Nonsolomamma

roma

elastigirl sabato mattina ha preso un aereo per roma alle nove. aveva messo la sveglia alle 630 ma alle cinque era vispa come un grillo isterico. in aeroporto ha rischiato di cadere in un raptus di shopping compulsivo consolatorio ma ha deciso che non aveva diritto di consolarsi di alcunché e si è concessa solo un caffè macchiato. roma era grigia e fredda e il taxista le ha chiesto che strada volesse fare per raggiungere la sua meta. “famo er raccordo?” “ehm, be’, faccia lei… la strada più breve…” “eh! facile dirlo! stiamo a roma! raccordo e nomentana? raccordo e bufalotta?” “bufalotta è un nome bellissimo” “famo la bufalotta allora”.

dopo un tempo infinito, nonostante la bufalotta, è arrivata a destinazione. c’era già stata in quel posto. e le altre volte aveva notato l’altezza smisurata dei soffitti e la quantità di gente in movimento vorticoso. anche sabato i soffitti erano troppo alti per lei e le persone troppe, ma stranamente e inspiegabilmente più vicine e familiari. poi una rossella l’ha truccata e le ha detto che aveva un figlio di dodici anni e, entrambe, sono giunte alla conclusione che 12 anni è un’età bislacca, che il sabato mattina bisognerebbe poter dormire nella vita e che il trucco non doveva essere troppo forte ché già così elastigirl si sentiva una ballerina delle folies bergère. quello che chiamano parrucco è stato invece silenzioso come una seduta di meditazione ma con un buon profumo di spray per capelli.

di ciò che è successo dopo elastigirl ha memorie confuse. ha assistito, le pare di ricordare, all’incarnazione di creature che pensava vivessero solo nell’immaginario collettivo. si è incuneata in vite altrui. si è presentata cento volte. ha riso parecchio. ha ammirato uno smalto arancione in pendant con il suo maglioncino. si è chiesta che ci facesse lì. ha abitato un mondo finto e vivido e ipnotico allo stesso tempo. ha mangiato un petto di pollo buono in una mensa. ha pensato che tutto questo, potrebbe essere anche molto divertente e che vale la pena provarci.

poi è tornata in aeroporto, ha preso un volo per ritornare a casa e, arrivata a linate, ha ringraziato l’inventore del car sharing che le ha permesso di precipitarsi a teatro dove lo hobbit grande si esibiva, insieme a una dozzina di preadolescenti ispidi e goffi come lui, nell’imperdibile spettacolo di fine anno. “madre, ti è piaciuto?” “mamma, mi scappa la cacca” “mamma, il papà è proprio drogato di clash of clans. dobbiamo fare qualcosa come famiglia…”. e ha pensato che si sopravvive ai soffitti alti e alla follia della tivvù solo grazie alla cacca dei figli e a tutto quello che le germoglia rigoglioso intorno.

18 thoughts on “roma

  1. Io che in quel mondo dai soffitti altissimi e dalla follia contagiosa ci lavoro ti dico che è vero, solo la cacca dei nostri figli ci può salvare. Pensaci, prima di ogni qualsivoglia scelta. Un abbracciotto

  2. l’avventura e pure la recita! bravissima!… per la cacca,io dovrei trovare qualcosa che faccia da ‘contraltare’, per ora mi becco solo quella…

  3. Eheheh potresti passare del tempo a Roma, spaesata, sola e sballottolata da tassisti che “famo il raccordo”? Non mi sfuggirai! Dovrai guardarti anche sai fan stalker. Pensaci.

  4. Quando vi riunite in famiglia per deliberare quale soluzione adottare per arginare il problema “clash of clans” fammi un fischio!
    Io marito e figlio nella stessa situazione…il figlio lo controllo, il marito no!
    Tu, sempre più E-l-a-s-t-i-g-i-r-l…!!!
    TOP!

  5. e quindi avevamo indovinato … il lavoro del forse sì o forse no è un lavoro in TV e a quanto pare non è più un forse, ma solo un sì …

  6. Elasti leggo ora in mensa quslche post che mi ero persa..ma sei venuta alla Dear??? Ho notato di recente capannelli di ragazzine come ai tempi di Ambra,c’è qualche selezione?per te??? Fammi sapere io abito a due passi!!! Mi farebbe piacere conoscerti! E se ti dovesse servire qlc dillo pure tranquillamente. Kiss

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...