Nonsolomamma

un gran vento

“il fatto è che io ci ho provato. così. l’ho buttata lì. poi tu hai detto ‘okkei, grazie. vengo’ e allora mi sono agitata moltissimo e ora spero veramente che vada tutto bene”, le ha detto sabato mattina l’assessora, con una bimba minuscola in braccio, vestita di rosa, alla stazione di firenze. e mentre guidava verso vaiano, che è un paese piccolo tra le montagne, vicino a prato, le ha raccontato di un posto dove c’è un sindaco donna e una giunta femminile e dove anche il capo dei vigili urbani è donna e il problema sono le quote blu. “da noi è un po’ come la svezia”. le ha raccontato anche di una vita ricca e articolata nonostante un’età piuttosto acerba, di un passato faticoso e quasi eroico, di una crociera kamikaze in solitaria con un bimbo piccolo, di addii difficili e di incontri luminosi, di precarietà e sogni, di progetti e di talenti. ed elastigirl ha capito subito che aveva fatto bene a dire “okkei, grazie. vengo”, a quell’invito, alla biblioteca di vaiano, per l’8 marzo, a parlare di conciliazione ed educazione di genere. perché a volte, leggendo una mail, si intuiscono il mondo che c’è dietro e la mano e la testa di chi la scrive. perché a volte, dicendo sì, si riceve ben più di quel che si dà.

così elastigirl si è ritrovata in una piccola biblioteca, in un sabato mattina ventoso, tra le montagne. e lì fuori, davanti alla porta, c’era un chimico con la barba, passato di corsa per dirle “ehi, ciao, piacere. devo scappare ora”. e poi, dentro, c’era un professore, amico di nonno A che tempo fa le aveva scritto un messaggio che l’aveva commossa e ritrovarlo lì l’ha lasciata senza le parole che avrebbe voluto avere per lui. c’era una mamma di tre figli, che si è messa in discussione con onestà e coraggio e alla fine le ha regalato del pane toscano “perché è il nostro pane e lo devi mangiare” ed elastigirl ha pensato che fosse un regalo bellissimo, da fare spesso agli amici. c’era una ragazza che era stata anoressica ma ora sembrava stare bene. anche lei ha alzato la mano e ha detto cose vere, disarmata. un’altra ha raccontato del fratello che da piccolo voleva fare l’elettricista e i suoi amici gli dicevano “ma che sogno è mai questo?” e lui un giorno rispose: “io voglio fare l’elettricista però sullo shuttle!”. e ora fa l’ingegnere. c’era una studentessa universitaria che ha raccontato cosa si incontra facendo ripetizioni di matematica alle sedicenni. c’era una coppia, in prima fila, che si teneva per mano e a elastigirl ha ricordato un tempo che sembra lontanissimo, in cui la vita si affrontava in due e basta, tenendosi per mano. c’era una ragazza con gli occhi blu che ha detto cose profonde, con la sicurezza di chi ci ha riflettuto parecchio. c’era chi la segue da lontano, con affetto e partecipazione, e aveva portato il papà e anche la mamma, che è proprio bella ma se glielo dici arrossisce e arrossisce pure il figlio. c’era anche un sociologo che d’estate va a un festival con un nome che piacerebbe moltissimo a mister i, tipo “proletari sempre” o qualcosa del genere.

e c’erano altri, che ascoltavano e a volte commentavano. e tutti avevano voglia di mettersi in gioco, come in un gruppo di autocoscienza, di un altro tempo che non si trova più.

è stato bello, come una specie di magia. sarà stato merito del gran vento. chi lo sa.

39 thoughts on “un gran vento

  1. Sì è una bella realtà quella di Vaiano. Anche a delle giovani donne con belle idee è stata data la possibilità di iniziare un percorso… e, incrociando le dita, ci si sta riuscendo.

  2. e poi c’era lei, minuta e sorridente, che sembra una ragazzina. la vorresti stare a sentire per ore perché dice cose profonde ma in punta dei piedi, sa ascoltare anche con gli occhi, e regala abbracci che profumano di buono. e allora ritorni a casa rincuorata e pensi che deve essere proprio bello avere un’amica come lei.

