Nonsolomamma

(quasi) innocui portatori di felicità

se ne è resa conto questo pomeriggio, quando arrancava sotto la pioggia e pensava a mister incredible che starà via dieci giorni, al sole che sembra sparito dalla circolazione, allo hobbit piccolo che stamattina quasi si perdeva la gita perché nessuno si è ricordato, o forse ha mai saputo, che i gitanti sarebbero dovuti essere all’asilo un’ora prima e a come è complicato dare a tutti e a tutto l’attenzione che meritano.

insomma era lì, impantanata dentro pensieri autunnali, e, improvvisamente, si è infilata in un negozio e si è regalata un oggetto di dimensioni ridottissime, non particolarmente dispendioso, all’apparenza molto futile, ma appartenente a quell’insondabile e soggettivo insieme di cose, fatti, eventi, situazioni, spesso piccoli e insulsi, portatori inequivocabili di felicità.

eccone un elenco, a cui, chi lo vorrà, potrà aggiungere, qui sotto o nella sua testa, i suoi ingredienti per la ricetta.

1. un rossetto nuovo, preferibilmente di un colore ardito. non ha alcuna importanza il fatto che forse, domani, non si avrà il coraggio di metterlo. la scintilla di gioia sfrenata ed effimera che regala vale la spesa.

2. la depilazione, subito dopo averla fatta. conferisce quella sensazione di ordine, leggerezza e buona coscienza che nemmeno una dieta drenante e snellente porta con sé.

3. il cambio di stagione, anche lui ex post perché ex ante ispira istinti suicidi che non c’entrano con questa lista.

4. mettersi a letto, quando fuori piove, e gli altri si stanno bagnando.

5. un pelapatate affilato. lo so, è un perversione. ma non fa male a nessuno, se non forse alla patata.

6. il plaid, davanti a un film, sul divano.

7. lo yogurt bianco 0,1% con 375 grammi di cereali all’avena. e naturalmente i sensi ottusi e appagati immediatamente dopo l’assunzione.

8. tre episodi di fila della serie tv preferita, quando dovresti dormire/lavorare/fare il tuo dovere, qualunque esso sia.

9. un bambino che piange disperato in un passeggino in mezzo alla strada perché vuole giocare con il telefonino. e non sono tuoi, né il bambino né il telefonino.

10. una canzone trash, di cui ti sei innamorata, alla radio, quando meno te l’aspetti. e magari sei in macchina, bloccata nel traffico.

136 thoughts on “(quasi) innocui portatori di felicità

  1. Accompagnare il Cucciolo a scuola e parlare di tutto, tu e lui da soli.
    Un abbraccio senza motivo dei grandi. ..ormai grandi
    L’odore del caffè al mattino
    Un buon libro
    Il silenzio quando tutti dormono
    Un lavoro finito
    Un giorno rubato, tu e l’Amato Bene da soli

  2. -una mezza giornata inaspettatamente libera e fare un giro per negozi (da grandi) senza necessariamente fare acquisti compulsivi, ma solo per il gusto di gironzolare
    -mia figlia che dice “mamma sei bellissima” anche se lo specchio direbbe altre cose
    -il segreto di un’amica incinta
    – aver riordinato casa e armadi, ma solo dopo averlo fatto
    – un filo di sole inaspettato e il pomeriggio al parco che mi aspetta

    1. SOB che nostalgia…
      qua si mangia tutto con la buccia, patate e carote incluse…
      l’alternativa? perlarmele io prima di cucinarle… fossi matta!?!?! 😛

  3. W le liste e W le piccole-grandi cose che ci fanno star bene! I panini di Fatalaura mi ricordano i “panini imburrati di sopra e di sotto” che Collodi descrive nella merenda a casa della fata. Io condivido i punti 4,6,8 e 10 di Elasti e aggiungo i grattini sulla schiena …

    1. e grazie anche a te, Elisa: scoprire di non essere stata l’unica ad aver pensato subito ai panini della merenda dalla Fata Tuchina mi ha regalato un altro “portatore di (quasi) felicità”.

  4. dormire il sonno del giusto
    vedere il bello nel pelapatate
    concedersi delle fughe
    la complicità nello sguardo di lui
    essere affamati, nel senso di mangiare con gusto
    ridere forte
    non sentirsi soli
    comprarsi qualcosa fortemente desiderato
    vincere una paura

  5. Andare a correre da sola tutte le mattine, nel tuo piccolo paese che ricorda la campagna inglese, con la musica di Elisa nelle orecchie e il naso che respira gli odori della campagna, tornare a casa a cucinare una torta di zucca, cucire un astuccio per le matite colorate e scrivere un nuovo post, pensando che – se non dura in eterno – non è una tragedia aver perso il tuo superimpegnatissimo lavoro da manager del nulla

    1. cucire un astuccio per le matite colorate li vale tutti, i superimpegnatissimi lavori da manager! vuoi mettere il senso di liberta’ e dare priorita’ alle cose veramente importanti? (come qualcuno qui sopra, io sono feticista della cancelleria)
      in bocca al lupo, Morena: metti a fuoco il lavoro che vuoi, con il giusto equilibrio vita/lavoro, e vedrai che l’Universo te lo fara’ trovare
      Claire

  6. Ecco i miei, di getto:

    1. Ciabatte/calzerotti di spugna/tuta felpata dopo 11 ore di tacco/collant/tailleur
    2. Tenere testa alle 20-30enni alla lezione di step coreografico
    3. Le risate dei bambini … tutti, non solo i miei
    4. Un parcheggio apparentemente impossibile, ma riuscito alla prima manovra (ancora più goduria se con la station wagon)
    5. Affrontare il mondo coi capelli lisci, dopo la piega del parrucchiere, anche se so che durerà meno di un giorno
    6. Ritrovare quella T-shirt che credevo di aver perso/dimenticato da qualche parte/messo chissà dove
    7. Essere l’unica che alla cena del liceo si è ricordata il nome del goffo supplente di latino di seconda
    8. Mio figlio grande che canticchia “Aggiungi un posto a tavola” e ride a “Frankestein Jr.”

