3. scoprire che il tuo bambino, o anche due, hanno unghie dei piedi che l’orco di pollicino a confronto era un damerino impomatato

4. aprire il frigorifero e cogliere il significato profondo e tragico del sostantivo carestia

5. camminare su tappeti di puzzle della pimpa e dei barbapapà perché, mentre eri distratta, il tuo ultimogenito ha deciso che l’unica attività degna di esser praticata nella vita è la composizione di puzzle ma non – giammai – la loro successiva scomposizione con annesso riordino

6. guardare i fili delle tue cose, dei tuoi pensieri, dei tuoi programmi, fino a ieri tutti in ordine, orrendamente ingarbugliati, sparpagliati e pure un po’ sporchi.

41 thoughts on “bastano due giorni

  1. Elastiii… ci provo per la terza volta… nelle info qui a lato il piccolo ha ancora treee anni…. a meno che non sia una scelta lasciare così, nel qual caso mi scuso e mi rioccupo delle cose mie… 😉

    1. tu hai ragione, accidenti. ma per modificarlo ho bisogno di username e psw da webmaster e devo andarle a recuperare e poi, una volta dentro, devo ricordarmi dive si va per cambiare quel testo lì. e al momento mi sembra tutto difficilissimo. ma ci arrivo!

      1. Ah, immaginavo, che fosse complicato! Beh non è così importante. Take a rest. Have a nap. Insomma, hai capito.

      2. Ciao,
        credo che tu debba cercare la voce Aspetto del menù di sinistra (da backend, ossia da dentro il sito) e nel menù a comparsa scegliere widget.
        Cerca un widget di tipo Testo che abbia come titolo Chi Sono e lì dovresti riuscire a modificare il testo.
        Marta

    1. ahahahah!ci piace Fefo che ci fa vedere, finalmente, il lato maschile delle cose….scusami Fefo, ma in termini di fili imbrogliati le donne di solito hanno più resistenza 😉
      confermi?
      LaLu

      1. Sbrogliare i fili è un problema interessante, e io sono ingegnere, quindi i problemi mi stimolano… però poi a volte uno ci si trova dentro come un gatto che gioca con un gomitolo…

    1. esatto Elasti ma Eliza, non dico la spesa o lavare e stirare.ma almeno ordine dei giochi e messa a posto degli stessi deve essere un obbligo:)
      e comunque anche la spesa gliela potresti far fare….:)

  2. due giorni sono tanti…
    a me basta molto meno perchè tutto si riduca cosi!
    strabaci a te e agli hobbit!
    ma eliza??!! almeno per fare un po’ di spesa!!
    🙂

      1. Mi permetto di precisare … (per una volta che la so 😉 )
        Rossella O’Hara dice «After all, tomorrow is another day!».

        Una citazione famosa di Audrey Hepburn è “I believe that tomorrow is another day and I believe in miracles.”

  3. Rilassati mammina e fatti passare l’influenza. Eliza penserà alle provviste e alla cucina. Mangerai americano o vegano, ma tanto sei sempre a dieta. Comunque ci sono sempre gli amici se hai bisogno, basta una telefonata,anche arricchita. Per Elasti questo e altro.

  4. figurati un ascesso al dente che ti tortura per una settimana…a casa mia tutto uguale, unica differenza e’ che io aiuto il piccolo a fare i puzzle -e ne sono quindi compice!!- stamattina il pavimento in sala era ancora una savana coperta di animali di tutti i tipi!!

  5. Coraggio, con la tecnica del “hop hop” ti basterà un solo giorno per far tornare tutto a posto (ma a che pro?!).
    Non ho capito però perché si sono sporcati i pensieri, i programmi e le tue cose: forse sono caduti nel pozzo anche loro e si sono tinti di scuro.

  6. trovo un po’ preoccupante il punto 1…per il resto, confermo, basta molto meno!!! A volte bisogna chiudere 1 occhio..anche 1 e mezzo..guardare una cosa per volta e..usare i puzzle come “scendi-letto”!!

  7. Il mio bambino di 5 anni ieri mi ha detto “mamma mi tagli le unghie? altrimenti domani all’asilo mi metteranno lo smalto!”
    Baciotti
    Claudia

    1. 😀
      ehi: guardate che a casa mia, tutti adulti per ora, n’altro po’ e ce lo si scrive nel calendario, di tagliarsi le unghie! :O
      (c’e’ poco da dire: quando c’e’ troppo da fare e i pensieri ti rincorrono anche a letto, le priorita’ si scombinano!)

