Nonsolomamma

10 pensieri positivi mentre piove

– piove.
– e domani?
– anche.
– e dopodomani?
– pure.
– ah. bene.
– cosa pretendi? siamo a metà ottobre. è normale che piova
– e che fuori ci sia una luce spettrale
– già. del resto, domenica non hai interrogato lo hobbit di mezzo sulle fasce climatiche?
– sì
– e noi viviamo…
– nella zona temperata
– caratterizzata da…
– quattro stagioni
– ecco, appunto. siamo in autunno. e l’autunno, per definizione, è una stagione di…
– suicidi
– no!
– di cacca
– no!
– di tempo orrendo
– brava. vedo che hai studiato bene.

il training autogeno, l’autoipnosi, dosi massicce di cioccolato o di altre sostanze psicotrope, il letargo sono solo alcune delle soluzioni (non numerosissime, peraltro), per tentare di evitare che il grigiume fuori si insinui all’interno e dilaghi, trasformandoci in pozzanghere.
tuttavia, per chi fosse refrattario alle tecniche di meditazione, avesse qualche remora morale o salutista all’abuso di droghe naturali o sintetiche, o fosse, suo malgrado, impossibilitato a concedersi dai tre ai sei mesi di letargo, un’alternativa talvolta efficace potrebbe essere un elenco di pensieri positivi che, come un ombrello, siano in grado di riparare mente, corpo e spirito dal catrame dell’autunno.

pensieri consolatori ‘back to basics’, altrimenti detti ‘alla pollyanna’ (che, ricordiamolo, era una tizia dalla sfortuna colossale, dentro un romanzo lacrimoso per fanciulle, fanatica della filosofia del ‘potrebbe sempre andare peggio’):
– abbiamo un tetto sopra le nostre teste.
– viviamo in case dotate di acqua corrente, persino calda alla bisogna, e di servizi igienici per lo più funzionanti.
– non abbiamo l’asciugatrice che con questo umido farebbe molto comodo, ma abbiamo il phon per i capelli. e la testa umida è una piaga funesta tanto quanto la biancheria bagnata.
– se abitassimo nella pianura del gange, adesso avremmo le piogge monsoniche e penseremmo con tenerezza alle sciocche perturbazioni della pianura padana.
– il virus dell’influenza non ha ancora spiegato la sua forza devastatrice. e nemmeno i pidocchi sono entrati in azione.

pensieri consolatori minimalisti, prosaici e futili:
– si può sempre ricorrere allo shopping online.
– qualcuno dice che in autunno i peli superflui crescono di meno.
– mancano solo due mesi e dieci giorni alle vacanze di natale.
– nel frigorifero c’è una scorta di yogurt e nella dispensa ci sono sei scatole di cereali all’avena. si potrà intiepidire lo yogurt? e i cereali?
– gli ultimi tre episodi della quinta stagione di game of thrones sono lì che aspettano.

62 thoughts on “10 pensieri positivi mentre piove

  1. Ahahahahah come ti capisco! Anche per me questa giornata è proprio da letargo.
    In compenso aggiungo questi pensieri:
    – Il virus dell’influenza ha GIA’ colpito.
    – Si gela. Potrebbe andare molto peggio se non avessi una stufetta elettrica.
    – Stamattina ho mangiato yogurt (freddo) e un’abbondante dose di pane burro e pasta d’acciughe, io non mangio quasi mai pane (non mi fa benissimo) ma è servito… e non ho fame… quindi niente cibo consolatorio per ora ma lo stomaco è contento.
    – Lavoro da casa… e ho prodotto… ma la tentazione di tornare sotto le coperte per il resto del pomeriggio è forte. Non cederò.

    1. HO PRODOTTO e’ la cosa piu’ bella del mondo
      brava!
      claire
      (improduttiva o non sufficientemente produttiva anche se vive in inghilterra e qui c’e’ il sole e 15 gradi)

  2. Io sto rileggendo con occhi annebbiati la frase “L’inno cletico-narrativo in esametri è il vero incunabolo dell’eziologia poetica”.
    Da cinque minuti buoni. E mi faccio domande sulle mie scelte di vita :-/
    Lungo, lunghissimo autunno……

      1. Nel manuale di letteratura greca delle superiori, capitolo su Callimaco e la poesia alessandrina (stavo preparando la lezione per la mia allieva Cepu) 🙂
        Sono contenta di averti strappato un sorriso! E ora vado a predicare inni cletici ed eziologia a quella poveretta…

  3. E io sto scrivendo disperatamente la tesi di laurea che devo consegnare lunedì…buona fortuna a tutti e grazie per i pensieri positivi:)

  4. Non potendomi buttare sulla cioccolata penso che:
    -la sesta malattia ha GIA’ colpito, anche se in sequenza.
    -Il Natale è vicino e quest’anno posso tornare al mio delirio preparatorio della gioiosa festa
    -Pargolanza riammessa al nido, mezza santa giornata da dedicare allo sferruzzo, per non buttarmi a pesce sulla cioccolata. Il cappellino volpe è già pronto, quello da lupetto in divenire.
    -Venerdì sarà passato un anno da quando l’ostetrica, che doveva darmi solo il risultato del tracciato, mi disse: “dai andiamo!” e io “andiamo dove??” e lei: “a farli nascere!”