  7. Aggiungo: la piazza della mia città’ alle sei di mattina, tornare a casa la sera con la sensazione di aver parlato con mille persone e di averne aiutato qualcuna,

  8. Dal mio piccolo: domani è’ l’ultima chemioterapia di 15. E sentirsi finalmente libera come l’aria. E festeggiare con le mie bambine domani sera un avvenimento degno di questo nome. Nonostante la stanchezza. E sapere che elasti domani avrà un nuovo post di cui ridere.

    1. Evviva, Giovanna! Questo sì che è un ottimo motivo per essere felici, e noi lo siamo con te.
      Un abbraccio mega e buon festeggiamento, stesera.

    2. Ale’, Giovanna: sei una grande!
      E la tua storia mi da’ un calcio nel posteriore quando mi fermo a lamentarmi e a cazzeggiare
      Pero’ non vale: era un elenco di cose FUTILI, non IMPORTANTI e STRATOSFERICHE.. 😀
      Claire

  9. Molto calorico: mangiarmi un dolcetto la sera, dopo che i bambini sono andati a letto;

    Molto meno calorico: nuotare, il che vuol dire migliorarsi sempre un po’ nello stile libero, stare immersa nell’acqua e pensare ai casi miei, senza nessuno che mi chiama, mi interrompe, mi stressa… e in più sto facendo qualcosa per contrastare la cellulite e tonificare i glutei.

    Molto futile: comprarmi uno charm pandora;

    Molto meno futile: vedere i miei bambini che ridono insieme, il piccolo ha 9 mesi e… I think this is the beginning of a beautiful friendship.

    1. come sono messa? ho dovuto googlarmi lo charm pandora! 😀
      i figli che ridono insieme, preludio di un buon rapporto, e’ IMPAGABILE! :O
      Claire

  10. Grazie mille Elasti per questo post!!

    Ecco la mia lista:

    Un divano, un libro e dieci minuti per me.
    Una doccia di un quarto d’ora, fatta senza il pensiero che poi devi fare qualcosa.
    Una visita in un museo, sola, in silenzio e in santa pace.
    Un affogato al cioccolato preparato dal marito, da mangiare seduti sul divano.
    Accetto il rossetto e rilancio con l’ombretto, magari abbinato allo smalto.
    Le chiacchiere leggere e sconclusionate della mia bimba. Il suo sorriso e gli abbracci da koala.
    Una passeggiata con mio marito mano nella mano. Io e lui soli.
    Ali, quando si addormenta mentre l’allatto.
    Un abbraccio di mia sorella, il mio “cervello in fuga” preferito.

  11. Vado completamente o.t. per ricordare a tutti che oggi in tutto il mondo si celebra il Babyloss Awareness Day a ricordo di tutti i cuccioli che si sono affacciati nelle nostre vite andandosene troppo presto.
    una mamma tra cielo e terra

    1. scoprire il vero hamburger dopo anni di mcdonald e’ stata una rivelazione!
      quasi come scoprire che l’odore di chi ami e’ sempre piacevole!
      bravissima, Lucia!
      Claire

  12. Sentire la bimba di 5 mesi della mia vicina che alle 4 del mattino (anche anche alle 23…all’1…alle 3 alle 6…alle 17…alle 19.. :-D) urla a squarciagola di quel pianto acuto e ininterrotto dei lattanti e rannicchiarsi sotto le coperte finalmente felice di non dovermi più alzare… i miei piccoli ora hanno 7 e 4 anni…e a parte casi sporadici con la piccola sono finalmente fuori dai sonni interrotti!

    1. Alice mi hai ricordato un episodio dolce e strano dell’universita’…
      io sono impaziente e incazzosa soprattutto quando i coinquilini non rispettano le regole del buon vicinato, e perdipiu’ i bambini non mi sono mai piaciuti.
      ad un certo punto la vicina ha partorito, ed il bimbo piangeva spesso, proprio nella camera affianco alla mia.
      dopo qlc tempo e’ venuta a scusarsi, osservando che si sentiva in colpa perche’ era periodo di esami e noi eravamo 3 studentesse…
      ed io mi sono sorpresa a non averlo neanche notato, a non aver pensato neanche un secondo ‘ora vado di la’ e l’ammazzo’ o ‘ma che mamma incapace: perce’ non sa farlo smettere?’ :O
      le ho risposto ‘ma figurati: e’ appena nato, puo’ capitare che pianga!’ ma dentro di me ho gridato al miracolo!

  13. Bellissimo post! Domani mi leggerò tutti i commenti su uno schermo vero 🙂
    piccolo contributo: un duenne che si addormenta accarezzandoti il braccio quando sei ancora abbastanza sveglia per goderti divano, Tv e the caldo. Buonanotte

  14. post & commenti meravigliosi!
    Aggiungo, per quanto mi riguarda, fare la colazione in riva al mare (che per me che abito a Milano è un super godimento quando succede e un super ricordo da conservare tutto l’anno e rispolverare nelle giornate grigie/fredde/nebbiose/piovose/nevose/tristi).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...