Nonsolomamma

metodi alternativi

“è la prima volta che viene da noi?”
“sì”
“non ha mai fatto un holter prima?”
“no”
“si spogli dalla cintola in su”

“io ora le metto questi elettrodi che lei terrà per 24 ore. in pratica questo è un elettrocardiogramma della durata di un giorno e di una notte”

“poi le lego questa scatolina in vita. lei non la tocchi. lasci tutto come gliel’ho messo io fino  a domani. chiaro?”
“chiaro”
“si può rivestire”

“le consegno questo foglio che sarà il suo diario delle prossime 24 ore. ha presente un diario?”
“sì. sono piuttosto brava a scrivere i diari. lo faccio da quando ho imparato a scrivere”
“ottimo. lei qui però deve scrivere solo quello che fa di anomalo: se sale le scale, se va in bicicletta, se dorme, se si arrabbia, se si agita…”
“posso andare in palestra?”
“no! altrimenti il risultato si sballa tutto. per 24 ore faccia una vita normale ma non vada in palestra”
“va bene. immagino che non mi potrò nemmeno lavare”
“no, infatti. e non può nemmeno avere rapporti”
“cercherò di resistere”
“e se proprio non riesce a resistere…”
“…”
“usi metodi… alternativi!”
e all’aggettivo “alternativi” l’infermiera, che ha specificato di essere già tre volte nonna nonché sposata da 42 anni, ha avuto un guizzo gaudente e lascivo nello sguardo che apriva squarci su una sessualità sfrenata e fantasiosa, benché non propriamente acerba.

qualche settimana fa, elastigirl ha fatto un un elettrocardiogramma di controllo per una visita medica annuale. “c’è qualche extrasistole, che è un battito del cuore anticipato” ha detto la dottoressa. “è un fenomeno molto comune: di solito non è niente, ma per precauzione chieda al suo medico curante”.
il suo medico curante le ha detto: “meglio controllare. un holter non si nega a nessuno”.
wikipedia, che non bisogna guardare mai ma poi non si resiste, dice: “le extrasistoli compaiono comunemente in soggetti sani, in qualsiasi età, compresa l’infanzia. talvolta sono espressione di stress, ansia, stanchezza, sforzi fisici, deprivazione di sonno, tabagismo, uso di stupefacenti, abuso di caffeina”.
così, piena di elettrodi e deprivata di sonno, elastigirl in queste 24 ore fa una vita normale ma non si lava e fantastica dei metodi alternativi evocati dall’infermiera che, chiaramente, la sa lunghissima.

22 risposte a "metodi alternativi"

  1. Comunque a parte uso di stupefacenti e tabagismo le altre cause le hai infilate tutte, te lo dico io anche senza holter da che dipendono le extrasistole!

  2. Comunque a parte uso di stupefacenti e tabagismo le altre cause le hai infilate tutte, te lo dico io anche senza holter da che dipendono le extrasistole!

    1. giu’ le mani da wikipedia! io la uso per lavoro (quando non mi ricordo le formule), la consulto per la chimica dei medicinali che prendo e la finanzio pure!
      la conoscenza rende liberi (ed anche molto ipocondriaci 😀 )

  3. non si getta il sasso per nasconder la mano: adesso l’infermiera cadauna i metodi alternativi!e vediamo se ha il coraggio!
    cito E.R. (o forse era Gray’s Anatomy): siamo in ospedale, si puo’ dire “pene”
    ecco: qualcosa di simile

  4. Allora, stamattina ripensavo a questa faccenda dei metodi alternativi. 😀 Io l’ho capita così: non avere rapporti perché si hanno addosso gli elettrodi la scatolina ecc, cioè per non incasinare e staccare tutto. Dunque i metodi alternativi sono quelli che non prevedono eccessivo strusciamento del corpo. Elasti che dici? E’ possibile? Perché se no… mistero! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.