Nonsolomamma

la meravigliosa triade

sabato scorso elastigirl ha celebrato in solitudine il consueto rito dello spesone settimanale all’ipermercato.
come al solito, ha parcheggiato la macchina sottoterra, ha preso l’enorme carrello infilando una monetina cauzionale – sempre la stessa da anni – nell’apposita fessura ed è salita in superficie. entrata nella bolgia del centro commerciale, ha estratto la pistola salvatempo, l’ha riposta nella fondina all’uopo e ha imboccato il percorso standard tra gli scaffali, abitualmente compiuto con il pilota automatico, a occhi chiusi e con il cervello disattivato.
tuttavia, intorno a lei, era cambiato tutto. “stiamo lavorando per te”, dicevano mendaci cartelli al solo scopo di blandire lo sprovveduto cliente. così, alla ricerca dei detersivi, lei si è imbattuta in un angolo sconosciuto, forse nuovo, o magari semplicemente trascurato fino a ora, cascando nell’astuta tecnica delle diaboliche menti deputate a disporre scaffali e merci in uno spazio freddo e tendenzialmente ostile e alienante.
e zac! lo sguardo è caduto su un tavolino quadrato di legno, accessoriato di due sedie, una meravigliosa triade, apparentemente messa lì, apposta, creata su misura per l’elasti-balcone. addirittura in offerta. un delitto lasciarla lì.
così, elastigirl ha chiesto all’addetto al reparto “giardino”, il quale è tornato poco dopo con una confezione di cartone di dimensioni e peso abnormi rispetto al contenuto.
“non ci sta nel carrello”, ha commentato l’addetto.
“già”
“come fa a fare la spesa, adesso? vuole lasciarmela qui?”
“giammai. ormai la triade ed io siamo una cosa sola, indivisibile. la pago, la porto alla macchina e poi torno a fare la spesa”
“è sicura?”
“raramente lo sono stata di più”
“come vuole…”.
così, elastigirl ha messo il mastodontico scatolone in precario equilibrio sul carrello, lo ha trasportato giù, lo ha infilato in macchina, usando un’insospettabile forza bruta e l’aiuto degli dei dei tavolini di legno da esterno. poi è tornata nella bolgia infernale e ha fatto la spesa.
tempo totale impiegato per la duplice missione, al lordo della duplice coda alle casse: inaudito e scandaloso.
eppure, quando è rientrata a casa, era al settimo cielo e si aspettava analogo entusiasmo da parte dei maschi.
“ho preso una cosa meravigliosa!”
“davvero???”
“è qui dentro??? cosa sarà mai? è un regalo?”
“un punching ball da appendere al soffitto??? erano anni che lo desideravo! grazie, mamma!”
“elasti, perché? perché non ti si può mandare in giro da sola?”
“vedrete! vi piacerà moltissimo! è un regalo per tutti noi. da mettere sul balcone!”
“ah”
“ok. io vado di là a fare le mie flessioni. voglio arrivare a 100.000”
“posso rompere io la scatola?”
“certo, hobbit di mezzo! prendiamo le forbici ma stai attento”
“va be’. io devo finire di scrivere una cosa di lavoro…”
“eddai… come siete antipatici. è una cosa bellissima!”.
come immaginava elastigirl, la triade sembra fatta per il suo balcone.
“guardate come sta bene! è come un distributore di felicità in mezzo al glicine”
“bah”
“127, 128, 129, 130… guardate che muscoli incredibili…”
“mister i, ci prendiamo un caffè sul nostro nuovo tavolino?”
“se proprio dobbiamo…”
“sei proprio un tristone. hobbit di mezzo, ti piace?”
“solo se adesso lo usiamo per fare un torneo di scopa che durerà tutto il pomeriggio”
“ok. sneddu, tu che dici?”
“è pieno di formiche”.
per fortuna che almeno cindy, la ragazza alla pari, quando lo ha visto, rientrando a casa domenica sera, ha esclamato: “ma è perfetto!”, restituendo a elastigirl un po’ di quell’entusiasmo sprecato con quei maschi sordi.

25 thoughts on “la meravigliosa triade

  1. Adesso mi hai fatto venire voglia di andare sul divino divanetto della loggia e guardarmi la pioggia che cade fitta.Mio marito ci si è seduto una sola volta,e solo perché costretto da me.Sono proprio sordi ai piccoli piaceri della vita.

