Nonsolomamma

the young stalker

a nashville, tennessee, viveva una principessa con la sua mamma e il suo papà.
non si sa dove abitassero ma vogliamo immaginarli in un castello, sempre che a nashville, tennessee, esistano castelli, circondati dall’affetto della famiglia allargata, dalla compagnia degli amici e dalla deferenza dei sudditi.
solitamente i genitori vogliono il meglio per i loro virgulti e quelli della principessa non facevano eccezione. così la mandarono nelle migliori scuole, le fecero studiare musica e le lingue straniere morte e vive e incoraggiarono i suoi numerosi talenti perché, si sa, le pricipesse sono creature dotatissime, oltre che di rara bellezza.
ogni tanto i genitori, seppur in buona fede, commettono degli errori e quelli della principessa, anche in questo frangente, non facevano eccezione. così la iscrissero a great books, un campo estivo per lettori adolescenti, lontano da casa.
lì lei incontrò uno hobbit, italiano, senza una goccia di sangue blu e per giunta piuttosto rozzo. la leggenda narra che i due si piacquero e, quando si separarono, perché si sa che tutte le cose, in primis i campi estivi, finiscono, lo strazio fu inaudito.
la principessa tornò al suo castello in tennessee, lo hobbit al suo appartamento al primo piano in italia ma la storia, contrariamente alle previsioni, proseguì incurante dell’oceano in mezzo.
lei, come si addice al suo lignaggio, usava viaggiare per allargare i suoi orizzonti geografici e culturali, in particolare in europa, paese di lunga tradizione aristocratica.
così il furbo hobbit, con la tenacia e la determinazione che contraddistinguono la sua specie, stabilì che ogniqualvolta l’amata avesse messo il suo augusto piedino nel vecchio continente, lui l’avrebbe raggiunta, a qualsiasi costo.
lo scorso natale, convinse con metodi subdoli quali l’ipnosi, il vittimismo e mirabolanti seppur irrealistiche promesse di buona condotta, genitori e fratelli ad accompagnarlo ad amsterdam dove sorprese l’amata, ma soprattutto la sua famiglia, facendo irruzione nel grand hotel dove alloggiavano e lasciando tutti quanti interdetti e sbigottiti.
non pago di questo coup de thêatre, riuscì nell’impossibile impresa di farsi promuovere il primo anno di liceo classico, al solo e unico scopo di potere raggiungere la principessa nel ritiro familiare provenzale a aix en provence, frequentato tradizionalmente sul finire di giugno.
“questo bambino merita un bel regalo”, ha esclamato nonna J, alla comunicazione di una pagella gloriosa seppur non del tutto meritata. “lo porterò in provenza tre giorni, a trovare la principessa” ha aggiunto.
così, dopo un viaggio eterno in pullman, da ieri nonna J e lo hobbit grande, sono a aix en provence, come la principessa e la sua famiglia che penseranno, a questo punto legittimamente, di essere perseguitati da uno stalker e probabilmente in queste ore stanno allertando la gendarmerie.

 

 

 

 

22 risposte a "the young stalker"

  1. Ecco adesso posso affrontare questa giornata in modo diverso,con la luce e i colori della Provenza.Già sento il profumo della lavanda.🐦

  2. E brava nonna J !
    siete una famiglia meravigliosa e la Principessa, come vada vada questa fioritura adolescenziale, ricorderà per SEMPRE la determinazione dello Hobbit per essere vicino a lei appena possibile.

  3. Chi l’avrebbe mai detto che avrebbero resistito! La dice lunga su quanto possa essere speciale la principessa…o su quanto poco interessanti spossano essere le coetanee italiane del…principe! La si può vedere anche al contrario,che lo speciale sia lui è.i dozzinali i coetanei americani di lei… 😎

  4. Chi meglio di Nonna J che abita in una castello ed è maestra di bon ton?! 😉 peccato per te Elasti che eri stata la prima scelta come accompagnatrice e magari un giretto in Provenza te lo saresti fatto volentieri… complimenti per la tenacia a questi due giovani amanti in erba, fanno davvero tenerezza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.