  5. È in questo periodo dell’anno che sono felice del meteo anglosassone, senz’altro variabile ma decisamente meno piovoso di quello milanese. Qui le settimane intere di pioggia ininterrotta non ci sono. E neanche il Seveso che esonda un giorno sì e l’altro pure…

    Cmq, quando piove e fa freddo nessuno ti giudica se ti strafoghi di cioccolata calda con panna 🙂

    1. veramente in oxfordshire ci sono pozzanghere cosi’ grandi e persistenti che le dovrebbero mettere nelle carte geografiche
      per non parlare del Tamigi che esce ogni autunno
      inoltre piove cosi’ spesso – anche se, e’ vero, mai a lungo – che gli inglesi manco si riparano piu’
      PERO’ in questo beriodo fa bel tempo e tiepido: spero che regga fino a sabato 17, dopodiche’, come si suol dire: apres moi, le deluge 😀
      Claire

    1. anche io!
      quando sono andata a comprarla non sapevo da che parte cominciare per sceglierla
      ed il commesso stupito: ma come, mai vista una asciugatrice! e per i panni come fa?
      ed io soave, perfida ed orgogliosa:
      sa, noi in Italia abbiamo IL SOLE!
      Claire

    1. le sopracciglia!!
      evitano che il sudore entri negil occhi
      io le considero indispensabili altro che superflue!

      per il resto sono d’accordo sia con silvia sia con laura

      claire

  6. Ma possiamo mettere tra i pensieri positivi anche il fatto che tra poco vieni a palermo dove tira scirocco, puoi fare un bagno di fine estate e strafogarti di brioche con gelato? 😉

  7. Elasti
    Attenta e sensibile , ma costringi a osservare una grave dimenticanza (che costringe chi scrive a una enorme banalita, ma sacrosanta:
    La SALUTE
    La salute:
    Pensiero positivo consolatorio di questo autunno e di qsiasi altro autonno dentro o fuori
    E la salute , gesto di vicinanza, affetto e spalti artiere
    per che c’è l ha
    Per chi ce l’ha
    E un pensiero positivo

  8. Elasti
    Attenta e sensibile , ma costringi a osservare una grave dimenticanza (che costringe chi scrive a una enorme banalita, ma sacrosanta:
    La SALUTE
    La salute:
    Per chi ce l’ha: Pensiero positivo , base di ogni spunto consolatorio in questo autunno e in qualsiasi altro autunno, dentro o fuori, che ogni tanto arriva per ognuno di noi.
    E la salute per chi Non Ce l’Ha: pensiero
    Positivo come gesto di vicinanza, affetto e solidarietà. Scusate refusi del commento presente !

  9. Mia madre commentava serafica: “Le campagne hanno bisogno di acqua” sia in occasione delle piogge autunnali che di quelle estive. Non che fossimo latifondisti, ma sapere che serve a qualcuno aiuta.

  10. qui in svizzera piove (misto a neve)
    e le temperature non vanno sopra I -1° / – 2°
    pero’ ho l’asciugatrice in casa….
    cosa volere di piu’?
    bacioni a te e agli hobbit

  11. Io a babbo natale quest’anno chiedo una asciugatrice. La mia amica, ecologista, vegana biologica ce l’è comprata e si domanda ancora come ha fatto a vivere senza fino a d’ora..

    1. Vero…..comprata due anni fa e ancora mi chiedo come facevo prima! In realtà me lo ricordo benissimo: stendini per tutta la casa 😦

    2. mai piu’ senza!
      utilissima anche per le distratte sempre in viaggio come me
      sapessi le volte che ho fatto il programma veloce della lavatrice, un giro in asciugatrice e via in valigia il giorno stesso della partenza..
      Claire

  12. Guardavo le foglie gialle sul viale che percorrevo l’altro giorno andando a prendere il mio bimbo grande a scuola, spingendo il passeggino col piccolo…nell’aria un odore acre, qualcuno aveva bruciato le foglie raccolte. Mi si sono aperti una serie di ricordi della mia infanzia, quando mio padre ci obbligava ad aiutarlo in giardino a raccogliere le foglie e noi poi ci buttavamo sui mucchi, prima che lui li bruciasse in falò.
    E le giornate si accorciano, proprio come quando, 10 anni fa, andavo a pulire la casa presa in affitto dove io e il mio futuro marito stavamo per andare a vivere insieme.
    E il tepore dello stare abbracciati a letto (io e figli o io e marito) quando quest’estate era impossibile farlo, per il calore disumano emanato dai maschi di casa mia (che diviene invece dote apprezzatissima nelle stagioni fredde).
    E poi le castagne e le prime cioccolate calde….mmmmm.

