Nonsolomamma

un’arma di distruzione familiare

la zia matta, sorella di mister i, è bionda e minuta e apparentemente mite. a uno sguardo distratto appare innocua e tranquilla. è una creatura amabile, discreta e lieve, che si muove silenziosa, come un gatto, in grado di sfuggire a qualsiasi radar. è affetta da uno stordimento cronico pari soltanto a quello dello hobbit di mezzo.
è scientificamente provato che ogni essere umano è connesso alla realtà tramite un tubo, in dotazione dalla nascita. la leggenda familiare narra che, per un problema ignoto, dovuto forse a sordidezza o a un deficit strutturale o a un’imperdonabile dimenticanza, la zia matta e lo hobbit di mezzo dispongano di un unico tubo che sono costretti a condividere. pertanto quando uno/a dei due lo ha in uso, l’altra/o resta lì, rintronata/o e confusa/o fino a quando il tubo non passa nuovamente di mano. e questo talvolta può rappresentare un problema non indifferente, a tratti invalidante per i due malcapitati congiunti e anche per tutti quelli che li frequentano.
la zia matta anni fa incontrò un sociologo guatemalteco, se ne innamorò, lo sposò e insieme si trasferirono a vivere in salvador.
da allora torna in italia piuttosto di rado ma ogni volta è una grandissima festa.
in queste vacanze lei è a bari, a casa dei genitori, super W e mister brown, e la sua presenza è fonte di felicità sfrenata per ogni componente della famiglia.
la zia matta è però ben più pericolosa e imprevedibile e coriacea e pirotecnica di quanto il suo involucro angelico e i suoi modi pacati lascino presagire.
è una forza quieta ma dirompente, dotata di rara potenza devastatrice. se vuole, avvolta dal suo plaid, può risvegliare elementi, provocare calamità naturali, scatenare guerre mondiali, senza neppure spostarsi dal divano.
abituata alle temperature tropicali del salvador, quando torna in patria per le vacanze natalizie, tende a soccombere all’attacco dei germi nostrani e a ridursi a un relitto raffreddato e febbricitante.
a causa dei suoi superpoteri distruttivi tuttavia, riesce a sua volta a diffondere intorno a sé virus e batteri con l’efficacia di un’arma di distruzione di massa.
pertanto, nel giro di tre giorni, ha messo ko l’elasti-famiglia che, dopo avere attraversato festosa la pioggia di amsterdam con tanto riscaldamento guasto nell’appartamento in cui alloggiava, è caduta miseramente sotto gli attacchi della zia e del suo tubo. al momento mister i e lo hobbit di mezzo hanno la frullosi, elastigirl ha una tosse feroce, sneddu l’otite e il raffreddore. solo lo hobbit grande, vivendo sul fuso orario del tennessee e della sua principessa, è stato risparmiato.
ciononostante la zia matta val bene un’influenza.

10 risposte a "un’arma di distruzione familiare"

  1. Oddio mi dispiace ma non sai quanto mi tira su sapere che non sono sola in questa landa desolata che è la malattia. Sto per imbarcarmi sul volo che mi riporterà a Londra ma la nausea e’ così potente che non so se ce la faro’ a trascinarmi fino all’imbarco. Sto succhiando ghiaccio l’unica cosa che mi dia sollievo a parte la tua meravigliosa famiglia e le sue mirabolanti avventure

  2. Non darei tutte le colpe alla Zia Matta: quest’anno l’influenza (nella versione tosse e raffreddore o nella versione “squalaus”) è micidiale.

  3. (scusami, mi è partito l’invio del commento mentre lo scrivevo 😦 )

    Non darei tutte le colpe alla Zia Matta: quest’anno l’influenza (nella versione tosse e raffreddore o nella versione “squalaus”) è micidiale.
    La Zia è tornata in Salvador?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...