Nonsolomamma

il mischione

“Gli spaghetti con le vongole (io ho sempre paura che ci mettano l’aglio ché se ci mettono l’aglio sono rovinata), le penne al pomodoro, il fritto misto di pesce con l’insalata, la crema catalana, i profiteroles, tre palline, tre palline che basta guardarle per ingrassare tre chili. Che buono. Una meraviglia”.
Sono in attesa per fare la visita annuale dei nei in un posto dove curano i tumori di tutti i tipi. Alla reception parlano del menu del pranzo della domenica. Non gridano ma si sentono per tutto il corridoio. Li sente la signora che sta per fare la mammografia, la ragazza che aspetta l’esito di un controllo, il signore muto e terreo accanto a me. Va bene. La vita è così. Un mischione promuscuo di spaghetti alle vongole, apprensione, buone e cattive notizie. Di fronte a me una donna sbuffa. Il medico dei nei è uno dei miei preferiti: per lavoro scandaglia centimetri di pelle alla ricerca di un baco che ogni tanto toglie e magari ti salva la vita. Chissà se anche lui sente il bisogno di parlare di crema catalana, tra un melanoma e un nevo.
Siccome certi giorni sono più significativi di altri, stamattina sono andata pure dal ginecologo. Il mio ginecologo è orgogliosamente un alpino. Domenica c’è il raduno a Rimini. Non ne parlate alla radio? Me lo chiede mentre mi sta facendo il pap test. Forse, gli rispondo. Che bel collo dell’utero. Si vede che nessuno è passato da qui, osserva. Si riferisce ai tre cesarei anche se il tono evoca beate vergini. Siamo fenomenali, noi alpini. Anche qui, il mischione.
Il medio ha ancora la febbre. Il suo secondo tampone è negativo. Il grande domattina va a Napoli, in gita con la scuola. Sneddu e io vediamo serie tv romantiche per adolescenti fluidi. Mister I è a Londra. Siccome è un padre per bene partecipa alla riunione online della classe del grande mentre il medico esamina i miei nei e mi racconta di un figlio ventenne aspirante giornalista. Domani Mister I andrà in Connecticut. Questa sera farò i bocconcini di pollo.

5 pensieri riguardo “il mischione

  1. Il mio ginecologo è anarchico: prima della visita mi raccontava della sua militanza prendendo spunto dai libri che leggevo in sala d’aspetto. Al mio cesareo non programmato, mentre usava ago e filo parlava delle vacanze imminenti. La mappatura dei nevi ha il suo perché…sempre! Misturotti ospedalieri. 🖤

  2. Non so nulla della mia ginecologa, riservatissima, salvo che, nel corso della prima eco di mia figlia, alla domanda: Maschio o femmina? Rispose: Mah, direi femmina, però forse, essendo così presto, i testicoli non sono ancora scesi. Pausa. Ad alcuni uomini non scendono mai. Ecco, l’unica concessione al privato in 15 anni.

  3. Che coincidenza! Anche io oggi il mio pap test, nonostante possa essere per età la tua mamma. Va fatto comunque, ricordiamolo.
    E io vado dalla ginecologa con leggerezza e fiducia speciale perché è una carissima amica, di cui tutte noi aspettavamo ansiosamente il debutto nella professione , non entusiaste di ginecologi maschi..che sollievo poi! Che questi post servano a ricordare a tutte le donne l’importanza dei controlli e della prevenzione, ad ogni età, non esitiamo,non rimandiamo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.