Nonsolomamma

imprevisti

oggi elastigirl sarebbe dovuta andare a roma in giornata per un invito in tivvù.
sempre oggi lo hobbit di mezzo, secondo le approssimative elasti-informazioni, sarebbe dovuto entrare a scuola alle 10 a causa di un’assemblea sindacale.

gli hobbit avevano enormemente protestato per questa trasferta romana di circa sei ore della loro sciagurata madre (“perché vai, mamma, perchééééé?” “ragazzi, vado e torno! per le dieci di sera sono a casa!” “devi proprio?” “sì. devo e voglio! è mai possibile che quando parte papà, ogni settimane, non fate una piega e se io mi assento una volta ogni morte di papa per pochissimo, protestate come se fuggissi con darth vader?” “ma tu sei la mamma” “bell’affare”).
lo hobbit medio aveva enormemente gioito per queste due ore di vantaggio rispetto ai fratelli.

improvvisamente tutto è cambiato.

lo hobbit di mezzo con cindy si è presentato alle 10 a scuola, baldanzoso. i cancelli erano chiusi. “ma non bisognava entrare adesso per un’assemblea sindacale?” “no, l’assemblea sindacale è la prossima settimana e voi siete due storditi. tornatevene a casa. a quest’ora non si può più entrare”. lo hobbit ha incolpato elastigirl che non aveva letto attentamente l’avviso. elastigirl ha ammesso la sua negligenza ma ha incolpato lo hobbit perché le aveva detto, con spavalda sicumera, che l’assemblea sarebbe stata oggi. e lei, erroneamente, si era fidata e ha firmato senza controllare.
intorno alle 11, mentre elastigirl stava infilandosi un sobrio, forse pure triste, tubino nero dopo avere meditato un tempo infinito davanti all’armadio, il telefono è squillato. “pronto, elasti, abbiamo un’emergenza. napolitano si dimette, il tg3 fa uno speciale. il programma salta. non devi più partire. ci dispiace. molte scuse. puoi venire tra due settimane?”.
così elastigirl si è tolta il tubino, si è messa un paio di jeans vecchi e brutti e ha pensato che aveva tre opzioni:
– mettersi a lavorare per una serie di incombenze che la agitano e le pesano
– sbattere fortissimo la testa contro il muro, cadere svenuta e recuperare un po’ di sonno ché ce n’è sempre di bisogno
– concedersi una giornata di sbraco&svago con lo hobbit di mezzo.
“ok. lavoro fino alle 13,30 poi svago&sbraco”, ha comunicato al medio con gli occhi tondi e lo sguardo più euforico e spiritato del solito.
così lei ha lavorato un po’ e poi insieme hanno mangiato selvaggi e poi hanno fatto un torneo di calcetto (“mamma, è un gioco di polsi! polsi! non è possibile che tu non abbia ancora imparato. guardami attentamente! vedi? polsi!” “dammi tempo. non è un gioco per cui sono dotata. ma mi piace tantissimo. mi era successa la stessa cosa con la danza del ventre: la amavo alla follia ma non ero dotata” “e alla fine l’avevi imparata la danza del ventre?” “no, mai. ero negata” “ecco, appunto. sei sicura di voler continuare a giocare?”) e poi hanno preso una macchinina del car sharing e sono andati al cinema in centro.
e hanno visto pride. che è un film bellissimo. istruttivo, divertente, commovente, struggente. alla fine lo hobbit ha detto: “mi è piaciuto proprio questo film comunista”. elastigirl ha anche pianto. però di nascosto.

35 thoughts on “imprevisti

  1. Ohhhh Leader…
    Abbiamo visto Pride quassu uscito qualche mese fa…..bel film…..bella storia….abbastanza communista….
    Da una storia vera

  2. che figata strapazzesca di giornata!!!
    di la veritra che compensa dell’incubo del giorno prima…
    bravissimi te e l’hobbit di mezzo!
    claire

  3. Ma… non esiste l’entrata/uscita fuori orario? Forse sarò un po’ dittatrice ma se, per qualsiasi motivo, i miei figli non riescono ad arrivare in tempo a scuola approfittiamo dei “varchi” che da la scuola per entrare in orari prestabiliti…

  4. Un tubino nero?!?! Ma noi volevamo vederti “almeno” con il tappeto erboso! Il casco di banane ….forse sarebbe stato un po’ eccessivo.
    Però confessa che ci avresti abbinato ameno una scarpetta “green”, tipo quelle con il mare che hai sfoggiato dal Presidente.

  5. ciò mi lascia intuire che saresti stata ospite a “pane quotidiano”!
    mi raccomando, quando avrai la data del prossimo invito, scrivilo quì con anticipo!
    e dormi, ogni tanto, chè sennò perdi il vizio!
    ciao

    1. Perché? è una commedia molto leggera e ben costruita, non ha veramente niente di pesante anche se ci sono scioperi e minatori di mezzo. adattissima ai ragazzini

      1. 8 ai non mi sembra un ragazzino ma un bambino! Vorrei poi capire quante battute sono state comprese.io ho visto solo il trailer e non lo ritengo adatto ad un bambino. Sarò bacchettona ?

  6. esatto perché? mia figlia decenne qualche domenica fa ha visto, e apprezzato, Torneranno i prati di Olmi! Pride è un bellissimo film di divertimento intelligente

  7. IL CALCETTO!!!! Dunque era quello il coso con le ali!!! Forse tu l’avevi già detto ma io non leggo sempre tutti i commenti…quindi ancora ci pensavo e perdevo il sonno! AAAARGH!

  8. E l’auto color taxi ricevuta in dono?
    Comunque, Pride è un bel film di formazione, non solo adatto ma anzi consigliato ai ragazzi: insegna che devono tirar fuori quello che sono veramente, e lottare per accettarsi e farsi accettare, anche se ciò comporta l’assumersi ruoli scomodi. Più che comunista, un bel film punto e basta!

  9. Le sane litigate fanno decisamente crescere meglio! Viva la famiglia barese! Ma la tua metà napoletana si è atrofizzata del tutto? Una curiosità ma tifi inter? Perdonatemi le divagazioni!

    1. perché era nato a napoli da mamma napoletana e papà pugliese. era molto napoletano nello spirito ma solo per metà nel sangue. e di coneguenza io sono napoletana per un quarto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...