  2. Mia figlia di 5 anni.. Mentre riprendevo mio marito che correva un po’ troppo, neanche avessimo una Ferrari.. “Eh mamma, lo sai.. Loro sono fatti così..” “loro chi??” “i maschi!!” “ah! E come sono fatti?? ” ” maschiali! E noi femminili..”
    Ha già capito tutto??

    1. Eh già, certo, perché noi da queste parti proprio lo sappiamo che sei rappresentativo del lato maschile della specie dominante, eh sììì che lo sappiamo. Eccome. Proprio. 😀

  3. mai una gioia. mai una gioia. come sabato scorso, chiesto al fidanzato un parere sul colore della ciabatte da casa (ciabatte! colore delle ciabatte. una cosa eeeeeasy) e..gnente! se ne è uscito con un inutile “che ti devo dire..sono ciabatte..”

  4. Ahahahahah!
    Mi sembra di vedermi, sabato scorso, alla maison du monde! Gironi infernali puri, mannaggia a loro!
    Comunque sappi che è solo l’ inizio…. Vuoi rinunciare a una bella lanterna da metterci sopra? E i piatti o le tazze? Quelli che hai sono sicuramente inadatti per la triade! E un runner di lino lo devi comprare….. ………….
    😀

  5. Non vorrei infierire, ma i maschi sono così, quando rivoluziono la decorazione della casa (dopo colpevolissime visite all’IKEA) la metà maschia della famiglia non degna di uno sguardo od una parola il tutto, salvo che per recriminare sul cambiamento. La figlia di 6 anni invece si sdilinquisce in complimenti, apprezzamenti e commenti. La natura umana è questa 😦
    Sei sicura di volere un altro maschio in casa (leggi au pair canadese?)

  6. Per fortuna mio marito è uno entusiasta però ogni tanto anche lui reagisce freddamente a quelle cose che trovo meravigliose e incredibili. Tipo questa che è successa sabato scorso. Esco anche io per andare a fare la spesa e sul marciapiede appena fuori dal portone, scorgo un piccolo bouquet di roselline abbandonato ancora avvolto nella sua retina decorativa rosa. Lo raccatto e lo porto a casa e mi sembra che sia bellissimo aver trovato e salvato un mazzo di fiori. Appena mio marito rientra glielo faccio vedere tutta contenta e lui è rimasto impassibile. Bah.

  7. per la prima volta sono d’accordo con elasti ed iin disaccordo con mister I
    i tavoli e sedie da esterni dovrebbero rientrare nella dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino 😀
    datemi un metro quadro di balcone e io mi ci svacco!
    elasti: hai fatto bene, complimenti per la scelta, sono sicura che saranno divini e che tutti quelli che non hanno verbalizzato il loro entusiasmo invece ne usufruiranno a man bassa!
    e smettetela con ‘sta storia maschi e femmine: a casa mia mio padre e mio fratello si erano fatti una stanza di sole finestre per godere la pioggia!!!
    (la PIOGGIA, dico io :O come se fosse una cosa bella e non una sfiga mandata dalla natura matrigna per rattristare la vita dei meschini umani)

    1. Brava Claire condivido in pieno basta con gli stereotipoi maschi-femmine! Mio marito non ci rientra affatto, ne’ mio padre, ne’ molti miei amici….e nemmeno io in quelli femminili …e tutto questo “i maschi sono cosi’ , le femmine sono cola’” mi fa un po’ tristezza…

  8. E’ leggendo blog come questo di oggi Eleasti che mi chiedo… e ti chiedo… ma perchè avendo già 4 maschi in casa vai in cerca di un quinto au-pair MASCHIO????????? Per giunta lo pigli oltreoceano dove sono ancor meno “romantici” dei nostri?

  9. Temibile aspirazione ‘il consenso’! L’entusiasmo,lo dice la parola stessa,è avere un dio dentro, dentro appunto. seguiamolo,è il nostro.L’aspro,tragico e grande amore della mia vita,mordace come ogni vero romano ‘de Roma’ alla mia incauta domanda :come sto con questo vestito?Mi sento rispondere lapidariamente: Di nessuna avvenenza.La ‘sintesi’ più di tutto mi piace dei ‘maschi’ tutti con i quali lavoro,che incontro e di quello asperrimo che mi ‘rischiara’.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...