    Sarò una matta ma a me l’autunno piace.

      1. anche a me l’autunno piace, l’ho scoperto quest’anno dopo aver realizzato che l’estate, per anni consacrata come la bella stagione, a me crea una serie di disagi fisiologici (gonfiori, infiammazioni, intolleranze) che scompaiono magicamente con l’arrivo di settembre.

  13. Per me questo è l’autunno più grigio. Ho trovato il mio primo lavoro, è a progetto quindi solo per qualche mese ma mi piace tanto. Purtroppo non riesco a essere felice perché il mio ragazzo inizierà a lavorare in una città a 250 km di distanza e col lavoro che fa ci potremo vedere soltanto il weekend (nemmeno tutti), durante le feste lavorerà quasi sempre. Probabilmente non è una tragedia, ma dopo 5 anni passati nella stessa città condividendo tanti interessi e serate relax insieme questo vuoto mi fa paura.

    1. Alla faccia della parità dei sessi e dell’emancipazione. Quel vuoto si riempie con amici e amiche, libri, interessi propri, coltivare se stessi. Donna, siamo nel 2015!! Come si fa a riporre la propria felicità nelle mani del fidanzato? Elasti ti sembra aver paura delle assenze di Mr.I.? Ti sembra che non si crei propri spazi, anche lontani dalla famiglia(AMREF,…)?
      E queste sarebbero le nuove generazioni?

      1. Scusami ma che cosa c’entra la parità dei sessi? Sentire la mancanza del tuo compagno/a significa non essere emancipati?

      2. Oddio che acidità. Ho scritto qui apposta perché so che molte vivono storie a distanza o matrimoni a distanza. Ho i miei interessi, sono fortunata e ho trovato un compagno che ne condivide la maggior parte, quindi era ancora più bello coltivarli insieme. Non ho detto che la mia felicità è nelle sue mani, ma sicuramente sarà un bello scossone, un bel rischio. Questo mi fa paura.

    2. Monica, ce la puoi fare!
      Lo so, e’ dura: nel mio ambiente (ricerca) e’ pieno di coppie cosi’ e io stessa lo sono stata tante volte e a lungo.
      E fra un anno lo ridivento (io torno a Milano e lui resta a Oxford o va’ sul mar Baltico)
      Una soluzione si trova!
      Forse aiuta se pensi che avete entrambi un lavoro e se prendi i consigli di Sara alla lettera: riempiti la vita ancora di piu’ per non pensare.
      Oggi ci sono le tecnologie e con whatsapp, messagginio, email, telefono, cellulare, skype, facebook riuscirete a restare in contatto pressoche’ continuo.
      Tanti auguri ed in bocca al lupo
      Claire

      1. Grazie Claire 🙂 leggo sempre volentieri i tuoi commenti, non solo perché sei fisica (io matematica!). Alla fine una soluzione si trova è vero, ma per come la vedo io ora sarà logorante, la lontananza spesso ingigantisce i problemi e le crisi…e allontana tutti gli eventuali progetti…
        Ma…torni a Milano sponda Poli? 😀

      2. torno milano bicocca: io lavoro per il CNR ed il mio istituto e’ di fronte alla stazioncina di greco pirelli
        guarda che la lontananza POTREBBE ingigantire i problemi ma non e’ condizione ne’ necessaria ne’ sufficiente 😉
        i progetti …uhm… per esperienza personale quando e’ il loro tempo si ‘fanno’ da soli
        io fossi in te mi fiderei di piu’ di voi due e della vita
        siete gia’ (a quanto pare) molto attenti e consapevoli quindi ogni (eventuale) deriva verra’ reperita in tempo: lasciatevi andare! la vita non riserva solo cose brutte!
        claire

  14. Adesso devi spiegarci come fate senza phon per i capelli.. ma non si ammala nessuno? Visto che manca poco a natale, ti consiglio di farti regalare l’asciugatrice: mai più senza! una pacchia, niente più calze da stendere ad asciugare (ho già detto tutto).

  15. Salento: vento di scirocco e conseguente temperatura quasi estiva…forse domenica facciamo il bagno…ma i dieci pensieri positivi sono già nella testa in attesa del freddo

  16. A compensazione dell’ umido ho intrapreso la riduzione industriale di marmellate di mele in tutte le varianti e aromi, preparazione di muffin di vario gusto e acquisto complusivo di lana ed uncinetti … Questo autunno dovrà pur finire ….

  17. potrebbe andare peggio. potrebbe piovere (Frankenstein junior)
    il mio pensiero positivo è la ripresa di walking dead (sono messa male?)

