Nonsolomamma

il motivatore

“ehi, hobbit grande, mi guardi un momento?”

“ti sto guardando”

“ecco. come sto?”

“perché sei vestita così tutta chic&shock?”

“perché devo andare in tv, te l’avevo detto”

“ah”

“comunque non sono chic&shock. ho un vestitino nero tranquillissimo”

“effettivamente più che chic&shock sei un po’ orfanella”

“ecco, grazie”

“orfanella ma swag”

“senti, swag sarai tu. secondo te sono meglio le calze gialle o le calze arancioni?”

“mah… è una bella gara…. forse le arancioni”

“e dimmi un po’… meglio questi stivali o questi qui?”

“ma il tuo scopo qual è?”

“che tu mi dia un consiglio”

“no, voglio dire, con questa roba che hai addosso, il tuo scopo qual è? che si notino le calze?”

“ma no. lo scopo è essere carina, senza strafare. una cosa giusta, misurata ma con un suo perché. allora, questi stivali?”

“sembri pippi calze lunghe”

“ok. siccome il mio modello non è esattamente pippi calzelunghe, escluderei questi stivali. meglio questi altri?”

“sembri una guardia imperiale di guerre stellari”

“eddai!”

“mi hai chiesto un consiglio, no? io sono schietto e sinGero con te”

“grazie. apprezzo molto che tu sia schietto e soprattutto sinGero. cosa ne dici di queste scarpe?”

“mah… sono color topo. è di moda il color topo?”

“va be’, scartiamo pippi, scartiamo le guardie imperiali, scartiamo il topo… restano questi stivali. sono vecchissimi…”

“in mancanza di meglio…”

“sei un vero motivatore nato, tu”

“grazie. ma dove hai detto che devi andare?”

“a rai tre. alle 645. questo pomeriggio, la trasmissione si chiama geo”

“se mi ricordo ti guardo”.

 

89 thoughts on “il motivatore

  1. Una botta di vita: grazie al link qui sopra ti ho visto 5 minuti anch’io…
    1)Calze PERFETTE: per te e per l’occasione
    2)Ho sentito l’erre moscia finalmente 😀 sei l’unica ad avere l’erre moscia e non suonare snob
    3)Il tuo viso ti esprime perfettamente! Mai visto un viso cosi’ perfetto per una persona! Il tuo viso e’ l’Elasti del blog! Guai a te se ti sento dire ancora qualcosa del tuo viso (mai detto, credo) e dei tuoi capelli!
    4)A sentire la giornalista che ti faceva domande su te, a cui sapevo rispondere, mi son sentita come a scuola quando il prof interroga e tu da posto le sai tutte, e ho pensato ‘ma quanto e’ ignorante questa? ma neanche questo sapeva? ma manco il blog o i libri si e’ letta?’ 😀 (cool)
    Claire

    1. Ma Claire… la giornalista deve fare domande per chi ha scoperto il blog ieri con la trasmissione*, mica la intervista per noi che la leggiamo da… no, non me lo ricordo da quanto la leggo.
      Amnesia selettiva.
      Mi ricordo di non averci messo molto a recuperare gli arretrati, cosa che se prova a farlo un nuovo arrivato gli ci va un mese intero come minimo, se legge velocemente.
      Ecco spiegate le domande… note ai vecchi lettori. 😉

      Sì, lo so che lo sapevi.
      Ero in vena di papiri.
      ^_^

      * Ma quanto sono diplomatica oggi! 😉

      1. ARGH mi sto torturando per capire se quando ti definisci diplomatica sei ironica o no!
        Claire
        (che di diplomazia non capisce un’acca, per questo il suo istituto di milano l’ha spedita 4 anni nella patria dell’understatement…)

      2. 😀
        Se ti spiego divento molto poco diplomatica perché direi cose che è meglio che non scrivo, quindi… non ero ironica.

        Stavolta. 🙂

      3. sob: in quasto modo non impararo’ mai… 😦
        ma rispetto la tua decisione perche’ per come la spieghi mi pare sensata 😉
        Cl
        (ps mi hai reso curiosissima… quali sono queste cose che e’ meglio che tu non scriva??????)

