Nonsolomamma

va bene così

oggi elastigirl si è svegliata all’alba, sognando formiche sotto le coperte.
mister incredible era concentrato, lo hobbit grande indossava un inguardabile ciondolo con un teschio (“ma è terrificante!” “me lo ha regalato lo zio con l’orecchino al naso quindi è bellissimo”), lo hobbit medio cantava ai se eu te pego e il piccolo mangiava cereali senza latte che era finito e spiegava al tavolo, in una lingua incomprensibile ai più, che avrebbe di lì a poco preso un aereo con un tappo. non è dato sapere che cosa rappresenta il tappo dell’aereo nell’immaginario hobbit.
elastigirl ha accompagnato la famiglia in aeroporto dove la signora del check-in ha guardato mister incredible e gli ha chiesto: “lei (maschio inetto per definizione) viaggia solo con tutti questi bambini? e quanti sono? tre, quattro… boh, va a capire”. nonostante la signora, sono partiti per bari. lo hobbit piccolo ha rubato grissini a una passeggera durante tutto il viaggio, e all’arrivo, super w, la nonna, era talmente eccitata per la gioia di rivedere i nipoti che ha importunato tutti gli sventurati in attesa del volo da milano.
alle 8 nonno A è entrato in sala operatoria e, quando elastigirl è arrivata in ospedale, c’era un gran silenzio.
alle 14,00 circa un signore piccoletto e rubizzo, che poi era il chirurgo luminare del torace, ha detto: “l’operazione è tecnicamente riuscita. siamo soddisfatti. ora però andate via che qui siete inutili. il paziente è in terapia intensiva e dorme. arrivederci e grazie. tornate non prima delle 17,00”.
le file si sono rotte e nessuno sapeva bene che fare in quelle tre ore di inutilità.
in terapia intensiva c’era un’infermiera bionda che si chiama cristina. sorrideva.
“come ti senti, papà?”
“una schifezza. vedo doppio ma non mi fa male la gola e posso muovere le gambe. mica come dopo il bypass. mi fa molto male dietro la schiena. e ho sete. e sono tutti molto molto gentili”
“ehi, che succede? non protesti per niente?”
“no. mi sta cambiando il carattere, sai?”
“allora magari diventi più buono”
“no, divento solo un mollacchione. e non è un miglioramento”.
poi nonno A ha sgridato elastigirl perché gli aveva spiegato due volte che le visite alla terapia intensiva sono permesse dalle 15 alle 20. “guarda che non sono rincretinito! lo so: dalle 15 alle 20! non devi dirmi le stesse cose tante volte! per chi mi hai preso?”, ha esclamato stizzito. e allora elastigirl ha capito che no, non è vero che nonno A sta cambiando carattere, non diventerà più buono e nemmeno più mollacchione. ma in fondo va bene così.
al momento elastigirl è esausta. come se nonno A lo avesse operato lei stamane, per ore, invece del piccoletto luminare e rubizzo.

112 thoughts on “va bene così

  1. “non diventerà più buono e nemmeno più mollacchione” : lo fa per rassicurarti che non è cambiato niente. Affinchè tu lo riconosca e non si scambino i ruoli. Non te la prendere, ha avuto e ha tanta paura. In fondo è un buon segno. Auguri di buona Pasqua.
    Lori

  2. anche io ieri ho aspettato la mia mamma, dalle 7 fino alle 16, anche a lei è andata abbastanza bene e stasera ha chiesto di poter guardare la “sua” telenovela preferita…segno che è tutto ok!!

  3. Sapere che ogni tanto un cristo scende alla croce aiuta anche quelli che alla propria croce ci sono ancora inchiodati. Auguri.

  4. sono felicissima di sapere che nonno A ha superato l’intervento!
    la nostra nonna A aspetta…aspetta ed aspetta ancora la famosa telefonata.
    ma ho pregato per voi come promesso e so che il Signore non lascerà inascoltate neanche le preghiere per lei!
    buona Pasqua e tanta pace!

    1. il signore? ah quello che pregava una mia carissima amica d’infanza (quasi una sorella) il cui bambino di 12 anni è morto di leucemia, alludi a quello?

  5. Auguri di buona Pasqua carissima Elasti – sono felice per nonno A – il fatto che tutto è andato bene ti farà sentire meno la nostalgia per la tua incredibile e favolosa famiglia trasferitasi temporaneamente a Bari

  6. Sono contenta per voi tutti; sono contenta che siate uciti dalla dimensione “temposospeso” dell’attesa davanti alla sala operatoria e alla rianimazione.Sono contenta che tu non sia figlia unica, sono contenta che tu abbia un compagno in salute.

  7. Tanti Auguri di Buona Pasqua Elasti! E a nonno A, e a mr Incredibile e ai tre hobbit! E che alla mia mamma vada bene come a nonno A. Che nessuno perda il suo caratreraccio a causa di una brutta malattia, ma magari che un pochino riescano a diventare piu’ mollacchioni in virtu’ dei loro piccoli hobbit piuttosto! Questo lo auguro a me stessa e al mio nonno A soprattutto! Un abbraccio e tanti in bocca al lupo…

  8. W la Nutella, W il gelato, W le patatine con qualsiasi salsa, W una sigaretta (io sono fumatrice anche se so che fa male!!!!!! e odio chi continua a farmelo notare…trovo che sia fastidioso e offensivo) W qualsiasi cosa che in un momento di tensione e stress ci faccia anche solo illudere che possa servire.
    La cosa importante è che il nonno stia bene sono felice !!!!!
    Un grosso abbraccio
    Doriana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...