Nonsolomamma

18

ehi, tu
belloccio. ehi tu, occhi grigi e poi verdi e poi blu, capelli al vento, addominali scolpiti, bicipiti d’acciaio.
“you are not just a pretty face” ha esclamato un giorno, con un certo stupore, la nostra amica americana. per fortuna no, non sei solo un bel faccino, anche se in passato ti piaceva farlo credere.
tu, che hai un intuito disarmante, un udito da supereroe e l’empatia magica di uno specchio.
tu, che sei contemporaneamente un uomo di mondo e delle caverne, che ti accorgi di ogni cosa, che sei ruvido e accogliente, che sei protettivo e solido, che nascondi le tue crepe dietro una spacconeria coriacea.
tu che stai imparando a conoscerti, che stai coltivando passioni nuove e grandi. e leggi. già, leggi. e io che pensavo fossi analfabeta. invece no. tu che vorresti avere avuto vent’anni negli anni 70, che hai un’insana passione per la politica extraparlamentare di quel periodo, per i movimenti studenteschi e dici che “la banda bellini” è il libro più bello mai scritto nella storia (e io, unica nella famiglia, me lo sono anche letto tutto, ti ricordo). tu che hai ricevuto in regalo un manifesto del maggio francese da noi, un eskimo dalla compagna M e da tuo fratello di mezzo una maglietta con una tua foto con la faccia d’angelo e la scritta “io dico no al sesso prematrimoniale”. che ti alleni con le canzoni di protesta, che, presentandoti l’altro giorno a degli estranei hai detto: “sono interessato alla lotta armata” e noi, i tuoi genitori, siamo morti dentro.
tu, che sei il primo e mi hai insegnato l’ingrato e magnifico mestiere di genitore. tu che non mi somigli ma siamo identici. e abbiamo pensieri simmetrici e risate sincrone. che siamo fatti della stessa pasta contorta e forse è per questo che ogni tanto facciamo la guerra. che parliamo la stessa lingua che ci unisce e ci esaspera.
tu, che hai scelto la compagna M di cui tutti noi ci siamo innamorati, che ci fai molto ridere e molto arrabbiare, che puoi vincere nella stessa serata il record mondiale di amabilità e di detestabilità. che sei una meraviglia, anche se ti diverti a disegnarti altrimenti. che il sabato a prepari pranzi improbabili per te e sneddu, che giochi con il tuo papà ai videogiochi per farlo contento, che vuoi che a casa sia tutto in ordine e non tolleri i cambiamenti. che pensi di essere il capo di questa famiglia.
tu, che quando ti guardo mi domando come sono riuscita a farti così, ancora di più di come ti sognavo da piccola.
tu, che hai compiuto 18 anni e forse ti eri illuso di essere troppo grande per gli auguri della mamma. ma no, per me, troppo grande, non diventerai mai.
tanti auguri hobbit maggiorenne



9 pensieri riguardo “18

  1. Auguri tanti a maggiorenne e relativa madre; grazie per il concetto di “ siamo fatti della stessa pasta contorta “ in cui sono racchiusi tanti ma tanti di quei ragionamenti che mi terranno impegnato per la serata e pure la nottata, non scherzo, grazie, grazie grazie, davvero. Pasta contorta ma anche senza 😊, nel senso della 🎂; impasti, pasticceria, E.Knam e, ciao! Saluti Paolo

    Paolo Macchi

    >

  2. Che emozione 18 anni! Augurissimi anche da me. La cosa che mi tocca ogni volta nel leggere gli auguri di Elasti è il grande rispetto che hai verso i suoi figli. Fin da piccolini li hai sempre visti come “diversi da te”; li sostieni, li supporti, ci ragioni insieme e ti arrabbi alla bisogna, e li aiuti a trovarsi e a trovare la loro strada: grande hobbit grande e grande la di lui mamma.

    OT Ma come è venuta in mente all’hobbit medio l’idea della maglietta? Mi sfuggono evidentemente dettagli delle interazioni fra fratelli maschi adolescenti.

  3. cara Elasti, ti seguo da anni sentendo empatia crescente per te e il tuo mondo. Ho capito perché non ci si stanca di leggerti, tu racconti le cose in divenire, niente dei tuoi pensieri sa di rimasticato. Sei una scrittrice anomala perché molte delle tue storie riguardano il tuo privato facendomi venir voglia di conoscerti di persona. Allan Bennett ne La Sovrana lettrice, ad un certo punto fa dire alla regina: “ probabilmente era meglio incontrare gli autori dentro le pagine dei romanzi, creature dell’immaginazione del lettore come i personaggi. Mi dai un feedback su questo? Mi associo agli auguri del fascinoso e coriaceo figlio❤️

  4. “E io che pensavo fossi analfabeta” “Sono interessato alla lotta armata” e il sesso prematrimoniale… ahahah fantastico l’hobbit maggiorenne!!! Tanti tanti auguri ❤🧡💛 siamo tutti un po’ orgogliosi 🙂

  5. Sempre bello leggerti Claudia, ci si rasserena.
    Ho tre figlie ormai fuori casa, sono di Bergamo e spero una volta di conoscerti, magari se riuscissi a organizzare un incontro pubblico qui.
    Sai che mi hai dato l’idea di scrivere qualcosa del genere alle mie figlie, ormai adulte?
    Qualche anno fa avevo scritto un racconto per loro intitolato” Sorelline”, in cui ho ripercorso tutti i passaggi della loro infanzia.
    Dai, speriamo di incontrarci, altrimenti potrei fare un blitz, all’alba a Radio 2!!
    Cari saluti
    Simonetta

  6. Augurissimi al neo maggiorenne 🥳 che ogni suo sogno possa realizzarsi…. forse quello per la lotta armata… anche no 😬

Rispondi a Paolo Macchi Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.