Nonsolomamma

luci

nell’ultimo periodo, per motivi vari, lavorativi e familiari, l’elasti-vita ha accelerato il suo ritmo ed elastigirl, più che mai, ha l’impressione di perdersi per strada pezzi fondamentali.
tuttavia, nel caos di otiti, bronchiti, antibiotici, ospedali, viaggi torinesi e fiorentini, riunioni, progetti ed esperimenti, lo sguardo non ha mai perso di vista un obiettivo: la ricerca di un giovane, maschio, anglofono e alla pari per l’autunno prossimo venturo.
elastigirl ha frequentato assiduamente il sito di incontri tra candidati e famiglie, ha intrecciato improbabili corrispondenze con ventenni oltreoceano e oltremanica, ha intrattenuto surreali conversazioni via skype con esperti di pesca dell’alabama, con sedicenti poliglotti del kentucky, con aspiranti film maker australiani e con confusi disoccupati texani alla ricerca di calore familiare e di uno scopo della vita. è stato interessante, talvolta estenuante, spesso deprimente.
fino a quando è comparso lui, il canadese, la luce nelle tenebre della gioventù alla pari.
il canadese sembra normale. è laureato in inglese. forse da grande vuole fare il militare, come il suo papà. o forse insegnare. ancora non ha deciso. ride quando deve ridere, risponde quando deve rispondere, domanda quando deve domandare e, alla fine di una piacevole chiacchierata, ha dichiarato: “sarei tentato di dire che sì, vorrei venire a casa vostra”. “ma?”, gli ha chiesto elastigirl, trepidante e, per la prima volta, entusiasta da un’interazione fluida e facile. “ma devo prima parlarne con i miei genitori”.
e a lei è sembrato bellissimo che questo canadese grande, grosso e gioviale volesse domandare il parere del suo papà e della sua mamma.
“ma certo! ti aspetto”, ha risposto lei.
e adesso è qui che aspetta.

32 thoughts on “luci

  1. Oh Canada! 🙂
    Forse perché ho abitato due anni a Montreal, nella provincia del Quebec. Forse perché ho fatto due coast-to-coast da Tadoussac a Vancouver, ma il ragazzo mi piace!

    1. Wow Tadussac, il regno oltre oceano di Angelica e Joffrey de Peirac! Pensavo fosse un luogo inventato (non ho mai pensato di controllare)

      1. È un po’ come il kamchatka a risiko. Sono luoghi mitologici, che esistono davvero, ma che nella nostra testa rimangono comunque mitologici 😀 😀

  2. W il canadese normale! Tra l’altro i canadesi hanno anche una bellissima pronuncia. Facciamo il tifo x te! Comunque condivido che sia una cosa bellissima che ne voglia parlare coi suoi.

  3. forse vuole fare il militare, come il padre? io non ci penserei nemmeno per un attimo, non lo vorrei mai in casa, coi bambini! arghhhh

  4. Mah…….. non vorrei fare la voce fuori dal coro, ma sono l’unica che lo trova noiosetto?!? Secondo me, il tuo, è l’entusiasmo post scoraggiamento iniziale…….. !

  5. Ma Mr. Incredible lo sa che ti vuoi mettere un aitante canadese in casa? Aveva dubbi sulla ragazza alla pari e sul maschio no?
    Fatalaura

  6. Quando ho letto “canadese” mi si è aperto il cuore e non so dirti il perché, visto che non conosco nessun canadese e non ho avuto la fortuna di volare in Canada. Però ha quel non so che di esotico che attira…

  7. Ci sono stata nel lontano 1976 a Montreal..era settembre passate da poco le olimpiadi e mi è sembrato di essere in un altro mondo,spazi enormi ,parchi verdissimi e animatissimi e che vogliamo dire delle strutture sportive appena utilizzate e già date ai cittadini,là metro,le cascate….bellissimo ricordo! Ho parenti che mi invitano ci devo tornare prima o poi! Maryland

  8. Elasti: vedrai che viene da voi e gli passa la voglia di fare il militare!
    Io sono innamorata della mia collega canadese e quando mi chiede di lavorare per lei non riesco a dirle di no, quando l’incontro in corridoio mi sciolgo…
    Sara’ la sua pronuncia con accento francese o ilsuo modo dolce, femminile e francese di parlare di fisica… (si e’ canadese francofona)
    Oppure sara’ che e’ gnocca! 😉
    Noiosetto il canadese????
    Prima di tutto un ragazzo alla pari e straniero per i ragazzi non sara’ mai noioso per definizione perche’ e’ qlc di completamente diverso da tutto quello che hanno avuto finora.
    Eppoi per essere piacevoli e utili non serve mica essere sempre e solo fantasupermega! Non mi pare che ci si annoi in casa di Elasti: anche se questo non la devasta come un tornado, va’ bene lo stesso.

  9. Parlarne con i miei genitori non equivale a chiedere il permesso ai genitori, mi sembra un modo adeguato di intraprendere una nuova esperienza. La famiglia non è un nucleo ingombrante arrivati alla maggiore età, bensì persone che vogliono aiutare i figli a trovare la loro strada nel rispetto delle loro aspirazioni, parlarne insieme per me è indice di grande maturità.
    Io sarei alquanto contraria che i miei figli facessero questo tipo di esperienza, darei la mia approvazione solo se non avessimo i soldi per pagargli un soggiorno all’estero e comunque preferirei che facessero un altro tipo di lavoro.

    1. Perché saresti contraria? Lo chiedo assolutamente senza polemica, ma con sincera curiosità visto che a me non viene in mente un solo motivo a sfavore. Ma forse non considero qualche aspetto…
      Valeria

  10. Ragazze essere militari non significa x forza amare o fare la guerra…le scorte ai magistrati ,ai giornalisti chi le fa? Sarà che li conosco bene e che qualche volta hanno dovuto sceglierla quella strada che non mi sento di denigrarli! I migranti da chi vengono soccorsi?Maryland

    1. E poi vuoi mettere, con tre maschi di cui uno/uno e mezzo ancora in età, un figlio di militare vero che ti fa giocare alla guerra, se hanno voglia di giocare in quel modo? Un altro pianeta! 😀 😀
      Comunque, Elasti,faccio il tifo per te (e per il canadese, che sembra davvero il tipo giusto tra le altre cose per acquietare almeno un po’ il tornado che è sempre l’elasticasa, quando serve!)

  11. ma insomma, da mamma di 1 maschio pre-adolescente, non so, penserei anche io bene di una figura maschile … “presente” . Smazzarsela da sola – di fatto -, con tre, deve essere stancantissimo … Elasti, secondo me è saggio. E sono sicura che mr i condivide la scelta, sarà più sereno anche lui.

  12. Lo sapevo che il canadese ti avrebbe convinta! Io ho una cara amica canadese ed è una persona che trasuda così tanta cultura ed è così ironica che…difficilmente un americano (del Kentucky poi…) potrebbe vantare! W il canadese!

  13. In bocca al lupo. Noi siamo stati molto fortunati con entrambe le nostre ragazze alla pari italiane venute qui a Perth. Certo, hanno avuto bisogno di un po’ di tempo per abituarsi e supportarle non è stata una passeggiata, ma erano entrambe ragazze in gamba!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...