Nonsolomamma

pasta maschia

“il flatello medio è un selpente, il glande è una tigle”

“però! niente male. e tu cosa sei, hobbit piccolo?”

“un leone, il le della folesta”

“ah, ecco, volevo ben dire. e il papà?”

“il papà è una enolme finestla”

“bello! ehi, mister i, hai sentito? tu sei un’enorme finestra. sei contento? e la mamma? cos’è la mamma?”

“gli occhiali”

“ah. cioè, proprio gli occhiali. quelli che si mettono sul naso per vedere… quelli, no?”

“sì. gli occhiali ho detto”

“va be’, cercherò di farmene una ragione”.

tuttavia, questa sera il serpente si lamenta perché è sdentatissimo e, con quella bocca che sembra una scacchiera, la vita è piuttosto ardua. la tigre invece si lagna per un’orticaria invisibile, migrante e forse immaginaria. il leone, nonché re della foresta, è frustrato perché è stato costretto a lavarsi i denti, non è ancora diventato padrone dell’universo e, anche dentro casa, talvolta ha l’impressione che la sua autorità venga messa in discussione. l’enorme finestra ha mal di schiena e soffre di un disturbo periodico, che ultimamente si è cronicizzato, denoniminato “frullosi”.

gli occhiali invece sono in gran forma e vorrebbero lasciare questa scadente pasta maschia al suo destino e fare qualcosa di trasgressivissimo. ma per solidarietà andranno a dormire pure loro.

39 thoughts on “pasta maschia

    1. Bellissimo!! e rassicurante. Sono convinta sostenitrice dei pochi giochi e molta fantasia, poco televisione e molta mamma, anche se comporta che dopo una giornata al lavoro e un tardo pomeriggio tutto con loro, le faccende di casa le finisco a mezzanotte.

      1. @Fefo: Vorrei anche io fosse “molto genitori”, ma la verità è che mio marito, non per scelta, ma per necessità, passa troppo tempo fuori casa. Certo che quando c’è, è il miglior papà che potessi desiderare avere accanto per far crescere i nostri figli.

  1. Bello lo hobbit piccolo. Pure qui abbiiamo le dinamiche hobbit. Il mio secondogenito è innamorato del papà mentre il picccolo fa gli occhi dolci solo a me proclamando a gran voce MIA MAMMA. La grande è una femmina quindi chiaramente non c’è storia, papà forever. Probabilmente averne due su tre propapy è una punizione divina per quella volta in cui dissi a mio madre che l’avrei sposato. Alla sua domanda “E la mamma?”risposi con fermezza “La uccidiamo!”

    1. il topo da noi lascia regalini e non soldi. il che è mooolto più impegnativo e mi chiedo sempre perché mai abbiamo questa usanza quando una monetina sarebbe tanto più comoda!

      1. Noi senza monetine, né tagli minori al primo dentino abbiamo dovuto lasciare 20€..
        mi correggo la fatina…
        (da allora, sempre con scorte di monete in casa..)

      2. noi abbiamo la fatina, al primo dentino ha lasciato un regalino, dal secondo in poi una moneta da 2 euro soprattutto dopo che la pupa, vedendo il primo regalo, ha cominciato a fantasticare su quale altro bel regalo avrebbe portato la fatina per i dentini successivi,….

  2. Oh, poetico e bello. Interpretando: la finestra rappresenta il filtro verso il mondo esterno, una protezione e al contempo un’apertura; gli occhiali invece sono la capacità di capire il mondo, la razionalità, la possibilità di vedere lontano.
    Funzionano bene insieme finestre e occhiali, evidentemente l’indissio è stato idoneo, ma se dovessi scegliere preferirei essere un paio di occhiali piuttosto che una finestra. Le finestre si lasciano a casa, gli occhiali si portano sempre con sè e ti fanno buona compagnia nel mondo.

  3. Fefo i tuoi post sono sempre molto interessanti. L elenco delle competenze di un quattrenne mi sarebbe servito leggerlo quando i miei cuccioli avevano quell età.

    1. Io ho una cara amica d’infanzia che chiamiamo Fru, per sottolineare la sua agitazione perenne. Ci vedo una certa affinità con la frullosi.

  4. resisti, resisti, resisti………passerà tutto, anche la frullosi!
    Con due figli di 17 e 19 anni mi mancano le lagne serali…..
    bacio

  5. Io che sto per avere il primo maschione, leggendo i post di elasti mi convinco sempre di più che sì – dovrò attraversare il tunnel del parto, anzi, del travaglio, delle contrazioni, della fase espulsiva come dicono al corso preparto che mi terrorizza – non vedo l’ora di guardarlo negli occhi questo maschio che si rotola nella mia pancia e vederlo diventare serpente, leone o tigre.

  6. Grazie Fefo per ricordarci che esistono anche papà moderni! Io purtroppo conosco molte mamme che non reputano conveniente che il papà sia troppo presente. Meglio al lavoro a far soldi che a perdere tempo e virilità con i pargoli. Il “mammo” è una delle definizioni più orrende che mi capiti di sentire. E spesso in bocca alle donne
    Ilaria

  7. Nonostante sia tendenzialmente ipocondriaca, aver appreso dell’esistenza della frullosi mi è di enorme consolazione. Se ho ben capito, i figli ne sono portatori sani, ma si manifesta in modo estremamente virulento sui genitori

  8. Lo hobbit piccolo diventa sempre più il mio preferito…Anche il mio treenne è quasi sempre il leone, re della foresta e io la leonessa…!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...