  18. Mia madre sostiene di essere ringiovanita dopo l acquisto dell’ asciugatrice. Ora, non ho mai voluto approfondire la questione, ma se fossi in te un pensiero ce lo farei! 😉

  19. Davvero non mi si fila .. Concordo qsto sia Soazio di ironia e ironia significa intelligenza e sollevarci x qche minuto insieme dalle altern vicende della vita
    Ma trovo grave che Ehi come altrove, si scriva SEMLRE e solo se nezA un pensiero alla malattia , che non è un tabù e nel post sei ke siero positici di un blog pubblico – e che pubblico – e una gravissima mancanza ! Ma mezza parola la vogliamo dire? Che piova faccia freddo etx etc, se c è una soglia di dolore. Sofferenza umana profonda viscerale . Lo note di una canzone io penso position devono suonare almeno una volta per tutte queste persone . Elasti, abbiamo condivid il tuo lutto e i tuoi raffreddori . Vuoi dir e due parole e aggiungere un 11 punto di papà itici, senza il quale tutto il resto non ristette nemmeno: hai un corpo sano , figli sano, marito sano e nonni viventi più o meno attico sano e in grado godersi vita propria e nipoti . Diamo un gesto di soldati età a chi tutto questo non c’è l ha!? Non è pietismo, non è buonissimo e non è proprio x niente fuori luogo : è pensate Positivo! Ti leggono in tanti e non va bene amo avviso scriverci post tra di noi solito noti.. Apri occhi e orecchie ad altro mondi… Notte e grazie x l’attenzione ! Io penso positivo perché sono vivo e finche son vivo (cit., anche qste banale , ma vera , e nn si deve sempre essere originale i a scapito della verità !!!

  20. si! evviva!!
    comunque ieri ho scritto :
    qui in Svizzera la situazione è ancora piu’ “da depressione”
    abbiamo già la neve. in compenso non manca l’asciugatrice in casa!
    non potrei mai vivere senza!
    un abbraccio a te e agli hobbit

  21. Mah, in realtà Elasti ha già affrontato il tema della malattia e della morte quando ci ha parlato del padre…probabilmente non e’ un tema che affronta volentieri. Comunque ti capisco, la salute e’ FONDAMENTALE e non e’ un luogo comune dire ” purché ci sia la salute…”! In questi mesi in cui anch’io ho visto e provato cose che no, non avrei davvero immaginato, anche se non colpivano direttamente la MIA salute, ho fatto tesoro del pensiero espresso da una mia collega che riferendosi al padre ricoverato in una struttura per malati psichici ha detto ” se dovessi andare tutti i giorni in un reparto pediatrico dell’ospedale starei molto, molto peggio”. Naturalmente ha ragione.

  22. L’autunno è la stagione in cui sto meglio: finita la frenesia dell’estate è bello ridurre le attività, ritrovare una routine che non è mai la stessa, sentirsi al riparo nella tranquillità di casa. “Te sta dentro che qua fuori è un brutto mondo” (RadioFreccia)

  23. GOT merita? mi hai introdotta a Orange is the new black ed è stato un’amore totalizzante. Ora soffro (e si.. ti ritengo responsabile) e ho bisogno di una serie che mi faccia superare l’astinenza fino alla prossima stagione e ti ho eletta a mega-consigliera-di-serie-da-guardarsi-di-notte-mentre tutti-dormono. Consigli? 🙂

      1. come sempre..quando si inizia una serie si abbandona la famiglia, l’igiene e se ce la faccio anche il lavoro 😉 e siccome tutto questo non sarà possibile io abbandono soprattutto le ore di sonno.
        Ci provo e ti dico.
        Ma qualche spunto più leggero?

  24. certo che da noi questo autunno:
    – pidocchi gia’ fatti
    – influenza e tosse canina 3 volte x 3 membri della famiglia
    – non essere ancora riuscita a prendere il giro di orari casa/lavoro/extra
    ma in autunno:
    + ti regalano castagne!
    + ci sono uccelli di passo sulle gru che fanno confusione
    + quando esce il sole fa ancora caldo!!
    + la mia bimba comincia a scrivere lettere a babbo natale (in cui nemmeno crede!!)
    🙂
    ps: io macchina per il pane non asciugatrice a natale!

  25. Noi viviamo in Svizzera purtroppo è cominciata la fase grigia, l’azzurro del cielo torneremo a vederlo a Marzo…
    D’estate sfoggio il mio colorito vittoriano, sarebbe il tempo perfetto per leggere fino allo sfinimento, purtroppo mia figlia ha cominciato a gattonare da poco quindi i miei libri si impolverano mentre io le evito di distruggere la casa. Sarà un autunno/inverno molto luuuungo.
    Complimenti per il blog è geniale!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...