Nonsolomamma

maschi e femmine

“la differenza principale tra le femmine e i maschi è che le bambine, quando entrano in classe la mattina, domandano: ‘oggi possiamo disegnare e colorare?’. i bambini invece: ‘oggi dobbiamo proprio disegnare e colorare?’.
per il resto l’anno sta procedendo bene. abbiamo avviato un progetto sul cibo, legandoci al tema di expo.
il gruppo dei bambini grandi è molto migliorato rispetto allo scorso anno: sono più autonomi, più uniti, più disciplinati e ricettivi. giocano molto bene insieme, anche tra maschi e femmine. a questo proposito non posso non segnalare il grande amore nato tra lo hobbit piccolo e rebecca”
ha detto lo hobbit piccolo??? grande amore? e perché io non sapevo nulla. perché non racconta niente, il piccolo omertoso?
“durante l’ora del relax si preparano il letto vicini e si fanno molte coccole”
coccole? lo hobbit piccolo? colui che non dà confidenza a nessuno e guarda il mondo con lo sguardo obliquo??? si fa il letto matrimoniale e amoreggia nell’ora del relax??? probabilmente la maestra si è confusa e ha sbagliato bambino. devo chiedere alla mamma di questa rebecca se sa qualcosa di tutto questo.
“e anche durante la giornata lo hobbit piccolo e rebecca si scambiano sguardi, effusioni, massaggi e affettuosità. sono molto uniti e molto teneri”.

parlava proprio di lui, dell’enigmatico, criptico, diffidente e infido hobbit piccolo, la maestra, alla riunione della classe dell’asilo. di lui e di rebecca, la cui mamma, naturalmente, come tutte le mamme delle femmine, era informatissima di tutto, effusioni, letti matrimoniali e occhi da triglia compresi.

“amore, la maestra oggi ha raccontato che tu e rebecca siete… molto amici! non mi avevi mai detto niente…”
“lebecca chi?”
“rebecca della tua classe alla scuola materna”
“ah”
“dice che durante il relax vi fate le coccole e che giocate insieme e vi volete bene…”
“non è velo niente”
“guarda che è una cosa bella avere un’amica con cui si sta bene. le bambine sono molto simpatiche”
“io non ho amiche femmine”
“ok”
“ho un’idea, mamma”
“dimmi!”
“gualdiamo insieme le figuline doppie dell’album dei dinosauli?”.

44 thoughts on “maschi e femmine

  1. Che tenero lo hobbit piccolo. Certe cose noi maschi ce le teniamo per noi. Io sono venuto allo scoperto con mia madre più o meno a un anno dal matrimonio. Per dire…

  2. Anche io ho lo stesso problema.. Le cose che succedono a scuola me le raccontano le altre mamme o gli altri bimbi, non di certo mio figlio!

  3. stamattina incontro mamma di bimba M all’asilo, mi presento, sono la mamma di E, compagno di sua figlia. e lei: ma E e’ famosissimo a casa nostra, M ne parla sempre! (!!) … purtroppo non ho fatto in tempo a sapere i dettagli di questa fama (sospetto che l’inappetenza quasi assoluta di E giochi un ruolo, e’ quello che non mangia niente, esattamente come la sua mamma, e’ un titolo ereditario a casa nostra).
    E a casa non ha mai nominato M, oggi ho chiesto a E: giochi mai con M? la risposta e’ stata si’, senza ulteriori spiegazioni.

  4. Io ho una gnoma femmina uguale allo hobbit piccolo… pensa che con il fidanzato del nido ho scoperto tutto quando un giorno la vedo nella zona armadietti con un neonato in braccio! Il fidanzato (e la mamma che sapeva tutto) le aveva dato da tenere il fratellino neonato. Anche quello si spartivano!

  5. Un bambino di cinque anni che desse troppa importanza a un rapporto di coccole non mi piacerebbe, un bambino che da la stessa importanza alle coccole come a qualsiasi altro gioco mi piace.
    Secondo me la maestra doveva evitare di segnalare il grande amore ad una riunione dei genitori. Gli altri genitori dovevano sentirsi in dovere di ridacchiare?

