Nonsolomamma

una seduta di autoipnosi

“ecco l’elenco, in ordine alfabetico. dovrebbero esserci tutti” “non posso crederci. come hai fatto a ricordarteli tutti?” “ho fatto una seduta di autoipnosi” “ma tu guarda… c’è anche… no!!!! e questo chi è? mica me lo ricordo… guarda che cristina si chiamava morelli, non morilli” “forse morotti?” “ma nooo! nardulli!” “io mi ricordo solo che…… Continue reading una seduta di autoipnosi

Nonsolomamma

una valigia

prima che nonno A fosse inghiottito da quel sonno vorace e senza scampo, elastigirl la sera, verso le 9 gli telefonava. negli ultimi tempi lui era sofferente e insofferente, rispondeva con una voce triste che non gli era mai appartenuta. “mi piace parlare con te, ciccetti”, le aveva detto un giorno. “non ci parliamo mai”,…… Continue reading una valigia

Nonsolomamma

amarcord

quando era malata, da piccola, elastigirl si trasferiva al quinto piano, a casa della nonna sara. si installava sul letto che un tempo era stato della sua mamma, con il copriletto di cotone verde ricamato. per l'occasione veniva tirato fuori da un armadio un tavolino-per-malati, pieghevole, di legno, dotato di ogni comfort, tra cui un…… Continue reading amarcord