  2. Cara Elasti, finalmente sono riuscita a vedere il programma: adesso. E lasciati dire che mi hai fatto una gran tenerezza: sei una bimba anche tu (non solo i tuoi hobbit)!
    🙂

  3. Carissima Elasti, ti ho scoperto solo ieri guardando Geo and geo. Normalmente a quell’ora anch’io sono in giro a “raccattare i miei figli qua e là ( calcio, piscina, nonni ecc) oppure in ufficio….ma ieri ero malata a casa e così mi sono concessa di guardare la TV da sola e così ho scoperto il tuo mondo, che incredibilmente assomiglia al mio e…credo (visto il tuo successo) a quello di migliaia di mamme! Devo ammettere che mi sono sentita meno strana e meno in colpa…quando hai detto che è bello fare colazione in solitudine e crollare sul divanetto a qualunque ora…in qualunque posto per la stanchezza. Ho pensato che desideri strani abbiamo noi mamme!!! Altro che grandi serate mondane per “evadere”, ci basta solo un poco di tempo e “solitudine” ritagliati dentro i nostri stessi spazi quotidiani per recuperare energia…e ordine nei pensieri. Purtroppo questa è quasi un’utopia…un miraggio…le belve sono sempre in agguato a chiedere qualcosa…!!!

  4. Mi permetto di dissentire un po’ dal coro: sei stata bravissima e mi sei piaciuta molto sia con le calze arancioni che col nuovo taglio di capelli. Ma all’intervista, seppur piacevole, è mancato qualcosa secondo me, non ne ho capito il senso: fare promozione a Caterpillar AM? A questo blog? Parlare delle sfide quotidiane delle mamme? Questo tema è stato sfiorato con ironia e leggerezza, com’è nel tuo stile, è vero, ma senza un messaggio, un contenuto preciso. Sei partita colmando un vuoto, hai creato il “mestiere” di mamma-blogger e un personaggio che ti è valso il riconoscimento del Presidente Napolitano. Ti abbiamo visto sostenere progetti importanti come StandupforAfricanMothers.. Adesso che lavori nel servizio pubblico, secondo me potresti fare un ulteriore salto di qualità e in certe occasioni far sentire la voce delle mamme italiane in maniera più incisiva, non limitandoti a tratteggiare la nostra quotidianità con leggerezza e ironia (che comunque può essere un’arma potentissima se usata bene, come tu sai fare).
    Non so se sono riuscita a spiegarmi, spero di sì. Prendetela per quel che è, una personale riflessione e un piccolo incoraggiamento a portare avanti qualcosa di concreto per le “nonsolomamme” italiane – che ne hanno tanto tanto bisogno. Forse non era Geo&Geo la trasmissione per iniziare a fare questo, quindi spero di rivederti presto…. alla prossima apparizione in TV!

  5. Apprezzamenti:
    il taglio dei capelli è perfetto, le calze colorate con vestitino nero vanno sempre bene,
    Critiche:
    gli stivali, parli troppo velocemente.

  6. sicuramente non ricordo le scarpe che indossavi, ma per caso ho sentito l’intervista mentre preparavo la pappa al mio pupetto…e mi hai colpito molto! non posso far a meno di seguirti!!

  7. Ciao Elasti. Ti ho riconosciuto in TV grazie al tuo timbro di voce così particolare che attira sempre la mia attenzione quando ti ascolto alla radio. Io sono una donna atipica: non ho notato il tuo vestito, né le calze. Trovo invece che hai un sorriso solare che mette allegria all’istante. E poi ho apprezzato ciò che hai detto: come madre vuoi che i tuoi figli diventino “brave persone”. Questo non è affatto scontato perché ancora la nostra cultura, a volte medievale, porta molte madri a trattare i loro figli, soprattutto se maschi, come sempre dei “ragazzi” che non diventeranno mai adulti e dai quali si deve pretendere poco… Non capiscono perché sono ragazzi, non affrontano i problemi perché sono ragazzi, non hanno responsabilità perché sono ragazzi…
    Finalmente qualcuno che si preoccupa dei propri figli pensando a come saranno da uomini!!! Complimenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...