    1. Concordo anch’io sulla scarsa rilevanza della notizia alla riunione, poteva segnalarlo ai genitori interessati in separata sede, tanto per info…

  6. sono femmina e alla mia famiglia dei miei amori non ho mai detto un tubo
    vengono allo scoperto quando proprio non si puo’ fare a meno
    esempio: del crucco la mamma l’ha scoperto scesa dal bus dell’aeroporto, quando a prenderla invece di solo me e il cane c’era anche lui 😉
    claire
    claire

  7. La mia fa esattamente la stessa cosa, al 4° compleanno ho saputo che aveva un’amica del cuore dalle maestre e poi dalla mamma di questa bambina. In realtà credo che mia figlia fosse troppo piccola per collegare l’oggi al domani, adesso che di anni ne ha 5 questa amica è l’unica persona di cui mi parla, tutti gli altri compagni sono avvolti da una nebbia indistinta…
    Comunque queste simpatie acerbe sono tenerissime 🙂

  8. Ma ci credi che proprio stamattina mi chiedevo che fine avesse fatto Noemi, il primo amore del tuo piccolo, quella che gli faceva i grattini…già , che fine ha fatto Noemi (nome fittizio ovviamente )?

  9. io odio,cordialmente odio,quando ai bimbetti viene fatta la domanda:ma ce l’hai il/ la fidanzata/o e la povera creatura si vede costretta a far la faccia scema e la voce gnagulosa.Li possiamo far vivere da bimbi?

    1. Sono assolutamente d’accordo con te, così come col commento di Iori al nr. 15.
      Riconosco senz’altro che anche bambini piccoli possano provare sentimenti per dei coetanei paragonabili all’innamoramento e all’amore, ma che questi sentimenti debbano per forza essere trasformati, agli occhi dei bambini stessi, in uno scimmiottamento di comportamenti che a mio avviso devono essere solo degli adulti mi pare inopportuno e, oso dire, anche ‘pericoloso’.
      Meno male che quanto raccontato (pubblicamente?! Spero che si sia trattato solo di una finzione letteraria di questo blog) dalla maestra è percepito dallo hobbit piccolo in modo completamente diverso, come deve essere!
      ‘Bambini e basta’ è il titolo di un libro di un’autrice giustamente molto apprezzata anche da Elasti. Sottotitolo: ‘Perché non dobbiamo dimenticare che i grandi siamo noi’.

  10. Hahahahahaha per un attimo il mio stordimento (no, non vivo in Azerbaigian, ma sono storditissima, ultimamente) mi ha fatto confondere lo hobbit piccolo con lo hobbit grande, che, se non mi sbaglio, aveva anche lui una fidanzata Rebecca che una volta, venuta nell’elasti-casa, si lamentò del disordine nella stanza degli hobbit ed Elasti scrisse di non essere pronta per una suocera…. Hahahahahahahahaha e comunque l’idea dello hobbit mi sembra il modo più geniale di depistare le domande!!! 😀 ❤

  11. Io che sono madre di figlie femmine (ben due), so tutto dei loro amorazzi (e mi godo questo momento, temendo i famigerati 16 anni, durante i quali gli amorazzi si tengo ben nascosti). Sapessi quanti tormenti per un bacio non ricambiato di uno scanzonato cinquenne.

  12. Stefania sono d’accordo!
    E poi la maestra come si permette?Prima dà lei una lettura da adulti di un atteggiamento di preferenza da bambini e poi li prende pure in giro ad una riunione? Bel modo di prendere sul serio le persone!

  13. Ma no, dipende dai maschi e dalle femmine.
    Io ho un maschio adolescente di cui so, e ho sempre saputo, tutti i tormenti amorosi e una femmina che non mi direbbe mai nulla.

    Piuttosto la maestra non avrebbe dovuto dirlo alla riunione, non è carino, anche se fa tenerezza.
    Ma mai come il professore del liceo di mio figlio, che ai colloqui mi ha detto di sapere…
    Per fortuna che sapevo anche io da mio figlio, se no sai che imbarazzo per tutti?

  14. E però, poi, la proposta romantica (“vedere insieme le figurine doppie dei dinosauri”) la fa all’unica vera donna della sua vita! Queste maestre non capiscono nulla…

  15. negare sempre. ho il sospetto che ai tempi il mio grande scelse il nome (inconsueto) per la sorella che doveva nascere perchè così si chiamava una compagna di scuola. ovviamente ha sempre negato.

  16. Mia figlia ha quasi tre anni (ultimo anno di asilo nido) e già dalla fine dell’anno scorso è “vicina” ad un amico dell’asilo, dormono nella stessa brandina, lui le fa le coccole e le dà i bacini anche mentre giocano, quando si vedono si illuminano come due lampadine, si danno la mano e vanno via felici…ma non sarà un po’ prestino? 😉

    1. non credo che sia presto: credo che sia una meraviglia! 😉
      e che dovremmo stupirci ed imparare tante cose da questi piccoli episodi qui
      le cose poi si complicano enormente – non ho mai capito se e’ davvero necessario, che si complichino, o se e’ solo per comportamento appreso, abitudine, pressione sociale…
      ogni tanto fa bene tornare alle origini, al semplice…
      Claire

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...