  3. A Milano il vento non c’è quasi mai, e non c’era sabato pomeriggio in quella stanza troppo piccola troppo calda e poca aria, io sono entrata ma non ho avuto la pazienza, tu avevi già parlato ed ascoltavi giustamente, chissà se avresti detto ancora la tua, io ero con bimba bimbo e marito nel posto e nel momento sbagliato, c’era un uomo ogni 150 donne sessantenni. È sempre e comunque bello vederti, anche solo per un attimo e sorriderti. Marta (tanti capelli)

      1. Io, mora, occhiuluta, filiforme, pazza per Elasti, ti ho esattamente dato il cambio uscendo… (occhiali grandi vedono meglio tanti capelli!).
        Ho provato la tua stessa sensazione, avendo al seguito solo amico uomo e fidanzato molto disorientati!
        Ma ti assicuro, Elasti ha detto la sua! Speriamo solo che ti ascoltino e che luoghi come quello finiscano davvero per essere “per tutti”!

      2. Proprioio, lastessa,sempre lastessa che ritrovinelle miefotosulsito. Ricordi? Sabato sareirimasta solo perte, ma stavoltanon seibastata neanche tu. Grazie comunque

  4. cara elastigirl, hai il super potere di farmi commuovere parecchio ultimamente: sabato nella tua pagina su D e ora con questo racconto da incorniciare nel cuore per tenerlo sempre dentro. un abbraccio.

  5. non è facile.. forse l’urgenza, forse il vento, forse il bisogno, ciascuno nella propria diversità, di sentirsi vicino ad altri esseri umani.

  6. E’ proprio vero che ogni giorno può regalarti qualcosa di meravigliosamente inaspettato, basta solo aprirsi alle occasioni e agli altri. Riesci a farmi sognare ed a strapparmi un sorriso anche dopo una nottataccia insonne…

  7. Ecco, a Vaiano non sarei potuta venire, ma mi spiace ancora di più di non aver potuto restare a Milano ad aspettarti sabato pomeriggio.

    La prima e unica volta che ci siamo incontrare, novembre 2008, mi hai fatta sentire come una cara amica di sempre.

    Bellissimo allora esserci…sono passati più di 5 anni e mi sembra ieri. Bellissimo oggi leggerti…sembra quasi di essere stata lì.

  8. Ma sai che proprio questo weekend riflettevo sulla ricchezza che portano le relazioni. Condividendo si riceve.
    In Veneto, quando qualcosa ci da quel piacere autentico che ci fa stare bene, diciamo che “l’è un gusto!”. Ecco: leggerti “l’è proprio un gusto!” 🙂

  9. Io! Io! Io! Io avrei voluto esserci!!!!! per la seconda volta vieni dalle mie parti, stavolta pure nella mia provincia e io ho fissato un corso di cup cake design…l’e muòrt (direbbe Mr I.) Ma la prossima volta non mi scappi: TI DEVO conoscere! Io che come te condivido l’avventura di hobbit maschi (tu ne hai solo uno in più) che mi fai ridere e piangere che mi emozioni sempre, che quando ti leggo penso “questa potrebbe essere mi amica, garantito…”. La prossima volta, te l’ho detto, non mi scappi!!! 😀

  10. E’ stato bello,
    grazie di avere visto oltre la semplicità del luogo, grazie di averci ricordati in questo post come un bouquet di fiori, il vento è stato una comparsa essenziale ma la magia è stata la tua presenza.

  11. Bel post. Non so perche’ ma alla fine mi sembrava di vedere volare, portata dal vento, la piuma dell’inizio di Forrest Gump. Mah, strane associazioni di idee…

  12. Dopo averti letta, mi ripropongo d’ora in poi di dire anch’io, un po’ più spesso, “ok grazie vengo”. A volte sembra di non trovare il tempo e le energie per dire sì a proposte/inviti/richieste/incontri, invece poi, quasi sempre, scopri che ne vale davvero la pena!! Grazie

  13. Non immagini la gioia nel tornare dopo 8 ore di università e scoprire che hai scritto un’intervento su Vaiano!!! 🙂 Felice di esserci stata 🙂

  14. Mannaggia! Sapevo che avrei perso un appuntamento speciale. Maledetta pigrizia! Ed un evviva per le signore del comune di Vaiano, perche’ ero sicura che ti avrebbero accolto a casa loro come se ci avessi sempre vissuto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...