  8. Ma quella sono io!!! Marito (in ferie) compreso. Di tutto un po’, ma troppo di nulla. E la realtà si è ingarbugliata a dismisura…come si fa a ripartire senza perdere la testa???? Puzzle, calzini, relazioni di lavoro, appuntamenti medici…

  9. Ah ah, e io che oggi ho portato mio figlio a farsi la lastra al Bambin Gesù per ennesima distorsione alla caviglia e non sapete che unghie dei piedi ha tirato fuori da quel calzino. Ma come direbbe mia figlia di quasi 12 anni, Scialla!
    Ilaria

  10. Ciao Elasti, ti leggo sempre ma non commento mai. Ma adesso, febbricitante, mentre mi agguanto la testa ed ho paura ad andare in cucina e vedere com’è ridotta dopo 3 bimbi e un papà in fuga per la scuola… mi sento di dirti che non sei sola! ciao!

  11. bastano 2 giorni così per:
    1) scoprire che hai le occhiaie e dimostri 10 anni di più
    2) trovare in bagno 10 topolini da leggersi nel momento del bisogno
    3) camminare saltellando da un punto all’altro della camera dei tuoi figli perchè è cosparsa di lego
    4) realizzare che tua figlia minore è riuscita a utilizzare tutte le sedie della cucina come scaffali e tu non hai più un posto dove sederti
    5) diventare antipatica (pure a te stessa!!! ) alzare la voce e urlare per niente
    6) realizzare che non lavi e non stiri velocemente i tuoi figli non avranno più niente da mettersi…
    7) sentire che il mondo ti sta crollando addosso e sentirti la più sfigata delle sfigate
    Ah Elasti come ti capisco!!!!

    1. Non stirare. Non è mai tardi per capire che le loro magliette appariranno comunque non stirate dopo trenta secondi e le lenzuola fanno il loro lavoro anche arricciate

  12. Senti elasti che stira non c’è la vedo proprio e fa bene se può permetterselo!
    C’è chi in bagno trova i topolini….. Quelli che fanno squit squit
    La pms viene a tutte e merita rispetto così come i pensieri cupi che non si raccontano …..
    Ma vuoi mettere avere pMS e non dover stirare e condividere il bagno con i roditori……
    Non sembra, ma fuori c’è anche chi vive così.

  13. A me è bastata mezza mattinata di delirio (non solo mio, va detto)… I pensieri di conseguenza sono ancora tutti sporchi e mi sento una madre schifosa, assolutamente schifosa. Solidarietà, a tutte.

    Floralye

  14. A me succede di perdere pezzi di me e della famiglia quando mi colgono gli attacchi di emicrania, per cui mi chiudo in stanza, mi infilo sotto le coperte e taglio le comunicazioni con tutti. Se va malissimo, trascorro il tempo (anche fino a 2 giorni) abbracciata al water ad intervalli regolari… Di solito, qualcuno fa delle cose a mia insaputa, tipo tagliare la frangetta, stortissima, a mia figlia che, mentendo spudoratamente, dice che sono d’accordo, oppure lasciare i bambini ad alienarsi davanti alla tv per ore e ore o, ancora, portare la casa al massimo caos.
    Quel che è peggio, è constatare che stanno tutti benissimo senza il mio contributo e soprattutto che si dimenticano molto facilmente che sto mezza morta in un letto. Pertanto, ho deciso di vivere questi momenti piuttosto “fastidiosi” come una specie di vacanza reciproca e di lasciar correre… salvo poi fare un po’ di storie per l’abbandono prolungato 🙂

  15. Basta molto meno. Io il pavimento un sacco di volte manco riesco a vederlo. Per le unghie dei piedi ci sono i calzini. Non badiamo all’ aneddotica…

  16. Reduce da spm devastante con conseguente ciclo dopo 18 mesi (9 di gravidanza + 9 di 3G)… il marito mi voleva dare in adozione!!! Ma poi si riparte di slancio! Il mal comune ed un sorriso leggendoti aiutano sempre, grazie 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...